Apri il menu principale

Gran Premio motociclistico di Francia 1985

edizione del Gran Premio motociclistico di Francia
Francia GP di Francia 1985
389º GP della storia del Motomondiale
9ª prova su 12 del 1985
Circuit Le Mans Bugatti.png
Data 21 luglio 1985
Luogo Circuito Bugatti
Percorso 4,240 km
Circuito stradale
Risultati
Classe 500
345º GP nella storia della classe
Distanza 29 giri, totale 122,960 km
Pole position Giro veloce
Stati Uniti Freddie Spencer Francia Christian Sarron
Honda in 1:33.47 Yamaha
Podio
1. Stati Uniti Freddie Spencer
Honda
2. Francia Raymond Roche
Yamaha
3. Stati Uniti Randy Mamola
Honda
Classe 250
352º GP nella storia della classe
Distanza 24 giri, totale 101,760 km
Pole position Giro veloce
Stati Uniti Freddie Spencer Stati Uniti Freddie Spencer
Honda Honda
Podio
1. Stati Uniti Freddie Spencer
Honda
2. Germania Anton Mang
Honda
3. Italia Fausto Ricci
Honda
Classe 125
337º GP nella storia della classe
Distanza 22 giri, totale 93,280 km
Pole position Giro veloce
Italia Fausto Gresini Italia Ezio Gianola
Garelli Garelli
Podio
1. Italia Ezio Gianola
Garelli
2. Italia Fausto Gresini
Garelli
3. Svizzera Bruno Kneubühler
MBA
Classe 80
14º GP nella storia della classe
Distanza 17 giri, totale 72,080 km
Pole position Giro veloce
Spagna Jorge Martínez Spagna Jorge Martínez
Derbi Derbi
Podio
1. Spagna Ángel Nieto
Derbi
2. Svizzera Stefan Dörflinger
Krauser
3. Paesi Bassi Henk van Kessel
HuVo-Casal
Classe sidecar
237º GP nella storia della classe
Distanza 22 giri, totale 93,280 km
Pole position Giro veloce
Paesi Bassi Egbert Streuer Paesi Bassi Egbert Streuer
LCR-Yamaha LCR-Yamaha
Podio
1. Paesi Bassi Egbert Streuer
LCR-Yamaha
2. Germania Ovest Werner Schwärzel
LCR-Yamaha
3. Giappone Masato Kumano
LCR-Yamaha

Il Gran Premio motociclistico di Francia 1985 fu il nono appuntamento del motomondiale 1985, 51ª edizione del Gran Premio motociclistico di Francia e 29a valida per il motomondiale.

Si svolse il 21 luglio 1985 sul circuito Bugatti di Le Mans e vide la vittoria di Freddie Spencer nella classe 500 e nella classe 250 (alla quarta doppietta stagionale), di Ezio Gianola in classe 125, di Ángel Nieto nella classe 80 e di Egbert Streuer/Bernard Schnieders nei sidecar[1][2].

Al termine della giornata è risultato assegnato matematicamente il primo titolo iridato stagionale; se lo è aggiudicato lo svizzero Stefan Dörflinger in classe 80 visto che manca solo una prova alla conclusione e ha un vantaggio di 24 punti sul diretto inseguitore, lo spagnolo Jorge Martínez. Per il pilota svizzero si tratta del quarto titolo mondiale consecutivo nella classe di minor cilindrata del mondiale, due ottenuti in classe 50 e due nella 80 che l'ha sostituita.

Classe 500Modifica

Nella classe regina con il quinto successo stagionale, lo statunitense Freddie Spencer si avvicina sempre di più al titolo mondiale, con il diretto inseguitore, l'altro statunitense Eddie Lawson distanziato di 17 punti e qui giunto al quarto posto.

Sul podio, insieme a Spencer, il francese Raymond Roche e lo statunitense Randy Mamola[1].

Arrivati al traguardoModifica

Pos. Pilota Moto Tempo Griglia Punti
1   Freddie Spencer Honda 45.58.33 1 15
2   Raymond Roche Yamaha 46.14.04 5 12
3   Randy Mamola Honda 46.18.13 6 10
4   Eddie Lawson Yamaha 46.25.22 3 8
5   Ron Haslam Honda 46.32.18 7 6
6   Pierre-Etienne Samin Honda 47.21.08 9 5
7   Sito Pons Suzuki 47.26.39 14 4
8   Gustav Reiner Honda 1 giro 13 3
9   Fabio Biliotti Honda 1 giro 16 2
10   Mike Baldwin Honda 1 giro 18 1
11   Armando Errico Honda 1 giro 15
12   Franco Uncini Suzuki 1 giro 11
13   Wolfgang von Muralt Suzuki 1 giro 17
14   Rob Punt Suzuki 1 giro 23
15   Dietmar Mayer Honda 1 giro 29
16   Maurice Coq Suzuki 1 giro 28
17   Simon Buckmaster Suzuki 2 giri 31
18   Andreas Leuthe Suzuki 2 giri 33

RitiratiModifica

Pilota Moto Motivo Griglia
  René Lavigne Honda 32
  Neil Robinson Suzuki 26
  Didier de Radiguès Honda 8
  Marco Gentile Yamaha 22
  Christian Sarron Yamaha 2
  Wayne Gardner Honda 4
  Robert McElnea Suzuki 10
  Christian Le Liard Chevallier 24
  Stelio Marmaras Suzuki 34
  Eero Hyvärinen Honda 25
  Boet van Dulmen Honda 20
  Dave Petersen Honda 12
  Massimo Messere Honda 21
  Louis-Luc Maisto Suzuki 27

Classe 250Modifica

Nella quarto di litro Freddie Spencer ottiene la settima vittoria stagionale e ormai manca pochissimo per l'ottenimento matematico del titolo iridato, avendo 37 punti di vantaggio sul secondo in classifica Anton Mang a tre gare dal termine della stagione.

Sul podio di Le Mans, insieme a Spencer, sono andati Mang e l'italiano Fausto Ricci[1].

Arrivati al traguardoModifica

Pos. Pilota Moto Tempo Griglia Punti
1   Freddie Spencer Honda 40.00.76 1 15
2   Anton Mang Honda 40.10.58 3 12
3   Fausto Ricci Honda 40.25.45 10 10
4   Manfred Herweh Real 40.30.61 6 8
5   Carlos Lavado Yamaha 40.30.79 4 6
6   Pierre Bolle Parisienne 40.31.11 13 5
7   Jacques Cornu Honda 40.32.44 14 4
8   Jean-François Baldé Yamaha 40.48.56 12 3
9   Dominique Sarron Honda 40.49.26 9 2
10   Luis Miguel Reyes Cobas 40.49.59 17 1
11   Juan Garriga Rotax 40.49.96 30
12   Thierry Rapicault Yamaha 40.53.26 18
13   Jean-Michel Mattioli Yamaha 40.53.63 11
14   Niall Mackenzie Armstrong 40.53.90 24
15   Roland Freymond Yamaha 41.14.30 25
16   Harald Eckl ES 41.15.43 22
17   Patrick Igoa Honda 41.31.16 15
18   Massimo Matteoni Honda 41.34.59 35
19   Stefano Caracchi MBA 1 giro 38
20   Jean-Luc Guillemet Yamaha 2 giri 29
21   Mario Rademeyer Yamaha 2 giri 31

RitiratiModifica

Pilota Moto Motivo Griglia
  Carlos Cardús Cobas 7
  Reinhold Roth Yamaha 16
  Jean-Louis Guignabodet Rotax 20
  Jean Foray Chevallier 5
  Karl Thomas Bacher Rotax 23
  Jacky Onda Pernod 27
  Antonio Neto Cobas 8
  Siegfried Minich Yamaha 32
  Stéphane Mertens Yamaha 21
  Patrick Fernandez Cobas 26
  Maurizio Vitali MBA 36
  Alan Carter Honda 29
  Éric Saul Comoth 37

Non partitiModifica

Pilota Moto Motivo Griglia
  Martin Wimmer Yamaha 2
  Guy Bertin Malanca 33
  August Auinger Bartol 19
  Donnie McLeod Armstrong 34

Classe 125Modifica

Prima vittoria nel motomondiale per l'italiano Ezio Gianola che ha preceduto Fausto Gresini, suo caposquadra in Garelli, e lo svizzero Bruno Kneubühler.

