Apri il menu principale

Gran Premio motociclistico della Germania Est 1972

Germania Est GP della Germania Est 1972
227º GP della storia del Motomondiale
9ª prova su 13 del 1972
Hohenstein-Ernstthal Sachsenring circuit map.png
Data 9 luglio 1972
Nome ufficiale 15° GP della Germania Est
Luogo Sachsenring
Percorso 8,618 km
Circuito stradale
Risultati
Classe 500
202º GP nella storia della classe
Distanza 21 giri, totale 180,978 km
Pole position Giro veloce
Italia Giacomo Agostini
MV Agusta
Podio
1. Italia Giacomo Agostini
MV Agusta
2. Regno Unito Rodney Gould
Yamaha
3. Nuova Zelanda Kim Newcombe
König
Classe 350
180º GP nella storia della classe
Distanza 18 giri, totale 155,124 km
Pole position Giro veloce
Italia Giacomo Agostini
MV Agusta
Podio
1. Regno Unito Phil Read
MV Agusta
2. Italia Renzo Pasolini
Aermacchi
3. Germania Ovest Dieter Braun
Yamaha
Classe 250
203º GP nella storia della classe
Distanza 15 giri, totale 129,270 km
Pole position Giro veloce
Finlandia Jarno Saarinen
Yamaha in 3' 01" 1 a 171,310 km/h
Podio
1. Finlandia Jarno Saarinen
Yamaha
2. Italia Renzo Pasolini
Aermacchi
3. Regno Unito Rodney Gould
Yamaha
Classe 125
195º GP nella storia della classe
Distanza 12 giri, totale 103,415 km
Pole position Giro veloce
Spagna Ángel Nieto
Derbi
Podio
1. Svezia Börje Jansson
Maico
2. Regno Unito Chas Mortimer
Yamaha
3. Svezia Kent Andersson
Yamaha
Classe 50
88º GP nella storia della classe
Distanza 7 giri, totale 60,326 km
Pole position Giro veloce
Paesi Bassi Jan de Vries
Kreidler in 3' 41" 2 a 140,257 km/h
Podio
1. Paesi Bassi Theo Timmer
Jamathi
2. Austria Hans-Jürgen Hummel
Kreidler
3. Italia Otello Buscherini
Malanca

Il Gran Premio motociclistico della Germania Est fu il nono appuntamento del motomondiale 1972.

Si svolse il 9 luglio 1972 presso il Sachsenring, alla presenza di 250.000 spettatori, e corsero tutte le classi tranne i sidecar.

In 500 Giacomo Agostini ottenne una facile vittoria. Non fu così in 350, gara in cui fu costretto a ritirarsi per cedimento del motore (così come Jarno Saarinen): la vittoria andò quindi all'altra MV Agusta pilotata da Phil Read.

Saarinen vinse in 250, balzando in testa al campionato con due punti di vantaggio su Rodney Gould (terzo al traguardo) e quattordici su Renzo Pasolini (secondo).

Ángel Nieto fu costretto a ritirarsi sia in 50 che in 125. Nella minima cilindrata vinse Theo Timmer (ritirato Jan de Vries), mentre nella ottavo di litro la vittoria andò a Börje Jansson.

Classe 500Modifica

Classe 350Modifica

Arrivati al traguardoModifica

Pos Pilota Moto Tempo Punti
1   Phil Read MV Agusta 54' 40" 6 15
2   Renzo Pasolini Aermacchi +19" 3 12
3   Dieter Braun Yamaha +39" 2 10
4   Silvio Grassetti MZ +2' 20" 7 8
5   Teuvo Länsivuori Yamaha +2' 30" 8 6
6   Marcel Ankoné Yamsel +2' 57" 5 5
7   Bosse Granath Yamaha 4
8   Bruno Kneubühler Yamaha 3
9   Kurt-Ivan Carlsson Yamaha 2
10   Seppo Kangasniemi Yamaha 1

Classe 250Modifica

Arrivati al traguardoModifica

Pos Pilota Moto Tempo Punti
1   Jarno Saarinen Yamaha 46' 19" 2 15
2   Renzo Pasolini Aermacchi +11" 9 12
3   Rodney Gould Yamaha +43" 7 10
4   János Drapál Yamaha +2' 38" 7 8
5   Kent Andersson Yamaha +2' 45" 8 6
6   Bernd Tüngethal MZ 5
7   Géza Repitz MZ 4
8   Árpád Juhos Yamaha 3
9   Gert Bender Maico 2
10   Reiner Richter MZ 1

Classe 125Modifica

Arrivati al traguardoModifica

Pos Pilota Moto Tempo Punti
1   Börje Jansson Maico 39' 55" 6 15
2   Chas Mortimer Yamaha +31" 1 12
3   Kent Andersson Yamaha +58" 1 10
4   Harald Bartol Suzuki +58" 6 8
5   Jos Schurgers Bridgestone +2' 01" 4 6
6   Hartmut Bischoff MZ +2' 12" 6 5
7   Ryszard Mankiewicz MZ 4
8   Bernd Köhler MZ 3
9   Benigno Jull MZ 2
10   Wolfgang Rösch MZ 1

Classe 50Modifica

Arrivati al traguardoModifica

Pos Pilota Moto Tempo Punti
1   Theo Timmer Jamathi 26' 58" 1 15
2   Hans-Jürgen Hummel Kreidler +50" 8 12
3   Otello Buscherini Malanca +1' 16" 8 10
4   Jan Huberts Kreidler +1' 22" 7 8
5   Luigi Rinaudo Tomos +2' 34" 4 6
6   Ludwig Uhlig Eigenbau +2' 45" 2 5
7   Eduard Borisenko Riga 4
8   Aalt Toersen Kreidler 3
9   Gernot Weser Kreidler 2
10   Zbyněk Havrda AHRA 1

Fonti e bibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica