Apri il menu principale
Italia GP delle Nazioni 1968
182º GP della storia del Motomondiale
10ª prova su 10 del 1968
Monza 1957.jpg
Data 15 settembre 1968
Nome ufficiale 46° GP delle Nazioni
Luogo Autodromo Nazionale di Monza
Percorso 5,750 km
Circuito stradale
Clima pioggia
Risultati
Classe 500
159º GP nella storia della classe
Distanza 35 giri, totale 201,250 km
Pole position Giro veloce
Italia Giacomo Agostini Italia Giacomo Agostini
MV Agusta in 1' 40" 45 a 206,070 km/h MV Agusta in 1' 53" 2 a 182,862 km/h
(nel giro 3 di 35)
Podio
1. Italia Giacomo Agostini
MV Agusta
2. Italia Renzo Pasolini
Benelli
3. Italia Angelo Bergamonti
Paton
Classe 350
141º GP nella storia della classe
Distanza 27 giri, totale 155,250 km
Pole position Giro veloce
Italia Giacomo Agostini
MV Agusta in 1' 57" 1 a 176,771 km/h
(nel giro 4 di 27)
Podio
1. Italia Giacomo Agostini
MV Agusta
2. Italia Renzo Pasolini
Benelli
3. Italia Silvio Grassetti
Benelli
Classe 250
158º GP nella storia della classe
Distanza 22 giri, totale 126,500 km
Pole position Giro veloce
Regno Unito Bill Ivy
Yamaha in 1' 53" 6 a 182,218 km/h
(nel giro 16 di 22)
Podio
1. Regno Unito Phil Read
Yamaha
2. Regno Unito Bill Ivy
Yamaha
3. Spagna Santiago Herrero
OSSA
Classe 125
153º GP nella storia della classe
Distanza 18 giri, totale 103,500 km
Pole position Giro veloce
Regno Unito Bill Ivy
Yamaha in 1' 58" 2 a 175,126 km/h
(nel giro 7 di 18)
Podio
1. Regno Unito Bill Ivy
Yamaha
2. Regno Unito Phil Read
Yamaha
3. Germania Ovest Hans-Georg Anscheidt
Suzuki

Il Gran Premio motociclistico delle Nazioni fu l'ultimo appuntamento del motomondiale 1968.

Si svolse il 15 settembre 1968 presso l'Autodromo di Monza. Erano in programma tutte le classi meno la 50; la corsa dei sidecar fu annullata per decisione governativa e recuperata un mese dopo ad Hockenheim.

Nelle gare di 350 e 500 Giacomo Agostini ebbe scarsa concorrenza; solo Mike Hailwood, ingaggiato dalla Benelli in extremis (avrebbe dovuto correre con l'MV Agusta, ma l'inglese abbandonò la squadra di Cascina Costa in maniera polemica[1]) per la gara della 500, riuscì a dargli filo da torcere fino alla sua caduta. Il "Nazioni" fu l'ultimo Gran Premio motociclistico disputato dal britannico, che si sarebbe dedicato di lì a poco all'automobilismo.

La gara della 250 avrebbe dovuto essere quella decisiva per l'assegnazione del titolo della categoria, ma così non fu: Phil Read, vincendo, si ritrovò con gli stessi punti del compagno di Marca Bill Ivy, secondo a causa di un "dritto" alla Parabolica. Il titolo sarà assegnato durante il congresso FIM di fine stagione a Read per somma di tempi.

In 125, Ivy vinse davanti a Read e alla Suzuki di Anscheidt.

In occasione del Gran Premio si svolsero anche delle gare del campionato Italiano Juniores, vinte da Mincini (125), Conti (175) e Bianchi (250).

Classe 500Modifica

Classe 350Modifica

30 piloti alla partenza, 13 al traguardo.

Arrivati al traguardoModifica

Pos. Pilota Moto Tempo Punti
1   Giacomo Agostini MV Agusta 54' 26" 2 8
2   Renzo Pasolini Benelli +47" 9 6
3   Silvio Grassetti Benelli +1 giro 4
4   Bohumil Staša ČZ +2 giri 3
5   Bruno Spaggiari Ducati +2 giri 2
6   František Št'astný Jawa +3 giri 1
7   Peter Williams AJS +3 giri
8   Brian Steenson Aermacchi +3 giri
9   Rex Butcher Kawasaki +3 giri
10   P. Lentini Aermacchi +3 giri
11   Dieter Braun Aermacchi +4 giri
12   Derek Woodman Metisse-Aermacchi +5 giri
13   Roberto Patrignani Aermacchi +5 giri

Classe 250Modifica

30 piloti alla partenza.

Arrivati al traguardoModifica

Pos. Pilota Moto Tempo Punti
1   Phil Read Yamaha 42' 35" 4 8
2   Bill Ivy Yamaha +1' 51" 6
3   Santiago Herrero OSSA +1 giro 4
4   Gordon Keith Yamaha +1 giro 3
5   Jack Findlay Yamaha +2 giri 2
6   Rex Butcher Suzuki +2 giri 1
7   Heinz Rosner MZ +2 giri
8   Ginger Molloy Bultaco +2 giri
9   Lothar John Suzuki +3 giri
10   Luciano Spinello Bultaco +3 giri
11   Walter Villa Montesa +4 giri
12   László Szabó MZ +4 giri
13   Paul Eickelberg Aermacchi +4 giri
14   Bill Smith Yamaha +4 giri

Classe 125Modifica

Arrivati al traguardoModifica

Pos. Pilota Moto Tempo Punti
1   Bill Ivy Yamaha 36' 23" 3 8
2   Phil Read Yamaha +6' 18" 5 6
3   Hans-Georg Anscheidt Suzuki +1 giro 4
4   Dave Simmonds Kawasaki +1 giro 3
5   László Szabó MZ +1 giro 2
6   Dieter Braun Neckermann-MZ +1 giro 1
7   Francesco Villa Villa +1 giro
8   Lothar John MZ +2 giri
9   János Reisz MZ +2 giri
10   Ginger Molloy Bultaco +2 giri
11   Salvador Cañellas Bultaco +2 giri
12   Kelvin Carruthers Honda +2 giri
13   Kent Andersson MZ +2 giri
14   Alberto Pagani Aermacchi +2 giri
15   Walter Scheimann Honda

NoteModifica

  1. ^ Michele Fenu, Hailwood cambia moto per affrontare Agostini, La Stampa, 15 settembre 1968, pag. 15.

Fonti e bibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica