Gran Premio di Siracusa

Il Gran Premio di Siracusa è stata una tradizionale corsa automobilistica riservata a vetture di Formula 1 che si è corsa tra gli anni 50 e 60 del XX secolo sul circuito di Siracusa. Non era valida quale prova del mondiale.

La Ferrari 158 di John Surtees precede la Brabham BT11 di Jo Siffert e la Lotus 33 di Jim Clark sul rettilineo principale nell'edizione del 1965

Tradizionalmente tenuta in primavera, ha costituito per molti anni la prima gara stagionale in Europa per le Formula 1.

L'ultima edizione ebbe due vincitori ex aequo, caso unico nelle gare di Formula 1: la cosa fu possibile, da un lato, per via della limitata precisione del cronometraggio a mano (entro il decimo di secondo) e della mancanza del fotofinish e dall'altro per un preciso accordo tra i due piloti deciso dalla Scuderia Ferrari, che intendeva ricompensare Parkes per il grande lavoro di collaudo che svolgeva e allo stesso tempo non poteva non avere un vincitore italiano dopo la recente scomparsa di Lorenzo Bandini al Gran Premio di Monaco.

Albo d'oroModifica

 
Alberto Ascari e Nino Farina al via di una prova siracusana
anno pilota vettura
1951   Luigi Villoresi Ferrari resoconto
1952   Alberto Ascari Ferrari resoconto
1953   Emmanuel de Graffenried Maserati resoconto
1954   Nino Farina Ferrari resoconto
1955   Tony Brooks Connaught resoconto
1956   Juan Manuel Fangio Ferrari resoconto
1957   Peter Collins Ferrari resoconto
1958   Luigi Musso Ferrari resoconto
1959   Stirling Moss Cooper-Bogward resoconto
1960   Wolfgang von Trips Ferrari resoconto
1961   Giancarlo Baghetti Ferrari resoconto
1962 Non disputatosi
1963   Jo Siffert Lotus resoconto
1964   John Surtees Ferrari resoconto
1965   Jim Clark Lotus resoconto
1966   John Surtees Ferrari resoconto
1967   Mike Parkes /   Ludovico Scarfiotti ex aequo Ferrari resoconto

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica