Gran Premio motociclistico d'Olanda 1992

Il Gran Premio motociclistico d'Olanda 1992 fu l'ottavo appuntamento del motomondiale 1992; si è trattato della 62ª edizione del Gran Premio motociclistico d'Olanda, 44ª valida per il motomondiale dalla sua istituzione nel 1949.

Bandiera dei Paesi Bassi GP d'Olanda 1992
487º GP della storia del Motomondiale
8ª prova su 13 del 1992
Data 27 giugno 1992
Nome ufficiale Grote Prijs van Nederland der K.N.M.V. - 62e Dutch TT
Luogo TT Circuit Assen
Percorso 6,049 km
Risultati
Classe 500
442º GP nella storia della classe
Distanza 20 giri, totale 120,98 km
Pole position Giro veloce
Bandiera degli Stati Uniti Eddie Lawson Bandiera della Spagna Juan Garriga
Cagiva in 2'03,675 Yamaha in 2'04,625
Podio
1. Bandiera della Spagna Àlex Crivillé
Honda
2. Bandiera degli Stati Uniti John Kocinski
Yamaha
3. Bandiera del Brasile Alex Barros
Cagiva
Classe 250
449º GP nella storia della classe
Distanza 18 giri, totale 108,882 km
Pole position Giro veloce
Bandiera dell'Italia Max Biaggi Bandiera dell'Italia Pierfrancesco Chili
Aprilia in 2'06,736 Aprilia in 2'07,831
Podio
1. Bandiera dell'Italia Pierfrancesco Chili
Aprilia
2. Bandiera dell'Italia Luca Cadalora
Honda
3. Bandiera dell'Italia Loris Reggiani
Aprilia
Classe 125
420º GP nella storia della classe
Distanza 17 giri, totale 102,833 km
Pole position Giro veloce
Bandiera dell'Italia Ezio Gianola Bandiera dell'Italia Gabriele Debbia
Honda in 2'17,175 Honda in 2'16,851
Podio
1. Bandiera dell'Italia Ezio Gianola
Honda
2. Bandiera dell'Italia Fausto Gresini
Honda
3. Bandiera dell'Italia Alessandro Gramigni
Aprilia
Classe sidecar
Pole position Giro veloce
Bandiera della Svizzera Rolf Biland Bandiera della Svizzera Rolf Biland
LCR-Krauser LCR-Krauser in 2'10"345
Podio
1. Bandiera della Svizzera Rolf Biland
LCR-Krauser
2. Bandiera del Regno Unito Steve Webster
LCR-ADM
3. Bandiera dell'Austria Klaus Klaffenböck
LCR-ADM

Si svolse sabato 27 giugno 1992 sul circuito di Assen e corsero tutte le classi oltre ai sidecar. I vincitori furono Àlex Crivillé in classe 500, Pierfrancesco Chili in classe 250 e Ezio Gianola in classe 125[1][2]; tra i sidecar si è imposto l'equipaggio Rolf Biland/Kurt Waltisperg.

Classe 500 modifica

 
Kocinski (secondo), Crivillé (primo), Sito Pons (proprietario dell'omonima squadra) e Barros, sul palco di premiazione del podio al termine della gara della classe 500

Prima vittoria nella classe 500 per lo spagnolo Àlex Crivillé, cosa che rappresentò anche la prima vittoria in assoluto per un pilota iberico in questa specifica classe, davanti allo statunitense John Kocinski e al brasiliano Alex Barros. Nessuna modifica in testa alla classifica provvisoria del campionato, dato che per vari motivi non hanno ottenuto punti i piloti che la capeggiano: l'australiano Michael Doohan è stato coinvolto in una caduta durante le prove nella quale ha riportato gravi ferite alle gambe con rischio di amputazione. Pur essendo rientrato quel rischio, le conseguenze saranno un lungo periodo di riabilitazione che lo terrà lontano dalle gare per diversi gran premi. Il secondo pilota in classifica, lo statunitense Kevin Schwantz, è stato costretto al ritiro in gara, mentre il terzo, Wayne Rainey, non era neppure presente a causa delle ferite riportate durante la gara precedente[1][2].

