Apri il menu principale

Gran Premio di San Marino 2006

corsa automobilistica
San Marino Gran Premio di San Marino 2006
754º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 4 di 18 del Campionato 2006
Imola
Imola
Data 23 aprile 2006
Nome ufficiale XXVI Gran Premio Foster's di San Marino
Luogo Autodromo Enzo e Dino Ferrari
Percorso 4,993 km
Distanza 62 giri, 305.609 km
Clima soleggiato
Risultati
Pole position Giro più veloce
Germania Michael Schumacher Spagna Fernando Alonso
Ferrari in 1'22.795 Renault in 1'24.569
Podio
1. Germania Michael Schumacher
Ferrari
2. Spagna Fernando Alonso
Renault
3. Colombia Juan Pablo Montoya
McLaren-Mercedes

Il Gran Premio di San Marino 2006 si è svolto il 23 aprile ed ha visto ritornare alla vittoria Michael Schumacher, dopo un digiuno che durava dal Gran Premio degli Stati Uniti 2005. Dopo il tedesco si sono piazzati Fernando Alonso e il colombiano Juan Pablo Montoya, rispettivamente su Renault e McLaren. Sono andate a punti l'altra Ferrari di Felipe Massa, la McLaren di Kimi Räikkönen, l'australiano Mark Webber, l'inglese Jenson Button e il pilota della Renault Giancarlo Fisichella. Con questa vittoria il tedesco guadagna due punti su Alonso e si porta secondo a -15, mentre la Ferrari guadagna 6 punti sul team di Flavio Briatore, portandosi terza a -21 e a -3 dalla McLaren. La gara segna la 85ª vittoria di Schumacher e la 66ª pole position, così batte il record di Ayrton Senna di sessantacinque pole.

Indice

QualificazioniModifica

Prima SessioneModifica

CronacaModifica

La prima sessione si conclude con l'eliminazione delle due Super Aguri, delle due Midland, di Scott Speed e di Christian Klien: l'austriaco aveva fatto segnare lo stesso tempo di Villeneuve, buono per superare il taglio, ma è stato eliminato per averlo fatto segnare dopo il pilota canadese. Ancora una volta è da segnalare l'ottima prestazione di Vitantonio Liuzzi, ottiene il dodicesimo tempo.

Piloti EliminatiModifica

* Pilota Eliminato Auto Tempo Distacco dal 16°
22  Yuji Ide  Super Aguri 1:29.282 +3.872
21  Takuma Satō  Super Aguri 1:27.609 +2.199
20  Christijan Albers  Midland 1:27.088 +1.678
19  Tiago Monteiro  Midland 1:26.820 +1.410
18  Scott Speed  Toro Rosso 1:25.437 +0.027
17  Christian Klien  Red Bull 1:25.410 +0.000

Tempo per salvarsi: 1:25.410 (Villeneuve-Bmw)

Seconda SessioneModifica

CronacaModifica

La seconda sessione si apre con 6 auto in meno e vede l'eliminazione di uno dei piloti in testa al mondiale:Giancarlo Fisichella (11°). Le altre eliminazioni erano "previste", con l'esclusione dalla Q3 di Liuzzi, Heidfeld, Coulthard, Rosberg, Villeneuve, mentre riesce a salvarsi Mark Webber sulla Williams.

RisultatoModifica

* Pilota Eliminato Auto Tempo Distacco dal 10°
16  Vitantonio Liuzzi  Toro Rosso 1:24.520 +0.760
15  Nick Heidfeld  Bmw 1:24.119 +0.359
14  David Coulthard  Red Bull 1:24.101 +0.341
13  Nico Rosberg  Williams 1:23.966 +0.206
12  Jacques Villeneuve  Bmw 1:23.887 +0.127
11  Giancarlo Fisichella  Renault 1:23.771 +0.011

Tempo per salvarsi: 1:23.760 (Montoya-McLaren)

Terza SessioneModifica

CronacaModifica

L'ultima sessione vede dominare Michael Schumacher, che conquista la 66esima pole position al fianco di Button. Il leader del mondiale Alonso è distanziato di quasi un secondo (+0.914) e parte in quinta piazza a fianco del fratello di Michael, Ralf Schumacher. Da notare le due Honda che si piazzano seconde e terze, anche se sono spacciate come le auto più leggere, mentre il più pesante della top 10 era considerato Alonso.

