Gran Premio motociclistico del Brasile 1992

Brasile GP del Brasile 1992
491º GP della storia del Motomondiale
12ª prova su 13 del 1992
Autódromo José Carlos Pace moto.svg
Data 23 agosto 1992
Luogo Circuito di Interlagos
Percorso 4,323 km
Risultati
Classe 500
446º GP nella storia della classe
Distanza 28 giri, totale 121,044 km
Pole position Giro veloce
Stati Uniti John Kocinski Stati Uniti Wayne Rainey
Yamaha in 1'43,403 Yamaha in 1'42.872
(nel giro 7 di 28)
Podio
1. Stati Uniti Wayne Rainey
Yamaha
2. Stati Uniti John Kocinski
Yamaha
3. Stati Uniti Doug Chandler
Suzuki
Classe 250
453º GP nella storia della classe
Distanza 26 giri, totale 112,398 km
Pole position Giro veloce
Italia Max Biaggi Italia Loris Reggiani
Aprilia in 1'44,752 Aprilia in 1'44,478
Podio
1. Italia Luca Cadalora
Honda
2. Italia Max Biaggi
Aprilia
3. Italia Loris Reggiani
Aprilia
Classe 125
424º GP nella storia della classe
Distanza 24 giri, totale 103,752 km
Pole position Giro veloce
Giappone Kazuto Sakata Germania Dirk Raudies
Honda in 1'55,715 Honda in 1'50"262
Podio
1. Germania Dirk Raudies
Honda
2. Spagna Jorge Martínez
Honda
3. Italia Alessandro Gramigni
Aprilia

Il Gran Premio motociclistico del Brasile 1992 fu la dodicesima e penultima gara del motomondiale 1992. Si disputò il 23 agosto 1992 sul circuito di Interlagos e vide le vittorie di Wayne Rainey nella classe 500, di Luca Cadalora nella classe 250 e di Dirk Raudies nella classe 125[1][2].

Inizialmente avrebbe dovuto disputarsi anche la prova relativa ai sidecar, ma è stata annullata a causa dei costi troppo elevati di trasferimento dei materiali in Sudamerica.

Classe 500Modifica

Tornato alle gare dopo il grave incidente delle prove di Assen, il capo classifica del campionato, l'australiano Michael Doohan, ancora in condizioni precarie non è riuscito ad andare oltre il dodicesimo posto della gara. In questo modo lo statunitense Wayne Rainey, vincitore della gara, si è avvicinato a soli due punti, quando manca una sola prova al termine della stagione. Sul podio con Rainey altri due statunitensi, John Kocinski e Doug Chandler[1][2].

Arrivati al traguardoModifica

Pos. Pilota Squadra Motocicletta Giri Tempo Griglia Punti
1   Wayne Rainey Marlboro Team Roberts Yamaha 28 48'33.539 20
4   John Kocinski Marlboro Team Roberts Yamaha 28 +13.010 15
10   Doug Chandler Lucky Strike Suzuki Suzuki 28 +20.755 12
5   Wayne Gardner Rothmans Kanemoto Honda Honda 28 +28.893 10
17   Miguel Duhamel Yamaha Motor France Banco Yamaha 28 +31.234 10º 8
28   Àlex Crivillé Campsa Honda Honda 28 +31.254 6
34   Kevin Schwantz Lucky Strike Suzuki Suzuki 28 +50.401 4
12   Alex Barros Cagiva Team Agostini Cagiva 28 +53.521 11º 3
19   Niall Mackenzie Yamaha Motor France Banco Yamaha 28 +1'02.287 12º 2
10º 8   Randy Mamola Budweiser Team Yamaha 28 +1'10.968 1
11º 7   Eddie Lawson Cagiva Team Agostini Cagiva 28 +1'20.837
12º 2   Michael Doohan Rothmans Honda Honda 28 +1'31.575 14º
13º 14   Dominique Sarron ROC Banco ROC Yamaha 27 +1 giro 17º
14º 32   Toshiyuki Arakaki ROC Yamaha 27 +1 giro 20º
15º 18   Michael Rudroff Rallye Sport Harris Yamaha 27 +1 giro 19º
16º 26   Kevin Mitchell MBM Racing Harris Yamaha 27 +1 giro 21º
17º 16   Marco Papa Cagiva 27 +1 giro 13º
18º 27   Serge David ROC Yamaha 27 +1 giro 22º
19º 23   Nicholas Schmassmann ROC Yamaha 27 +1 giro 23º
20º 11   Eddie Laycock Millar Racing Yamaha 27 +1 giro 25º
21º 29   Andreas Leuthe Harris Yamaha 27 +1 giro 24º
22º 15   Cees Doorakkers HEK Racing Harris Yamaha 27 +1 giro 28º
23º 30   Peter Graves Peter Graves Racing Harris Yamaha 26 +2 giri 27º

RitiratiModifica

Pilota Squadra Motocicletta Giri Griglia
25   Josef Doppler ROC Yamaha 24 30º
24   Lucio Pedercini Paton Grand Prix Paton 12 26º
21   Peter Goddard Valvoline Team WCM ROC Yamaha 4 15º
33   Corrado Catalano KCS International ROC Yamaha 3 16º
22   Simon Buckmaster Padgett's Motorcycles Harris Yamaha 1 29º
6   Juan Garriga Ducados Yamaha Yamaha 0

Non partitoModifica

Pilota Squadra Motocicletta Griglia
37   Juan López Mella Nivea For Men Team ROC Yamaha 18º

Classe 250Modifica

L'italiano Luca Cadalora, già matematicamente campione mondiale, si aggiudica anche la gara davanti agli altri due italiani Max Biaggi e Loris Reggiani[1].

Arrivati al traguardoModifica

Pos. Pilota Motocicletta Giri Tempo Griglia Punti
  Luca Cadalora Honda 26 45'45.808 20
  Max Biaggi Aprilia 26 +3.650 15
  Loris Reggiani Aprilia 26 +3.922 12
  Doriano Romboni Honda 26 +7.560 10
  Jochen Schmid Yamaha 26 +16.221 8
  Helmut Bradl Honda 26 +21.434 6
  Loris Capirossi Honda 26 +30.564 4
  Alberto Puig Aprilia 26 +36.079 12º 3
  Patrick van den Goorbergh Aprilia 26 +38.279 13º 2
10º   Andreas Preining Aprilia 26 +38.294 10º 1
11º   Wilco Zeelenberg Suzuki 26 +42.496 16º
12º   Jean-Philippe Ruggia Gilera 26 +42.721 11º
13º   Masahiro Shimizu Honda 26 +44.279 19º
14º   Carlos Lavado Gilera 26 +57.406
15º   Herri Torrontegui Suzuki 26 +58.146 21º
16º   Bernd Kassner Aprilia 26 +1'06.792 14º
17º   Jurgen van den Goorbergh Aprilia 26 +1'24.828 20º
18º   Yves Briguet Honda 26 +1'28.889
19º   Bernard Haenggeli Aprilia 26 +1'36.182 32º
20º   Frédéric Protat Aprilia 26 +1'45.448 25º
21º   Stefan Prein Honda 26 +1'48.338 33º
22º   Katsuyoshi Kozono Honda 26 +1'49.628 24º
23º   Renzo Colleoni Yamaha 25 +1 giro 29º
24º   Bernard Cazade Honda 25 +1 giro 28º
25º   Luis Lavado Yamaha 25 +1 giro 26º
26º   Adi Stadler Honda 25 +1 giro 35º
27º   Michele Gallina Yamaha 25 +1 giro 31º

RitiratiModifica

Pilota Motocicletta Giri Griglia
  Eskil Suter Aprilia 21 17º
  Pierfrancesco Chili Aprilia 16
  Paolo Casoli Yamaha 15 23º
  Luis d'Antín Honda 15
  Harald Eckl Aprilia 8 30º
  José Kuhn Honda 7 22º
  Adrian Bosshard Honda 2

Non partitoModifica

Pilota Motocicletta
  Walter Catania Aprilia

Classe 125Modifica

Il pilota tedesco Dirk Raudies ottiene il suo primo successo nel motomondiale, precedendo lo spagnolo Jorge Martínez e l'italiano Alessandro Gramigni. Con il terzo posto Gramigni consolida il suo primato in classifica dove ora ha otto punti di vantaggio sull'altro italiano Fausto Gresini[1].

Arrivati al traguardoModifica

Pos. Pilota Motocicletta Tempo Griglia Punti
  Dirk Raudies Honda 44'37.091 20
  Jorge Martínez Honda +11.309 24º 15
  Alessandro Gramigni Aprilia +11.717 12
  Bruno Casanova Aprilia +11.720 10
  Oliver Petrucciani Honda +28.358 8
  Fausto Gresini Honda +31.975 6
  Noboru Ueda Honda +32.248 11º 4
  Nobuyuki Wakai Honda +32.707 3
  Carlos Giró Aprilia +36.723 31º 2
10º   Ezio Gianola Honda +36.845 14º 1
11º   Gabriele Debbia Honda +38.190 12º
12º   Loek Bodelier Honda +41.607
13º   Maik Stief Aprilia +45.300
14º   Kazuto Sakata Honda +55.552
15º   Ralf Waldmann Honda +57.816
16º   Oliver Koch Honda +1'06.370
17º   Takao Shimizu Honda +1'09.301
18º   Manuel Hernández Aprilia +1'19.258
19º   Arie Molenaar Aprilia +1'19.265 18º
20º   Robin Appleyard Honda +1'39.001
21º   Giovanni Palmieri Gazzaniga +1'39.391
22º   Hubert Abold Honda +1'39.770
23º   Heinz Lüthi Honda +1'54.148
24º   Johnny Wickström Honda +2 giri

RitiratiModifica

Pilota Motocicletta Griglia
  Luis Alvaro JJ Cobas
  Alain Bronec Honda
  Peter Galvin Honda 29º
  Julián Miralles Honda
  Peter Öttl Rotax 13º
  Steve Patrickson Honda 23º
  Hans Spaan Aprilia 15º
  Maurizio Vitali Gazzaniga 17º
  Kin'ya Wada Honda
  Alfred Waibel Honda 32º

NoteModifica

  1. ^ a b c d Gramigni è a un passo dal Mondiale, su archiviolastampa.it, La Stampa, 24 agosto 1992. URL consultato il 29 maggio 2016.
  2. ^ a b (ES) Aspar se trae la 'plata' del Brasil, su hemeroteca.mundodeportivo.com, El Mundo Deportivo, 24 agosto 1992. URL consultato il 29 maggio 2016.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Moto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di moto