Grazie al secondo posto, Gresini raggiunge la testa del mondiale, superando di un punto l'altro italiano Pier Paolo Bianchi giunto qui al quinto posto[2].

Arrivati al traguardoModifica

Pos. Pilota Moto Tempo Griglia Punti
1   Ezio Gianola Garelli 39.11.46 2 15
2   Fausto Gresini Garelli 39.11.68 1 12
3   Bruno Kneubühler MBA 39.23.87 4 10
4   Domenico Brigaglia MBA 39.26.52 22 8
5   Pier Paolo Bianchi MBA 39.28.96 3 6
6   Jean-Claude Selini MBA 39.33.53 5 5
7   August Auinger MBA 39.51.49 6 4
8   Giuseppe Ascareggi MBA 39.55.35 20 3
9   Håkan Olsson MBA 39.56.14 16 2
10   Olivier Liégeois MBA 39.58.98 8 1
11   Willy Pérez MBA 39.59.98 9
12   Jussi Hautaniemi MBA 40.00.71 12
13   Thierry Feuz MBA 40.04.77 11
14   Johnny Wickström MBA 40.08.65 15
15   Paul Bordes MBA 40.30.82 17
16   Andrés Sánchez MBA 40.42.78 13
17   Jacky Hutteau MBA 40.43.82 23
18   Bady Hassaine MBA 40.47.55 27
19   Michel Escudier MBA 40.47.84 28
20   Eric Gijsel MBA 40.48.10 25
21   Mike Leitner MBA 40.51.32 24
22   Boy van Erp MBA 40.53.97 29
23   Fernando Gonzalez MBA 40.59.36 34
24   Gilles Payraudeau MBA 41.00.94 31
25   Wilhelm Lücke MBA 1 giro 36
26   Beat Sidler MBA 1 giro 38
27   Peter Balaz MBA 1 giro 32
28   Robin Appleyard MBA 1 giro 18
29   Jean-Marc Nobleaux MBA 1 giro 35

RitiratiModifica

Pilota Moto Motivo Griglia
  Thomas Pedersen MBA 14
  Karl Dauer MBA 21
  Alex Bedford MBA 7
  Adolf Stadler MBA 26
  Franz Birrer MBA 37
  Christian Le Badezet MBA 30
  Anton Straver MBA 19

Non partitiModifica

Pilota Moto Motivo Griglia
  Lucio Pietroniro MBA 10
  Ton Spek MBA 33

Classe 80Modifica

Ritornato da poco a gareggiare nelle piccole cilindrate dopo un inizio di stagione in cui aveva gareggiato senza risultati di rilievo nella classe 250, lo spagnolo Ángel Nieto ottiene il suo novantesimo successo nei GP del mondiale, precedendo sul traguardo il neo campione del mondo Stefan Dörflinger e l'olandese Henk van Kessel[2].