Arrivati al traguardo modifica

Pos. Pilota Squadra Motocicletta Giri Tempo Griglia Punti
28   Àlex Crivillé Campsa Honda Honda 20 42.00.424 20
4   John Kocinski Marlboro Team Roberts Yamaha 20 +0.762 15
12   Alex Barros Cagiva Team Agostini Cagiva 20 +0.793 10º 12
6   Juan Garriga Ducados Yamaha Yamaha 20 +2.254 10
8   Randy Mamola Budweiser Team Yamaha 20 +34.006 8
17   Miguel Duhamel Yamaha Motor France Banco Yamaha 20 +39.944 14º 6
19   Niall Mackenzie Yamaha Motor France Banco Yamaha 20 +40.415 11º 4
33   Corrado Catalano KCS International ROC Yamaha 20 +43.589 12º 3
11   Eddie Laycock Millar Racing Yamaha 20 +44.048 13º 2
10º 26   Kevin Mitchell MBM Racing Harris Yamaha 20 +1'00.115 18º 1
11º 18   Michael Rudroff Rallye Sport Harris Yamaha 20 +1'21.785 16º
12º 15   Cees Doorakkers HEK Racing Harris Yamaha 20 +1'27.838 19º
13º 32   Toshiyuki Arakaki ROC Yamaha 20 +1'33.764 15º
14º 22   Simon Buckmaster Padgett's Motorcycles Harris Yamaha 20 +1'33.999 23º
15º 31   Thierry Crine Ville de Paris ROC Yamaha 20 +1'34.265 20º
16º 27   Serge David ROC Yamaha 20 +1'57.647 22º
17º 23   Nicholas Schmassmann ROC Yamaha 20 +2'03.953 25º
18º 16   Marco Papa Librenti Corse Librenti 20 +2'17.150 26º
19º 30   Peter Graves Peter Graves Racing Harris Yamaha 19 +1 giro 27º
20º 24   Lucio Pedercini Paton Grand Prix Paton 19 +1 giro 28º
21º 25   Josef Doppler ROC Yamaha 15 +5 giri 29º

Ritirati modifica

Pilota Squadra Motocicletta Giri Griglia
36   Claude Arciero Arciero Racing ROC Yamaha 7 30º
7   Eddie Lawson Cagiva Team Agostini Cagiva 6
14   Dominique Sarron ROC Banco ROC Yamaha 6 24º
34   Kevin Schwantz Lucky Strike Suzuki Suzuki 6
10   Doug Chandler Lucky Strike Suzuki Suzuki 2
29   Andreas Leuthe VRP Racing VRP 2 31º

Non partiti modifica

Pilota Squadra Motocicletta Griglia
2   Michael Doohan Rothmans Honda Honda
5   Wayne Gardner Rothmans Kanemoto Honda Honda
21   Peter Goddard Valvoline Team WCM ROC Yamaha 17º
37   Juan López Mella Nivea For Men Team ROC Yamaha 21º

Classe 250 modifica

Nella quarto di litro il podio è stato occupato totalmente da piloti italiani: si è imposto Pierfrancesco Chili davanti a Luca Cadalora e Loris Reggiani; sono sempre gli stessi tre piloti che capeggiano anche la classifica provvisoria, con Cadalora che precede Reggiani di 52 punti e Chili di 62[2].

Arrivati al traguardo modifica

Pos. Pilota Motocicletta Giri Tempo Griglia Punti
7   Pierfrancesco Chili Aprilia 18 38.52.184 20
1   Luca Cadalora Honda 18 +6.674 15
13   Loris Reggiani Aprilia 18 +14.758 12
16   Alberto Puig Aprilia 18 +17.552 10
5   Masahiro Shimizu Honda 18 +18.004 12º 8
8   Jochen Schmid Yamaha 18 +18.756 6
2   Helmut Bradl Honda 18 +18.961 4
6   Loris Capirossi Honda 18 +19.161 14º 3
14   Carlos Lavado Gilera 18 +31.204 13º 2
10º 33   Jurgen van den Goorbergh Aprilia 18 +46.575 20º 1
11º 4   Wilco Zeelenberg Suzuki 18 +46.659 15º
12º 21   Bernard Haenggeli Aprilia 18 +52.379 16º
13º 26   Bernd Kassner Aprilia 18 +52.644 17º
14º 18   Harald Eckl Aprilia 18 +55.605 18º
15º 34   Luis d'Antín Honda 18 +1'10.422 23º
16º 32   Yves Briguet Honda 18 +1'10.695 31º
17º 37   Frédéric Protat Aprilia 18 +1'25.919 25º
18º 12   Jean Pierre Jeandat Honda 18 +1'31.275 28º
19º 30   Adrian Bosshard Honda 18 +1'31.284 26º
20º 25   Eskil Suter Aprilia 18 +1'31.648 29º
21º 67   Michele Gallina Yamaha 18 +1'40.313 32º
22º 35   Erkka Korpiaho Aprilia 18 +1'42.795 33º
23º 20   Renzo Colleoni Yamaha 18 +1'51.090 27º
24º 70   Fokko Kuiper Honda 17 +1 giro 34º
25º 19   Katsuyoshi Kozono Honda 12 +6 giri 22º

Ritirati modifica

Pilota Motocicletta Giri Griglia
10   Paolo Casoli Yamaha 17 21º
36   Patrick van den Goorbergh Aprilia 13 19º
71   Johnnie Boerman Honda 13 36º
31   Bernard Cazade Honda 10 35º
15   Doriano Romboni Honda 9 11º
9   Jean-Philippe Ruggia Gilera 8 10º
24   Adi Stadler Honda 7 30º
29   Max Biaggi Aprilia 6
17   Stefan Prein Honda 2 24º
28   Herri Torrontegui Suzuki 1
11   Andreas Preining Aprilia 0

Classe 125 modifica

Come nella classe superiore, anche il podio della 125 è stato interamente italiano: in questo caso si è imposto Ezio Gianola davanti a Fausto Gresini e Alessandro Gramigni. Nella classifica generale il primo posto rimane al tedesco Ralf Waldmann davanti a Gianola e Gresini, con i tre piloti raccolti in 10 punti[2].

