Apri il menu principale

Gran Premio motociclistico d'Ungheria 1992

Ungheria GP d'Ungheria 1992
488º GP della storia del Motomondiale
9ª prova su 13 del 1992
Hungaroring circuit 1989-2002.svg
Data 12 luglio 1992
Nome ufficiale HB Magyar Nagydíj
Luogo Hungaroring
Percorso 3,868 km
Clima Variabile
Risultati
Classe 500
443º GP nella storia della classe
Distanza 30 giri, totale 116,04 km
Pole position Giro veloce
Stati Uniti Doug Chandler Brasile Alex Barros
Suzuki in 1'43,028 Cagiva in 1'46,862
Podio
1. Stati Uniti Eddie Lawson
Cagiva
2. Stati Uniti Doug Chandler
Suzuki
3. Stati Uniti Randy Mamola
Yamaha
Classe 250
450º GP nella storia della classe
Distanza 28 giri, totale 108,304 km
Pole position Giro veloce
Italia Luca Cadalora Italia Pierfrancesco Chili
Honda in 1'44,069 Aprilia in 1'44,995
Podio
1. Italia Luca Cadalora
Honda
2. Italia Loris Reggiani
Aprilia
3. Spagna Alberto Puig
Aprilia
Classe 125
421º GP nella storia della classe
Distanza 26 giri, totale 100,568 km
Pole position Giro veloce
Italia Alessandro Gramigni Italia Fausto Gresini
Aprilia in 1'50,034 Honda in 1'50,150
Podio
1. Italia Alessandro Gramigni
Aprilia
2. Germania Ralf Waldmann
Honda
3. Italia Fausto Gresini
Honda
Classe sidecar
Pole position Giro veloce
Svizzera Rolf Biland Regno Unito Steve Webster
LCR-Krauser LCR-ADM
Podio
1. Svizzera Rolf Biland
LCR-Krauser
2. Regno Unito Steve Webster
LCR-ADM
3. Austria Klaus Klaffenböck
LCR-ADM

Il Gran Premio motociclistico d'Ungheria 1992 è stata la nona prova del motomondiale 1992, nonché seconda e ultima edizione del Gran Premio motociclistico d'Ungheria.

Si è svolto il 12 luglio 1992 sull'Hungaroring e ha visto le vittorie di Eddie Lawson in classe 500, di Luca Cadalora in classe 250 e di Alessandro Gramigni in classe 125[1][2]; tra i sidecar si è imposto l'equipaggio Rolf Biland/Kurt Waltisperg.

Classe 500Modifica

Ritorno alla vittoria per una casa motociclistica europea dopo vari anni, era dal Gran Premio motociclistico di Francia 1982 con la Sanvenero in una gara peraltro boicottata dai piloti o, addirittura, dal Gran Premio motociclistico di Germania 1976 con la MV Agusta che non succedeva. Ci è riuscita in questo caso la Cagiva con il pilota statunitense Eddie Lawson, già quattro volte campione mondiale ma anch'egli assente dal gradino più alto del podio dal motomondiale 1989.[1][2]

Arrivati al traguardoModifica

Pos. Pilota Moto Tempo Griglia Punti
1   Eddie Lawson Cagiva 58.21.786 7 20
2   Doug Chandler Suzuki 58.35.980 1 15
3   Randy Mamola Yamaha 58.59.516 9 12
4   Kevin Schwantz Suzuki 59.25.394 5 10
5   Wayne Rainey Yamaha 59.29.488 2 8
6   Wayne Gardner Honda 59.57.138 4 6
7   John Kocinski Yamaha 1.00.04.510 3 4
8   Juan Garriga Yamaha 1.00.06.863 6 3
9   Alex Barros Cagiva 1 giro 8 2
10   Eddie Laycock Yamaha 1 giro 20 1
11   Miguel Duhamel Yamaha 1 giro 13
12   Andrew Stroud ROC Yamaha 1 giro 18
13   Thierry Crine ROC Yamaha 1 giro 17
14   Niall Mackenzie Yamaha 2 giri 11
15   Dominique Sarron ROC Yamaha 2 giri 15
16   Michael Rudroff Harris Yamaha 2 giri 16
17   Cees Doorakkers Harris Yamaha 3 giri 22
18   Peter Graves Harris Yamaha 3 giri 24
19   Andreas Leuthe VRP 3 giri 27
20   Serge David ROC Yamaha 4 giri 21
21   Josef Doppler ROC Yamaha 4 giri 26

RitiratiModifica

Pilota Moto Motivo Griglia
  Nicholas Schmassmann ROC Yamaha 23
  Toshiyuki Arakaki ROC Yamaha 12
  Corrado Catalano ROC Yamaha 14
  Kevin Mitchell Harris Yamaha 19
  Lucio Pedercini Paton 25

SqualificatoModifica

Pilota Moto Motivo Griglia
  Àlex Crivillé Honda Cambio moto non ammesso[1] 10

Non partitiModifica

Pilota Moto Motivo Griglia
  Claude Arciero ROC Yamaha 28
  Simon Buckmaster Harris Yamaha 29

Non qualificatoModifica

Pilota Moto
  Larry Moreno Vacondio Harris Yamaha

Classe 250Modifica

Sesto successo della stagione per il pilota italiano Luca Cadalora che ha preceduto il connazionale Loris Reggiani e lo spagnolo Alberto Puig. Il vantaggio in classifica generale per Cadalora è ora di 58 punti su Reggiani[2].