Arrivati al traguardoModifica

Pos. Pilota Moto Tempo Griglia Punti
1   Ángel Nieto Derbi 32.43.35 4 15
2   Stefan Dörflinger Krauser 32.56.46 2 12
3   Henk van Kessel Huvo-Casal 33.06.63 12 10
4   Jean-Marc Velay Casal 33.06.86 8 8
5   Gerhard Waibel Seel 33.07.50 13 6
6   Domingo Gil Blanco Autisa 33.11.37 15 5
7   Paul Rimmelzwaan Harmsen 33.12.44 10 4
8   Gerd Kafka Seel 33.15.13 11 3
9   Ian McConnachie Krauser 33.27.38 5 2
10   Theo Timmer Huvo-Casal 33.27.58 9 1
11   Serge Julin Casal 33.40.80 14
12   Jos van Dongen Casal 33.41.01 18
13   Günter Schirnhofer Krauser 33.48.90 16
14   René Dunki Krauser 33.55.72 20
15   Reinhard Koberstein Seel 34.31.87 22
16   Kees Besseling CJB 1 giro 6
17   Lionel Robert Scrab 1 giro 26
18   Richard Bay Rupp 1 giro 24
19   Herri Torrontegui Cobas 1 giro 27
20   Chris Baert Eberhardt 1 giro 28
21   Johan Auer Eberhardt 1 giro 34
22   Mika Sakari Komu Eberhardt 1 giro 33
23   Jean-Luc Facon Huvo-Casal 1 giro 30
24   José Saez Calabuig Derbi 1 giro 32
25   Thomas Engl ESCN 1 giro 36

RitiratiModifica

Pilota Moto Motivo Griglia
  Jorge Martínez Derbi 1
  Manuel Herreros Derbi 3
  Rainer Kunz Ziegler 7
  Paolo Priori Lusuardi 29
  Aad Wijsman Harmsen 31
  Paul Bordes Scrab 17
  Reiner Koster LCR 25
  Hans Koopman Ziegler 19
  Juan Ramón Bolart Autisa 21
  Daniel Mateos Autisa 23
  Thierry Hemery Huvo-Casal 35

Classe sidecarModifica

Seconda vittoria consecutiva per l'equipaggio Egbert Streuer-Bernard Schnieders, che precede al traguardo Werner Schwärzel-Fritz Buck; i leader del mondiale Rolf Biland-Kurt Waltisperg, che dopo aver assunto la testa della corsa erano stati superati da Streuer al 3º giro, sono stati alla fine costretti al ritiro da un guasto meccanico[3][4].

I risultati di Le Mans cambiano le posizioni in classifica, dove ora Schwärzel conduce con 61 punti, davanti a Streuer a 58; Biland, che rimane fermo a 50 punti, scivola in terza posizione.

Arrivati al traguardo (posizioni a punti)[5]Modifica

Pos Pilota Passeggero Moto Tempo Punti
1   Egbert Streuer   Bernard Schnieders LCR-Yamaha 37'05"94 15
2   Werner Schwärzel   Fritz Buck LCR-Yamaha 37'19"89 12
3   Masato Kumano   Helmut Diehl LCR-Yamaha 38'02"46 10
4   Frank Wrathall   Graham Rose Seymaz-Yamaha 38'02"80 8
5   Derek Jones   Brian Ayres LCR-Yamaha 38'11"36 6
6   Markus Egloff   Urs Egloff LCR-Yamaha 38'15"15 5
7   Alfred Zurbrügg   Martin Zurbrügg LCR-Yamaha +1 giro 4
8   Luigi Casagrande   René Nydegger LCR-Yamaha +1 giro 3
9   Graham Gleeson   Kerry Chapman LCR-Yamaha +1 giro 2
10   Rolf Steinhausen   Bruno Hiller Busch-Yamaha +1 giro 1

NoteModifica

  1. ^ a b c Spencer nella leggenda del motociclismo, La Stampa, 22 luglio 1985. URL consultato il 4 maggio 2016.
  2. ^ a b c (ES) Nieto volvia a ganar, El Mundo Deportivo, 22 luglio 1985. URL consultato il 4 maggio 2016.
  3. ^ (FR) Dörflinger: un titre de plus (La Liberté), 22 luglio 1985, p. 18. URL consultato il 19 febbraio 2019.
  4. ^ (NL) Streuer/Schnieders slaan opnieuw toe (De Telegraaf), 22 luglio 1985, p. 13. URL consultato il 22 novembre 2017.
  5. ^ (FR) Tabella dei risultati su racingmemo.free, su racingmemo.free.fr. URL consultato il 13 novembre 2016.

Collegamenti esterniModifica

Motomondiale - Stagione 1985
                       
   

Edizione precedente:
1984
Gran Premio motociclistico di Francia
Altre edizioni
Edizione successiva:
1986