RisultatoModifica

* Pilota Auto Tempo Distacco dal 1°
10  Mark Webber  Williams 1:24.795 +2.000
09  Jarno Trulli  Toyota 1:24.172 +1.337
08  Kimi Räikkönen  McLaren 1:24.158 +1.363
07  Juan Pablo Montoya  McLaren 1.24.021 +1.226
06  Ralf Schumacher  Toyota 1:23.772 +0.977
05  Fernando Alonso  Renault 1:23.709 +0.914
04  Felipe Massa  Ferrari 1:23.702 +0.907
03  Rubens Barrichello  Honda 1:23.242 +0.447
02  Jenson Button  Honda 1:22.988 +0.193
01  Michael Schumacher  Ferrari 1:22.795 -----

Pole Time: 1:22.795 (M.Schumacher-Ferrari)

GaraModifica

CronacaModifica

La partenza lascia le posizioni di testa invariate, mentre nelle retrovie Ide compie una manovra azzardata alla Villeneuve venendo a contatto con Albers: il pilota olandese capotta ripetutamente senza riportare conseguenze fisiche. La condotta non sarà priva di conseguenze: in gara il pilota giapponese sarà costretto prima a due soste in due giri e poi al ritiro nel corso del ventitreesimo giro per problemi alle sospensioni, i commissari di gara, dopo il gesto scorretto, decideranno di revocargli la superlicenza.

La gara prosegue e i primi a fermarsi sono Button e Barrichello. Dopo di loro è il turno delle Ferrari, che lasciano la vetta della gara a Montoya, che però si ferma il giro seguente. In questa fase si ritira Trulli a causa di un problema allo sterzo.

All'inizio del trentesimo giro Button si ferma per la seconda sosta: il bocchettone del rifornimento rimane incastrato e, nel ripartire, il britannico lo strappa; si ferma poi nella corsia dei box per permettere ai meccanici di staccarlo per poi ripartire, comunque fortemente attardato. In testa si trova così Alonso, che inizia a spingere facendo segnare il giro più veloce della gara. Dopo la sosta, però, non riesce a rientrare davanti a Michael Schumachere accodandosi dietro al pilota tedesco.

Nella seconda metà di gara Schumacher accusa dei problemi di graining, che consentono ad Alonso di recuperare circa dieci secondi in soli otto giri. Al quarantunesimo giro lo spagnolo si ferma mentre Schumacher rimane fuori per un giro, nel quale realizza un tempo notevolmente inferiore ai precedenti che gli consente, dopo la sosta ai box, di rientrare giusto davanti al rivale della Renault.

Nell'ultima fase Alonso bracca Schumacher, in un duello che vede i due protagonisti invertire i ruoli rispetto all'anno precedente, senza però riuscire a superare il tedesco della Ferrari, anzi, negli ultimi giri Alonso commette due errori, uno alla Variante Alta e uno alle Acque Minerali che lo allontanano dalla possibilità di vincere. Michael Schumacher taglia così per primo il traguardo, interrompendo la striscia di tre vittorie consecutive della Renault.

RisultatiModifica

Arrivati al traguardoModifica

* Pilota Auto Giri Distacco dal 1°
01  Michael Schumacher  Ferrari 62 -----
02  Fernando Alonso  Renault 62 +2.096
03  Juan Pablo Montoya  McLaren-Mercedes 62 +15.868
04  Felipe Massa  Ferrari 62 +17.096
05  Kimi Räikkönen  McLaren-Mercedes 62 +17.524
06  Mark Webber  Williams-Cosworth 62 +37.739
07  Jenson Button  Honda 62 +39.635
08  Giancarlo Fisichella  Renault 62 +40.200
09  Ralf Schumacher  Toyota 62 +45.011
10  Rubens Barrichello  Honda 62 +1:11.851
11  Nico Rosberg  Williams-Cosworth 62 +1:19.675
12  Jacques Villeneuve  Bmw 62 +1:22.370
13  Nick Heidfeld  Bmw 61 +1 Giro
14  Vitantonio Liuzzi  Toro Rosso-Cosworth 61 +1 Giro
15  Scott Speed  Toro Rosso-Cosworth 61 +1 Giro
16  Tiago Monteiro  Midland-Toyota 60 +2 Giri

RitiratiModifica

* Pilota Auto Giri Motivo
 David Coulthard  Red Bull-Ferrari 47 Sterzo
 Takuma Satō  Super Aguri-Honda 44 Motore
 Christian Klien  Red Bull-Ferrari 40 Idraulica
 Yuji Ide  Super Aguri-Honda 23 Sospensione
 Jarno Trulli  Toyota 5 Ruota
 Christijan Albers  Midland-Toyota 0 Collisione con Y.Ide

Classifiche MondialiModifica

Posizione della garaModifica

Altri progettiModifica

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2006
                                   
   

Edizione precedente:
2005
Gran Premio di San Marino
  Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1