Apri il menu principale

Gran Premio motociclistico del Baden-Württemberg 1986

Germania GP del Baden-Württemberg 1986
404º GP della storia del Motomondiale
12ª prova su 12 del 1986
Circuit Hockenheimring-1982.svg
Data 28 settembre 1986
Luogo Hockenheimring
Percorso 6,788 km
Risultati
Classe 125
351º GP nella storia della classe
Distanza 14 giri, totale 95,032 km
Pole position Giro veloce
Italia Fausto Gresini Italia Luca Cadalora
Garelli in 2' 22" 94 Garelli in 2' 22" 14 a 171,921 km/h
Podio
1. Italia Fausto Gresini
Garelli
2. Italia Luca Cadalora
Garelli
3. Austria August Auinger
MBA
Classe 80
24º GP nella storia della classe
Distanza 11 giri, totale 74,670 km
Pole position Giro veloce
Germania Gerhard Waibel Svizzera Stefan Dörflinger
Krauser in 2' 30" 93 Krauser
Podio
1. Germania Gerhard Waibel
Krauser
2. Svizzera Stefan Dörflinger
Krauser
3. Paesi Bassi Hans Spaan
Casal
Classe sidecar
Distanza 14 giri, totale 95,04 km
Pole position Giro veloce
Paesi Bassi Egbert Streuer Svizzera Rolf Biland
LCR-Yamaha LCR-Krauser
Podio
1. Paesi Bassi Egbert Streuer
LCR-Yamaha
2. Svizzera Rolf Biland
LCR-Krauser
3. Regno Unito Steve Webster
LCR-Yamaha

Il Gran Premio motociclistico del Baden-Württemberg 1986 è stata l'ultima prova del motomondiale 1986, prima e unica edizione di questo Gran Premio; venne inserito nel calendario iridato in sostituzione del Gran Premio motociclistico del Sudafrica non disputato a causa dell'apartheid.

È stato disputato il 28 settembre sul circuito dell'Hockenheimring e vi hanno corso solo la classe 125 in cui si è imposto Fausto Gresini, la classe 80 in cui si è imposto Gerhard Waibel e i sidecar dove la vittoria è stata dell'equipaggio Egbert Streuer/Bernard Schnieders.

Gli ultimi due titoli iridati ancora da assegnare, 125 e sidecar, furono rispettivamente assegnati all'italiano Luca Cadalora su Garelli e all'equipaggio olandese Streuer/Schnieders (quest'ultimo vinse per il maggior numero di vittorie a parità di punti con i francesi Michel/Fresc)[1][2].

Classe 125Modifica

Arrivati al traguardoModifica

Pos. Pilota Moto Tempo Griglia Punti
1   Fausto Gresini Garelli 33.46.46 1 15
2   Luca Cadalora Garelli 33.47.29 2 12
3   August Auinger Bartol-MBA 33.47.52 3 10
4   Ezio Gianola MBA 33.47.72 5 8
5   Bruno Kneubühler LCR-MBA 33.48.69 4 6
6   Domenico Brigaglia Ducados-MBA 34.18.45 6 5
7   Paolo Casoli MBA 34.33.92 10 4
8   Olivier Liégeois Assmex 34.39.31 7 3
9   Johnny Wickström Tunturi-MBA 34.39.53 15 2
10   Adi Stadler MBA 34.39.85 12 1
11   Mike Leitner MBA 34.40.24 8
12   Norbert Peschke MBA 35.12.20 19
13   Lucio Pietroniro MBA 35.12.49 16
14   Jussi Hautaniemi MBA 35.12.85 25
15   Andrés Sánchez MBA 35.13.37 17
16   Jan Eggens LCR 35.37.92 26
17   Willy Hupperich MBA 35.38.39 36
18   Dirk Hafeneger MBA 35.38.99 18
19   Flemming Kistrup MBA 35.48.60 28
20   Sepp Bader MBA 35.51.70 30
21   Christian Le Badezet MBA 35.57.70 35
22   Peter Balaz MBA 35.38.38 43
23   Heinz Litz MBA 1 giro 42
24   Helmut Hovange Seel 1 giro 41
25   Peter Sommer MBA 1 giro 31
26   Thomas Møller-Pedersen MBA 1 giro 44
27   Robin Milton MBA 1 giro 29

RitiratiModifica

Pilota Moto Motivo Griglia
  Håkan Olsson MBA 21
  Karl Dauer MBA 39
  Nicolas Hernandez Benelli 40
  Ángel Nieto Derbi 27
  Willy Pérez MBA 9
  Claudio Macciotta MBA 11
  Stefan Prein Casal 33
  Ernst Himmelsbach MBA 32
  Jean-Claude Selini MBA 22
  Patrick Daudier PMDF 37
  Bady Hassaine MBA 34
  Erich Zürn Seel 38
  Thierry Feuz MBA 13
  Jacques Hutteau MBA 24
  Paul Bordes MBA 23
  Alfred Waibel MBA 20