Arrivati al traguardoModifica

Pos. Pilota Moto Tempo Griglia Punti
1   Luca Cadalora Honda 49.29.109 1 20
2   Loris Reggiani Aprilia 49.40.847 3 15
3   Alberto Puig Aprilia 49.47.202 7 12
4   Masahiro Shimizu Honda 49.52.483 15 10
5   Wilco Zeelenberg Suzuki 49.52.607 14 8
6   Helmut Bradl Honda 49.52.820 6 6
7   Doriano Romboni Honda 49.55.771 5 4
8   Jochen Schmid Yamaha 50.00.401 11 3
9   Carlos Lavado Gilera 50.24.118 4 2
10   Herri Torrontegui Suzuki 50.27.256 12 1
11   Bernard Haenggeli Aprilia 50.30.756 24
12   Katsuyoshi Kozono Honda 50.31.063 22
13   Andreas Preining Aprilia 50.45.014 16
14   Stefan Prein Honda 50.45.126 17
15   Bernd Kassner Aprilia 50.45.388 21
16   Frédéric Protat Aprilia 51.08.846 18
17   Renzo Colleoni Yamaha 51.09.769 19
18   Jurgen van den Goorbergh Aprilia 51.14.363 23
19   Michele Gallina Yamaha 51.18.977 28
20   José Kuhn Honda 1 giro 27
21   Bernard Cazade Honda 1 giro 34
22   Patrick van den Goorbergh Aprilia 1 giro 26
23   Eskil Suter Aprilia 1 giro 29
24   Adi Stadler Honda 1 giro 32
25   Luis d'Antín Honda 1 giro 31

Classe 125Modifica

Seconda vittoria stagionale per l'italiano Alessandro Gramigni davanti al tedesco Ralf Waldmann e all'altro italiano Fausto Gresini. La classifica provvisoria del campionato vede sempre Waldmann in testa, seguito da Gresini a 13 punti e Gramigni a 14 punti[2].

Arrivati al traguardoModifica

Pos. Pilota Moto Tempo Griglia Punti
1   Alessandro Gramigni Aprilia 48.15.620 1 20
2   Ralf Waldmann Honda 48.15.739 8 15
3   Fausto Gresini Honda 48.15.766 7 12
4   Nobuyuki Wakai Honda 48.15.952 3 10
5   Gabriele Debbia Honda 48.22.796 6 8
6   Hans Spaan Aprilia 48.23.175 12 6
7   Kazuto Sakata Honda 48.24.702 11 4
8   Noboru Ueda Honda 48.24.860 14 3
9   Bruno Casanova Aprilia 48.29.667 5 2
10   Takao Shimizu Honda 48.34.011 4 1
11   Ezio Gianola Honda 48.35.663 2
12   Loek Bodelier Honda 48.51.101 16
13   Oliver Petrucciani Honda 48.57.373 10
14   Arie Molenaar Aprilia 48.57.430 18
15   Dirk Raudies Honda 49.03.977 15
16   Julián Miralles Honda 49.04.308 19
17   Giovanni Palmieri Gazzaniga 49.13.419 24
18   Alain Bronec Honda 49.27.023 34
19   Robin Appleyard Honda 49.27.124 30
20   Luis Alvaro JJ Cobas 49.42.547 22
21   Hisashi Unemoto Honda 49.42.792 25
22   Alfred Waibel Honda 49.43.335 35
23   Giuseppe Fiorillo Yamaha 49.44.177 29
24   Hubert Abold Honda 49.52.049 26
25   Steve Patrickson Honda 49.53.811 31
26   Peter Galvin Honda 49.53.955 33
27   Tibor Kis Honda 1 giro 36
28   Attila Szabo Honda 2 giri 37

Classe sidecarModifica

In questa classe il podio è lo stesso della gara precedente ad Assen, con Rolf Biland-Kurt Waltisperg vincitori davanti a Webster-Simmons e a Klaffenböck-Parzer. In classifica il leader è sempre Webster, a 70 punti; lo seguono Klaffenböck a 54 e Biland a 43[3][4].

Arrivati al traguardo (posizioni a punti)[5]Modifica

Pos Pilota Passeggero Moto Tempo Punti
1   Rolf Biland   Kurt Waltisperg LCR-Krauser 46'24"347 20
2   Steve Webster   Gavin Simmons LCR-ADM +7"682 15
3   Klaus Klaffenböck   Christian Parzer LCR-ADM +15"755 12
4   Ralph Bohnhorst   Bruno Hiller LCR-BRM 405 +29"665 10
5   Egbert Streuer   Peter Brown LCR-Stredor +32"682 8
6   Yoshisada Kumagaya   Brian Houghton LCR-Krauser +35"719 6
7   Steve Abbott   Shaun Smith LCR-Krauser 4
8   Darren Dixon   Andy Hetherington LCR-Krauser 3
9   Markus Egloff   Urs Egloff LCR-Yamaha 2
10   Jukka Lauslehto   Jørgen Levinsen LCR-ADM 1

NoteModifica

  1. ^ a b c (ES) Lawson hace grande a la Cagiva, El Mundo Deportivo, 13 luglio 1992. URL consultato il 28 maggio 2016.
  2. ^ a b c d La Cagiva vince, Agostini si commuove, La Stampa, 13 luglio 1992. URL consultato il 28 maggio 2016.
  3. ^ (FR) Le plus titré de l'histoire, La Liberté, 13 luglio 1992, p. 25. URL consultato il 25 febbraio 2019.
  4. ^ (NL) Slechte start breekt Streuer in Budapest op, Nieuwsblad van het Noorden, 13 luglio 1992, p. 16. URL consultato il 12 dicembre 2017.
  5. ^ (FR) Tabella dei risultati su racingmemo.free, su racingmemo.free.fr. URL consultato il 27 gennaio 2017.

Collegamenti esterniModifica

Motomondiale - Stagione 1992
                         
   

Edizione precedente:
1990
Gran Premio motociclistico d'Ungheria
Altre edizioni