Apri il menu principale

Gran Premio motociclistico delle Nazioni 1973

Italia GP delle Nazioni 1973
235º GP della storia del Motomondiale
4ª prova su 12 del 1973
Monza 1957.jpg
Data 20 maggio 1973
Nome ufficiale 51º Gran Premio delle Nazioni
Luogo Autodromo Nazionale di Monza
Percorso 5,750 km
Risultati
Classe 350
188º GP nella storia della classe
Distanza 24 giri, totale 138,000 km
Pole position Giro veloce
Italia Giacomo Agostini Italia Renzo Pasolini
MV Agusta in 1:44.800 a 197,510 km/h Harley-Davidson in 1:42.500 a 201,754 km/h
Podio
1. Italia Giacomo Agostini
MV Agusta
2. Finlandia Teuvo Länsivuori
Yamaha
3. Svezia Kent Andersson
Yamaha
Classe 125
203º GP nella storia della classe
Distanza 16 giri, totale 92,000 km
Pole position Giro veloce
Svezia Kent Andersson Spagna Ángel Nieto
Yamaha in 1:58.300 a 174,979 km/h Morbidelli in 1:58.100 a 175,275 km/h
Podio
1. Svezia Kent Andersson
Yamaha
2. Paesi Bassi Jos Schurgers
Bridgestone
3. Italia Eugenio Lazzarini
Piovaticci
Classe 50
92º GP nella storia della classe
Distanza 10 giri, totale 57,500 km
Pole position Giro veloce
Paesi Bassi Jan de Vries Paesi Bassi Jan de Vries
Kreidler in 2:12.400 a 156,344 km/h Kreidler in 2:13.500
Podio
1. Paesi Bassi Jan de Vries
Kreidler
2. Svizzera Bruno Kneubühler
Kreidler
3. Germania Ovest Gerhard Thurow
Kreidler

Il Gran Premio motociclistico delle Nazioni 1973 fu il quarto appuntamento del motomondiale 1973. Si svolse il 20 maggio 1973 all'autodromo Nazionale di Monza, ed erano in programma tutte le classi.

La giornata si aprì alle 9.00 con una gara del campionato italiano juniores della classe 250. Seguì alle 10.00 la classe 50, agevolmente dominata dalle Kreidler ufficiali di Jan de Vries e Bruno Kneubühler.

La classe 125 (in programma alle 11.00) vide la quarta vittoria consecutiva stagionale di Kent Andersson.

La gara della classe 350 (ore 14.00) fu caratterizzata dal duello tra Giacomo Agostini e Renzo Pasolini: il romagnolo, partito male (15º al primo giro), recuperò fino ad andare in testa, segnando il record sul giro ad oltre 200 km/h, prima di ritirarsi per un "dritto" alla parabolica (conseguenza di un grippaggio).

Al primo giro della gara della classe 250 (ore 15.15) l'Harley-Davidson di Pasolini, impostando il "curvone", perse aderenza scivolando: sia il "Paso" che la moto si schiantarono contro il guard-rail. La moto perse la sella e il serbatoio (che sparse miscela sulle balle di paglia poste a protezione dei guard-rail, incendiandole), rimbalzando poi in pista centrando in pieno Jarno Saarinen, che sopraggiungeva. Il finlandese fu sbalzato di sella e cadde rovinosamente sull'asfalto, finendo poi investito dalle moto che sopraggiungevano. Oltre a Pasolini e Saarinen, per i quali non ci fu niente da fare, caddero a terra altri dodici piloti, alcuni dei quali gravemente feriti. La gara fu annullata, così come quelle della classe 500 (prevista alle 16.30) e dei sidecar (ore 18)[1].

Le cause dell'incidente furono molteplici: la pericolosità del circuito, circondato da guard-rail e con un asfalto mal riasfaltato; l'olio in pista, perso dalla Benelli di Walter Villa durante la gara della 350 e non tolto (alcuni giornalisti che lo fecero notare al direttore di gara furono consegnati alla Polizia come "facinorosi", mentre il pilota John Dodds fu minacciato di essere trattenuto e di non partecipare alla gara); il grippaggio della moto di Pasolini (certificato da una perizia del Tribunale);

Quaranta giorni dopo il GP, durante la "500 Km di Monza" (gara del campionato italiano juniores della classe 500), morirono nello stesso punto di Pasolini e Saarinen altri tre centauri, Renato Galtrucco, Carlo Chionio e Renzo Colombini[2]. A seguito di questi incidenti non vi furono gare motociclistiche sul circuito brianzolo per due anni[3] e il "Nazioni" ritornò a Monza solo nel 1981.

Classe 350Modifica

Classe 125Modifica

Classe 50Modifica

NoteModifica

  1. ^ Le pole position delle classi le cui gare furono annullate:
    * 250: Jarno Saarinen (Yamaha) 1:46.500 a 194,366 km/h;
    * 500: Jarno Saarinen (Yamaha) 1:41.400 a 204,142 km/h;
    * Sidecar: Gerry Boret/Nigel Boret (Renwick-König) 1:54.900 a 180,157 km/h.
  2. ^ Stampa Sera, 9 luglio 1973, pag. 9
  3. ^ Otto Grizzi e Franco Varisco, Il tempio della velocità, Motociclismo d'Epoca 10/2002, pag. 113

Fonti e bibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

Motomondiale - Stagione 1973
                       
   

Edizione precedente:
1972
Gran Premio motociclistico d'Italia
Altre edizioni
Edizione successiva:
1974