Apri il menu principale

Gran Premio motociclistico di Francia 1984

edizione del Gran Premio motociclistico di Francia
Francia GP di Francia 1984
374º GP della storia del Motomondiale
6ª prova su 12 del 1984
Paul Ricard.svg
Data 11 giugno 1984
Nome ufficiale Grand Prix de France Moto
Luogo Circuito Paul Ricard
Percorso 5,810 km
Circuito stradale
Risultati
Classe 500
330º GP nella storia della classe
Distanza 21 giri, totale 122,010 km
Pole position Giro veloce
Stati Uniti Freddie Spencer Stati Uniti Freddie Spencer
Honda in 2:01.41 Honda
Podio
1. Stati Uniti Freddie Spencer
Honda
2. Stati Uniti Eddie Lawson
Yamaha
3. Stati Uniti Randy Mamola
Honda
Classe 250
337º GP nella storia della classe
Distanza 18 giri, totale 104,580 km
Pole position Giro veloce
Francia Christian Sarron Germania Anton Mang
Yamaha in 2:08.56 Yamaha
Podio
1. Germania Anton Mang
Yamaha
2. Venezuela Carlos Lavado
Yamaha
3. Germania Manfred Herweh
Rotax
Classe 125
326º GP nella storia della classe
Distanza 16 giri, totale 92,960 km
Pole position Giro veloce
Italia Eugenio Lazzarini Spagna Ángel Nieto
Garelli in 2:15.18 Garelli in 2:14.27
Podio
1. Spagna Ángel Nieto
Garelli
2. Italia Eugenio Lazzarini
Garelli
3. Austria August Auinger
MBA
Classe sidecar
228º GP nella storia della classe
Distanza 17 giri, totale 98,6 km
Pole position Giro veloce
Svizzera Rolf Biland Svizzera Rolf Biland
LCR-Yamaha LCR-Yamaha
Podio
1. Svizzera Rolf Biland
LCR-Yamaha
2. Francia Alain Michel
LCR-Yamaha
3. Paesi Bassi Egbert Streuer
LCR-Yamaha

Il Gran Premio motociclistico di Francia 1984 fu il sesto appuntamento del motomondiale 1984, 50ª edizione del Gran Premio motociclistico di Francia e 28a valida per il motomondiale.

Si svolse lunedì 11 giugno 1984 sul circuito Paul Ricard e vide la vittoria di Freddie Spencer nella classe 500, di Anton Mang nella classe 250, di Ángel Nieto nella classe 125 e di Rolf Biland/Kurt Waltisperg nei sidecar[1][2].

Classe 500Modifica

Durante le prove l'italiano Franco Uncini ha avuto un grave incidente che l'ha costretto a saltare in seguito alcune gare; non ha preso il via neppure l'altro italiano Marco Lucchinelli, in questo caso per polemiche intercorse con Cagiva, casa per cui gareggiava. Da registrare anche il ritorno alle competizioni della Paton che si è presentata in Francia condotta da Éric Saul ma non è riuscita a qualificarsi.

Lo statunitense Freddie Spencer ha ottenuto la sua terza vittoria stagionale, precedendo i connazionali Eddie Lawson e Randy Mamola; la classifica iridata vede ancora in testa Lawson, con un vantaggio di 24 punti su Spencer[1].

Arrivati al traguardoModifica

Pos. Pilota Moto Tempo Griglia Punti
1   Freddie Spencer Honda 43.31.92 1 15
2   Eddie Lawson Yamaha 43.37.71 2 12
3   Randy Mamola Honda 43.38.15 5 10
4   Ron Haslam Honda 44.21.42 6 8
5   Barry Sheene Suzuki 44.42.96 11 6
6   Didier de Radiguès Chevallier 44.43.47 7 5
7   Massimo Broccoli Honda 44.45.16 18 4
8   Reinhold Roth Honda 45.23.46 23 3
9   Sergio Pellandini Suzuki 45.33.04 9 2
10   Wolfgang von Muralt Suzuki 45.41.86 15 1
11   Dave Petersen Suzuki 45.46.42 21
12   Fabio Biliotti Honda 45.53.62 19
13   Henk van der Mark Honda 1 giro 26
14   Keith Huewen Honda 1 giro 17
15   Louis-Luc Maisto Honda 1 giro 25
16   Lorenzo Ghiselli Suzuki 1 giro 29
17   Maurice Coq Suzuki 1 giro 31
18   Claude Arciero Honda 1 giro 32
19   Attilio Riondato Suzuki 1 giro 27
20   Marco Gentile Yamaha 1 giro 35
21   Leandro Becheroni Suzuki 1 giro 22
22   Virginio Ferrari Yamaha 1 giro 4
23   Alan Irwin Suzuki 2 giri 34

