Gran Premio motociclistico del Sudafrica 1992

Sudafrica GP del Sudafrica 1992
492º GP della storia del Motomondiale
13ª prova su 13 del 1992
Kyalami 1992 Layout.png
Data 6 settembre 1992
Nome ufficiale Nashua South African Grand Prix
Luogo Circuito di Kyalami
Percorso 4,26 km
Risultati
Classe 500
447º GP nella storia della classe
Distanza 28 giri, totale 119,28 km
Pole position Giro veloce
Stati Uniti John Kocinski Australia Wayne Gardner
Yamaha in 1'39,458 Honda in 1'39.952
(nel giro 25 di 28)
Podio
1. Stati Uniti John Kocinski
Yamaha
2. Australia Wayne Gardner
Honda
3. Stati Uniti Wayne Rainey
Yamaha
Classe 250
454º GP nella storia della classe
Distanza 26 giri, totale 110,76 km
Pole position Giro veloce
Germania Helmut Bradl Italia Max Biaggi
Honda in 1'42,056 Aprilia in 1'42,094
Podio
1. Italia Max Biaggi
Aprilia
2. Italia Loris Reggiani
Aprilia
3. Italia Pierfrancesco Chili
Aprilia
Classe 125
425º GP nella storia della classe
Distanza 24 giri, totale 102,24 km
Pole position Giro veloce
Italia Alessandro Gramigni Spagna Carlos Giró
Aprilia in 1'48,869 Aprilia in 1'48,687
Podio
1. Spagna Jorge Martínez
Honda
2. Spagna Carlos Giró
Aprilia
3. Italia Alessandro Gramigni
Aprilia

Il Gran Premio motociclistico del Sudafrica 1992 fu la tredicesima e ultima gara del motomondiale 1992. Si disputò il 6 settembre 1992 sul circuito di Kyalami e vide le vittorie di: John Kocinski nella classe 500, Max Biaggi nella classe 250 e Jorge Martínez nella classe 125[1][2].

Erano ancora da assegnare due titoli iridati: quello della classe 500 è stato ottenuto dallo statunitense Wayne Rainey giunto al terzo titolo consecutivo. Quello della 125 è invece stato ottenuto dall'italiano Alessandro Gramigni.

Classe 500Modifica

La gara è stata vinta dallo statunitense John Kocinski davanti all'australiano Wayne Gardner (qui all'ultima gara della carriera e detentore del giro più veloce) e all'altro statunitense Wayne Rainey; quest'ultimo supera in classifica generale l'australiano Michael Doohan, giunto al sesto posto, e ottiene il terzo titolo mondiale consecutivo.

Oltre che per Gardner questa fu l'ultima gara in carriera per un altro pilota già campione mondiale della classe, lo statunitense Eddie Lawson[1][2].

Arrivati al traguardoModifica

Pos. Pilota Squadra Motocicletta Giri Tempo Griglia Punti
4   John Kocinski Marlboro Team Roberts Yamaha 28 47'00.729 20
5   Wayne Gardner Rothmans Kanemoto Honda Honda 28 +2.935 15
1   Wayne Rainey Marlboro Team Roberts Yamaha 28 +4.969 12
10   Doug Chandler Lucky Strike Suzuki Suzuki 28 +12.577 10
34   Kevin Schwantz Lucky Strike Suzuki Suzuki 28 +22.050 8
2   Michael Doohan Rothmans Honda Honda 28 +30.313 6
28   Àlex Crivillé Campsa Honda Honda 28 +33.870 4
19   Niall Mackenzie Yamaha Motor France Banco Yamaha 28 +34.519 3
17   Miguel Duhamel Yamaha Motor France Banco Yamaha 28 +1'03.123 15º 2
10º 6   Juan Garriga Ducados Yamaha Yamaha 28 +1'10.226 14º 1
11º 32   Toshiyuki Arakaki ROC Yamaha 28 +1'25.031 13º
12º 33   Corrado Catalano KCS International ROC Yamaha 28 +1'25.041 17º
13º 37   Juan López Mella Nivea For Men Team ROC Yamaha 27 +1 giro 16º
14º 66   Russell Wood Grant Nashua Harris Yamaha 27 +1 giro 18º
15º 60   Mike Wilson Ville de Paris ROC Yamaha 27 +1 giro 20º
16º 16   Marco Papa Cagiva 27 +1 giro 23º
17º 14   Dominique Sarron ROC Banco ROC Yamaha 27 +1 giro 19º
18º 11   Eddie Laycock Millar Racing ROC Yamaha 27 +1 giro 22º
19º 18   Michael Rudroff Rallye Sport Harris Yamaha 27 +1 giro 24º
20º 27   Serge David ROC Yamaha 27 +1 giro 21º
21º 23   Nicholas Schmassmann ROC Yamaha 27 +1 giro 27º
22º 30   Peter Graves Peter Graves Racing Harris Yamaha 27 +1 giro 29º
23º 29   Andreas Leuthe Harris Yamaha 27 +1 giro 28º
24º 25   Josep Doppler ROC Yamaha 26 +2 giri 31º

RitiratiModifica

Pilota Squadra Motocicletta Giri Griglia
21   Peter Goddard Valvoline Team WCM ROC Yamaha 19 10º
15   Cees Doorakkers HEK Racing Harris Yamaha 16 25º
7   Eddie Lawson Cagiva Team Agostini Cagiva 15 11º
22   Simon Buckmaster Padgett's Motorcycles Harris Yamaha 8 30º
26   Kevin Mitchell MBM Racing Harris Yamaha 2 26º
12   Alex Barros Cagiva Team Agostini Cagiva 1 12º
8   Randy Mamola Budweiser Team Yamaha 0

Classe 250Modifica

Il pilota italiano Max Biaggi ottiene la sua prima vittoria nel motomondiale superando altri due italiani, Loris Reggiani che ottiene anche il secondo posto nella classifica mondiale dietro a Luca Cadalora, e Pierfrancesco Chili giunto terzo anche nel mondiale[1].

Arrivati al traguardoModifica

Pos. Pilota Motocicletta Giri Tempo Griglia Punti
  Max Biaggi Aprilia 26 44'43.367 20
  Loris Reggiani Aprilia 26 +4.587 15
  Pierfrancesco Chili Aprilia 26 +9.749 12
  Helmut Bradl Honda 26 +12.391 10
  Loris Capirossi Honda 26 +17.244 8
  Luca Cadalora Honda 26 +22.888 6
  Jochen Schmid Yamaha 26 +30.391 4
  Herri Torrontegui Suzuki 26 +34.666 17º 3
  Jean-Philippe Ruggia Gilera 26 +35.299 12º 2
10º   Andreas Preining Aprilia 26 +55.278 10º 1
11º   Masahiro Shimizu Honda 26 +1'00.991 13º
12º   Eskil Suter Aprilia 26 +1'03.895 16º
13º   Bernd Kassner Aprilia 26 +1'04.091 19º
14º   Katsuyoshi Kozono Honda 26 +1'08.817 18º
15º   Carlos Lavado Gilera 26 +1'18.604 14º
16º   Jurgen van den Goorbergh Aprilia 26 +1'21.618 20º
17º   Martin Paetzold Yamaha 26 +1'25.844 22º
18º   Yves Briguet Honda 26 +1'28.561
19º   Bernard Haenggeli Aprilia 26 +1'28.662 21º
20º   Adrian Bosshard Honda 26 +1'29.313
21º   Renzo Colleoni Yamaha 26 +1'29.581 24º
22º   Wilco Zeelenberg Suzuki 26 +1'36.085
23º   Bernard Cazade Honda 26 +1'39.771 29º
24º   Patrick van den Goorbergh Aprilia 26 +1'52.401 15º
25º   Gavin Ramsay Yamaha 25 +1 giro 34º
26º   José Kuhn Honda 25 +1 giro 30º

RitiratiModifica

Pilota Motocicletta Giri Griglia
  Frédéric Protat Aprilia 24 23º
  Michele Gallina Yamaha 23 28º
  Luis d'Antín Honda 17 25º
  Doriano Romboni Honda 15
  Adi Stadler Honda 11 33º
  Harald Eckl Aprilia 8 35º
  Paolo Casoli Yamaha 3 27º
  Alberto Puig Aprilia 2 11º
  Stefan Prein Honda 1 32º

Classe 125Modifica

Al pilota italiano Alessandro Gramigni è bastato il terzo posto nella gara, dietro ai due spagnoli Jorge Martínez e Carlos Giró, per potersi fregiare del titolo iridato. Ha preceduto nella classifica finale l'altro italiano Fausto Gresini e il tedesco Ralf Waldmann[1][2].

Arrivati al traguardoModifica

Pos. Pilota Motocicletta Tempo Griglia Punti
  Jorge Martínez Honda 44'02.803 20
  Carlos Giró Aprilia +0.253 15
  Alessandro Gramigni Aprilia +0.438 12
  Dirk Raudies Honda +0.801 10
  Noboru Ueda Honda +6.146 8
  Ralf Waldmann Honda +15.220 10º 6
  Fausto Gresini Honda +15.805 4
  Ezio Gianola Honda +18.727 3
  Hans Spaan Aprilia +24.964 16º 2
10º   Oliver Koch Honda +29.775 1
11º   Maik Stief Aprilia +36.173 14º
12º   Kin'ya Wada Honda +36.249
13º   Gabriele Debbia Honda +47.384 13º
14º   Giovanni Palmieri Gazzaniga +1'00.465
15º   Takao Shimizu Honda +1'13.226
16º   Robin Appleyard Honda +1'13.360
17º   Hubert Abold Honda +1'19.171
18º   Manuel Hernández Aprilia +1'30.179 27º
19º   Manie Maritz Aprilia +1'30.555
20º   Maurizio Vitali Gazzaniga +1'30.720 29º
21º   Johnny Wickström Honda +1'35.748
22º   Brendon Crookes Honda +1 giro

RitiratiModifica

Pilota Motocicletta Griglia
  Kazuto Sakata Honda
  Bruno Casanova Aprilia
  Oliver Petrucciani Honda 15º
  Arie Molenaar Aprilia 24º
  Heinz Lüthi Honda
  Nobuyuki Wakai Honda 18º
  Alain Bronec Honda
  Peter Öttl Rotax 19º
  Luis Alvaro JJ Cobas 23º
  Loek Bodelier Honda
  Peter Galvin Honda 32º
  Alfred Waibel Honda 34º
  Steve Patrickson Honda 31º

NoteModifica

  1. ^ a b c d Gramigni, un gran bacio all'Aprilia, su archiviolastampa.it, La Stampa, 7 settembre 1992. URL consultato il 30 maggio 2016.
  2. ^ a b c (ES) Rainey logra el tricampeonato, su hemeroteca.mundodeportivo.com, El Mundo Deportivo, 7 settembre 1992. URL consultato il 30 maggio 2016.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Moto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di moto