Arrivati al traguardo modifica

Pos. Pilota Motocicletta Tempo Griglia Punti
16   Ezio Gianola Honda 39.14.559 20
2   Fausto Gresini Honda +0.677 15
39   Alessandro Gramigni Aprilia +0.745 12
4   Gabriele Debbia Honda +0.989 10
6   Jorge Martínez Honda +26.295 8
13   Kazuto Sakata Honda +27.057 6
32   Takao Shimizu Honda +30.823 11º 4
31   Carlos Giró Aprilia +34.862 10º 3
3   Ralf Waldmann Honda +42.065 2
10º 15   Bruno Casanova Aprilia +43.189 1
11º 9   Peter Öttl Rotax +51.399 17º
12º 22   Oliver Petrucciani Honda +52.762 15º
13º 35   Loek Bodelier Honda +53.970 13º
14º 19   Hisashi Unemoto Honda +54.771 32º
15º 40   Maik Stief Aprilia +54.977 21º
16º 30   Arie Molenaar Aprilia +1'00.071 19º
17º 27   Julián Miralles Honda +1'01.964 18º
18º 71   Hans Koopman Honda +1'02.955 25º
19º 23   Manuel Hernández Aprilia +1'12.479 23º
20º 14   Hans Spaan Aprilia +1'30.579 20º
21º 28   Alfred Waibel Honda +1'32.911 26º
22º 70   Jos van Dongen Honda +1'33.165 30º
23º 25   Giuseppe Fiorillo Yamaha +1'33.837 35º
24º 29   Hubert Abold Honda +1'34.735 33º
25º 21   Robin Appleyard Honda +1'35.027 36º
26º 41   Luis Alvaro JJ Cobas +2'09.231 14º

Ritirati modifica

Pilota Motocicletta Griglia
  Garry McCoy Rotax 27º
11   Heinz Lüthi Honda 28º
36   Steve Patrickson Honda 34º
26   Fausto Ricci Yamaha 38º
  Antonio Sánchez Honda 31º
20   Kin'ya Wada Honda 16º
34   Alain Bronec Honda 24º
38   Peter Galvin Honda 37º
33   Giovanni Palmieri Gazzaniga 29º
18   Maurizio Vitali Gazzaniga 12º
10   Nobuyuki Wakai Honda

Non partito modifica

Pilota Motocicletta Griglia
  Dirk Raudies Honda 22

Classe sidecar modifica

Prima vittoria stagionale per l'equipaggio Rolf Biland-Kurt Waltisperg, che in gara distanzia tutti i concorrenti. Salgono sul podio anche Steve Webster-Gavin Simmons e Klaus Klaffenböck-Christian Parzer; quarto posto per Egbert Streuer-Peter Brown che rimontano dopo una brutta partenza[3][4].

In classifica Webster rimane in testa con 55 punti, davanti a Klaffenböck a 42 e a Biland a 23.

Arrivati al traguardo (posizioni a punti)[5] modifica

Pos. Pilota Passeggero Sidecar Tempo Punti
  Rolf Biland   Kurt Waltisperg LCR-Krauser 37'20"486 20
  Steve Webster   Gavin Simmons LCR-ADM +15"687 15
  Klaus Klaffenböck   Christian Parzer LCR-ADM +35"173 12
  Egbert Streuer   Peter Brown LCR-Stredor +40"801 10
  Ralph Bohnhorst   Bruno Hiller LCR-BRM 405 +1'02"083 8
  Paul Güdel   Charly Güdel LCR-Yamaha +1'03"595 6
  Steve Abbott   Shaun Smith LCR-Krauser 4
  Markus Egloff   Urs Egloff LCR-Yamaha 3
  Barry Brindley   Scott Whiteside LCR-Yamaha 2
10º   Yoshisada Kumagaya   Brian Houghton LCR-Krauser 1

Note modifica

  1. ^ a b (ES) Alex Crivillé hace el sueno realidad, su hemeroteca.mundodeportivo.com, El Mundo Deportivo, 28 giugno 1992. URL consultato il 28 maggio 2016.
  2. ^ a b c d Che trionfo, 6 italiani sul podio, su hemeroteca.mundodeportivo.com, La Stampa, 28 giugno 1992. URL consultato il 28 maggio 2016.
  3. ^ (FR) Schwantz et Lawson au tapis en 500 et la Suisse retrouve Biland-Waltisperg, La Liberté, 29 giugno 1992, p. 25. URL consultato il 25 febbraio 2019.
  4. ^ (NL) Officials beuken Streuer murw, Nieuwsblad van het Noorden, 29 giugno 1992, p. 13. URL consultato il 12 dicembre 2017.
  5. ^ (FR) Tabella dei risultati su racingmemo.free, su racingmemo.free.fr. URL consultato il 27 gennaio 2017.

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

  Portale Moto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di moto