RitiratiModifica

Pilota Moto Motivo Griglia
  Rob Punt Suzuki 24
  Walter Migliorati Suzuki 20
  Paolo Ferretti Suzuki 33
  Robert McElnea Suzuki 10
  Boet van Dulmen Suzuki 8
  Raymond Roche Honda 3
  Eero Hyvärinen Suzuki 37
  Hervé Moineau Cagiva 14
  Brett Hudson Suzuki 36
  Peter Sjöström Suzuki 38
  Franck Gross Honda 16
  Børge Nielsen Suzuki 39

Non partitiModifica

Pilota Moto Motivo Griglia
  Takazumi Katayama Honda 13
  Franco Uncini Suzuki 12
  Christian Le Liard Chevallier 30
  Marco Lucchinelli Cagiva 28

Non qualificatiModifica

Pilota Moto
  Marie-Paul Violland Yamaha
  René Lavigne Honda
  Éric Saul Paton
  Dimitrios Papandreou Yamaha
  Jean-Louis Battistini Yamaha
  Pablo Esposito Suzuki

Classe 250Modifica

Dopo che nelle prove, curiosamente, sono stati oltre 20 i piloti che non si sono qualificati per la gara, il pilota tedesco Anton Mang, già pluriiridato, ritorna alla vittoria dopo 20 mesi e precede sul traguardo il venezuelano Carlos Lavado e il tedesco Manfred Herweh.

La classifica iridata è ancora capeggiata dal francese Christian Sarron, nonostante sia giunto solo al quinto posto; precede Mang e Lavado.

Arrivati al traguardoModifica

Pos. Pilota Moto Tempo Griglia Punti
1   Anton Mang Yamaha 39.18.61 8 15
2   Carlos Lavado Yamaha 39.18.96 7 12
3   Manfred Herweh Rotax 39.19.24 2 10
4   Thierry Espié Chevallier 39.19.82 11 8
5   Christian Sarron Yamaha 39.20.03 1 6
6   Wayne Rainey Yamaha 39.23.67 6 5
7   Carlos Cardús Rotax 39.25.09 10 4
8   Donnie McLeod Yamaha 39.25.68 17 3
9   Martin Wimmer Yamaha 39.39.76 4 2
10   Jean-Michel Mattioli Yamaha 39.43.46 26 1
11   Jean-Luc Guillemet Yamaha 39.47.29 22
12   Thierry Rapicault Yamaha 39.49.97 21
13   Pierre Bolle Yamaha 39.50.18 15
14   Jean-François Baldé Pernod 39.53.67 3
15   Roland Freymond Yamaha 39.59.40 28
16   Antoine Longo Ducombs 39.59.86 31
17   Patrick Fernandez Yamaha 40.00.07 20
18   Mario Rademeyer Yamaha 40.00.26 25
19   Karl-Thomas Grässel Yamaha 40.00.74 24
20   Harald Eckl Rotax 40.00.93 14
21   Herbert Besendörfer Yamaha 40.01.09 23
22   August Auinger Monnet 40.43.09 33
23   Jacky Onda Yamaha 40.55.48 30
24   Philippe Pagano Yamaha 40.55.70 18
25   Patrick Schmalz Yamaha 41.02.01 34

RitiratiModifica

Pilota Moto Motivo Griglia
  Guy Bertin MBA 9
  Jacques Cornu Yamaha 13
  Michel Galbit Yamaha 19
  Alan Carter Yamaha 5
  Jacques Bolle Pernod 27
  Sito Pons Rotax 12
  Hervé Guilleux Yamaha 32
  Richard Hubin Yamaha 16
  Gabriel Gabria Yamaha 35
  Fausto Ricci Yamaha 29
  Jean Foray Yamaha 36

Non qualificatiModifica

Pilota Moto
  Philippe Robles Yamaha
  Jean-Louis Guignabodet Yamaha
  Teruo Fukuda Yamaha
  Donnie Robinson Yamaha
  Stéphane Mertens Yamaha
  Iván Palazzese Yamaha
  Antonio Garcia Kobas
  Loris Reggiani Kawasaki
  Davide Tardozzi Yamaha
  Michel Augizeau Yamaha
  Massimo Matteoni Yamaha
  Manfred Obinger Yamaha
  Luis Miguel Reyes Cobas
  Maurizio Vitali MBA
  Siegfried Minich Yamaha
  Neil Robinson MBA
  Juan Garriga Yamaha
  Eilert Lundstedt Yamaha
  René Delaby Yamaha
  Bruno Lüscher Yamaha
  Guilleux Yamaha
  Marino Neri Yamaha

Classe 125Modifica

L'italiano Fausto Gresini viene ingaggiato come pilota ufficiale dalla Garelli e nella gara di debutto sulla nuova moto si piazza al quarto posto; la gara vede la quarta vittoria consecutiva dello spagnolo Ángel Nieto davanti all'italiano Eugenio Lazzarini (entrambi su Garelli) e all'austriaco August Auinger.