Non partitoModifica

Pilota Moto Motivo Griglia
  Pier Paolo Bianchi MBA 14

Classe 80Modifica

Arrivati al traguardoModifica

Pos. Pilota Moto Tempo Griglia Punti
1   Gerhard Waibel Krauser 27.58.50 1 15
2   Stefan Dörflinger Krauser 28.20.07 2 12
3   Hans Spaan Casal 28.32.52 5 10
4   Manuel Herreros Derbi 28.44.95 6 8
5   Wilco Zeelenberg Casal 29.04.78 13 6
6   Hubert Abold Seel 29.05.12 14 5
7   Reiner Scheidhauer Seel 29.06.27 11 4
8   Alfred Waibel Real 29.18.62 12 3
9   Henk van Kessel Krauser 29.21.38 16 2
10   Theo Timmer Huvo-Casal 29.23.58 23 1
11   Salvatore Milano Krauser 29.38.62 21
12   Günter Schirnhofer Krauser 29.39.42 18
13   René Dünki Krauser 29.48.79 19
14   Michael Gschwander Krauser 29.59.78 33
15   Paul Bordes Krauser 29.59.98 39
16   Bert Smit BZ 30.04.70 30
17   Richard Bay Maico 30.05.10 22
18   Reiner Koster Kroko 30.05.81 28
19   Ralf Waldmann Krauser 30.08.00 34
20   Chris Baert Seel 30.08.18 24
21   Josef Lutzenberger Eberhardt 30.19.95 27
22   Peter Öttl Eberhardt 30.20.30 31
23   Reiner Partl Eberhardt 30.33.08 37
24   Johan Auer Huvo-Casal 30.35.78 42
25   Kees Besseling CJB 30.37.20 45
26   Aad Wijsman Harmsen 1 giro 38
27   Raimo Lipponen Krauser 1 giro 35
28   Olivier Friedrich Ziegler 1 giro 44

RitiratiModifica

Pilota Moto Motivo Griglia
  Serge Julin Casal 36
  Stefan Prein Casal 26
  Felix Rodriguez Autisa 32
  Ángel Nieto Derbi 7
  Josef Fischer Krauser 9
  Rainer Kunz Ziegler 10
  Roland Bosch Krauser 43
  Jorge Martínez Derbi 3
  Reinhard Koberstein Krauser 41
  Ian McConnachie Krauser 4
  Jos van Dongen Krauser 25
  Hagen Klein Hess 29

Non partitiModifica

Pilota Moto Motivo Griglia
  Pier Paolo Bianchi Seel 8
  Jörg Seel Seel 15
  Alex Barros Autisa 17
  Thomas Engl Krauser 20
  Brane Rokavec Seel 40

Classe sidecarModifica

All'ultima gara erano ancora tre gli equipaggi in lotta per il mondiale: Alain Michel-Jean-Marc Fresc (69 punti), Steve Webster-Tony Hewitt (61), Egbert Streuer-Bernard Schnieders (60). La corsa di Michel è però compromessa da un inconveniente nell'allacciatura del casco, provocato dalla distrazione di un'intervista per la tv francese TF1[3]; questo gli fa perdere molte posizioni e la sua rimonta non lo porta oltre il 5º posto. Davanti, Streuer-Schnieders vincono dopo un serrato duello con Rolf Biland-Kurt Waltisperg, mentre Webster-Hewitt sono terzi; gli olandesi raggiungono Michel e Fresc a 75 punti e grazie al maggior numero di vittorie si aggiudicano il terzo titolo consecutivo[4].

Un elemento di discussione dopo il GP è la condotta di gara di Rolf Biland, compagno di squadra di Michel nel team Krauser; lo svizzero ha conteso la vittoria a Streuer ma prima del traguardo avrebbe potuto attendere Michel per farlo salire al quarto posto e fargli vincere il mondiale[5].

Arrivati al traguardo (posizioni a punti)[6]Modifica

Pos Pilota Passeggero Moto Tempo Punti
1   Egbert Streuer   Bernard Schnieders LCR-Yamaha 31'50"37 15
2   Rolf Biland   Kurt Waltisperg LCR-Krauser 31'50"57 12
3   Steve Webster   Tony Hewitt LCR-Yamaha 31'54"62 10
4   Alfred Zurbrügg   Martin Zurbrügg LCR-Yamaha 32'12"94 8
5   Alain Michel   Jean-Marc Fresc LCR-Yamaha 32'14"41 6
6   Masato Kumano   Helmut Diehl LCR-Yamaha 32'17"43 5
7   Steve Abbott   Shaun Smith Windle-Yamaha 4
8   Frank Wrathall   Kerry Chapman LCR-Yamaha 3
9   Markus Egloff   Urs Egloff LCR-Yamaha 2
10   Derek Bailey   Brian Nixon LCR-Yamaha 1

NoteModifica

  1. ^ (ES) "Champi" Herreros, subcampeon, El Mundo Deportivo, 29 settembre 1986. URL consultato il 9 maggio 2016.
  2. ^ A Cadalora il titolo mondiale, La Stampa, 29 settembre 1986. URL consultato il 9 maggio 2016.
  3. ^ (FR) Pilotes de Légende: Alain Michel, su bike70.com. URL consultato il 24 novembre 2017.
  4. ^ (NL) Streuer: „Ik heb gewoon alles of niets gespeeld", Nieuwsblad van het Noorden, 29 settembre 1986, p. 18. URL consultato il 24 novembre 2017.
  5. ^ (FR) Albin Michel manque le titre à cause de... Rolf Biland!, La Liberté, 29 settembre 1986, p. 25. URL consultato il 23 febbraio 2019.
  6. ^ (FR) Tabella dei risultati su racingmemo.free, su racingmemo.free.fr. URL consultato il 26 dicembre 2016.

Fonti e bibliografiaModifica

  • Werner Haefliger, MotoGP Results 1949-2010 Guide, Fédération Internationale de Motocyclisme, 2011.

Collegamenti esterniModifica