Il vantaggio di Nieto in classifica generale su Lazzarini è ora di 20 punti[2].

Arrivati al traguardoModifica

Pos. Pilota Moto Tempo Griglia Punti
1   Ángel Nieto Garelli 36.37.27 8 15
2   Eugenio Lazzarini Garelli 36.37.50 1 12
3   August Auinger MBA 36.37.90 2 10
4   Fausto Gresini Garelli 36.51.26 5 8
5   Bruno Kneubühler MBA 37.00.26 9 6
6   Hans Müller MBA 37.00.88 6 5
7   Maurizio Vitali MBA 37.06.00 7 4
8   Johnny Wickström MBA 37.15.41 15 3
9   Lucio Pietroniro MBA 37.17.47 10 2
10   Henk van Kessel MBA 37.25.67 13 1
11   Ezio Gianola MBA 37.41.62 3
12   Luca Cadalora MBA 37.46.85 12
13   Pierluigi Aldrovandi MBA 37.47.17 22
14   Willy Pérez MBA 37.49.34 11
15   Michel Escudier MBA 37.49.53 19
16   Helmut Lichtenberg MBA 38.05.89 24
17   Paul Bordes MBA 38.18.63 27
18   Jacky Hutteau MBA 38.37.06 34
19   Peter Sommer MBA 38.53.48 33
20   Jacques Grandjean MBA 38.53.87 29
21   Peter Balaz MBA 1 giro 30
22   Henrik Rasmussen MBA 1 giro 28
23   Beat Sidler MBA 1 giro 32
24   Thomas Pedersen MBA 1 giro 35

Classe sidecarModifica

Dopo due ritiri nelle due gare precedenti l'equipaggio campione in carica Rolf Biland-Kurt Waltisperg ottiene la sua prima vittoria stagionale, davanti a Michel-Fresc e ai leader della classifica Streuer-Schnieders. Streuer resta comunque al comando nel mondiale con 40 punti; lo seguono Michel a 32, Schwärzel a 28, Kumano a 17 e Biland a 15[3][4].

Arrivati al traguardo (posizioni a punti)[5]Modifica

Pos Pilota Passeggero Moto Tempo Punti
1   Rolf Biland   Kurt Waltisperg LCR-Yamaha 36'43"05 15
2   Alain Michel   Jean-Marc Fresc LCR-Yamaha 36'57"54 12
3   Egbert Streuer   Bernard Schnieders LCR-Yamaha 36'58"68 10
4   Werner Schwärzel   Andreas Huber LCR-Yamaha 37'00"14 8
5   Derek Jones   Brian Ayres LCR-Yamaha 38'05"19 6
6   Derek Bailey   Brian Nixon LCR-Yamaha 38'05"37 5
7   Theo van Kempen   Geral de Haas LCR-Yamaha 38'18"38 4
8   Rolf Steinhausen   Wolfgang Kalauch Busch-Yamaha 3
9   Masato Kumano   Helmut Diehl LCR-Yamaha 2
10   Steve Abbott   Shaun Smith Windle-Yamaha 1

NoteModifica

  1. ^ a b Spencer vince, Lucchinelli se ne va, La Stampa, 12 giugno 1984. URL consultato il 19 aprile 2016.
  2. ^ a b (ES) Nieto sublime en Paul Ricard, El Mundo Deportivo, 12 giugno 1984. URL consultato il 19 aprile 2016.
  3. ^ (FR) Biland renoue avec le succès (La Liberté), 12 giugno 1984, p. 20. URL consultato il 18 febbraio 2019.
  4. ^ (NL) Amerikaanse invasie... (Limburgsch dagblad), 12 giugno 1984, p. 19. URL consultato l'8 novembre 2017.
  5. ^ (FR) Tabella dei risultati su racingmemo.free, su racingmemo.free.fr. URL consultato il 3 giugno 2016.

Collegamenti esterniModifica

Motomondiale - Stagione 1984
                       
   

Edizione precedente:
1983
Gran Premio motociclistico di Francia
Altre edizioni
Edizione successiva:
1985