Gran Premio motociclistico di Germania 1992

Germania GP di Germania 1992
486º GP della storia del Motomondiale
7ª prova su 13 del 1992
Hockenheimring (pre-2002) moto.svg
Data 14 giugno 1992
Nome ufficiale Großer Preis von Deutschland Motorräder
Luogo Hockenheimring
Percorso 6,797 km
Risultati
Classe 500
441º GP nella storia della classe
Distanza 18 giri, totale 122,256 km
Pole position Giro veloce
Australia Michael Doohan Australia Michael Doohan
Honda in 1'58,325 Honda in 1'58,956
Podio
1. Australia Michael Doohan
Honda
2. Stati Uniti Kevin Schwantz
Suzuki
3. Australia Wayne Gardner
Honda
Classe 250
448º GP nella storia della classe
Distanza 16 giri, totale 108,672 km
Pole position Giro veloce
Italia Max Biaggi Italia Loris Reggiani
Aprilia in 2'06,630 Aprilia in 2'06,499
Podio
1. Italia Pierfrancesco Chili
Aprilia
2. Italia Max Biaggi
Aprilia
3. Italia Loris Reggiani
Aprilia
Classe 125
419º GP nella storia della classe
Distanza 15 giri, totale 101,88 km
Pole position Giro veloce
Germania Ralf Waldmann Italia Ezio Gianola
Honda in 2'18,346 Honda in 2'19,065
Podio
1. Italia Bruno Casanova
Aprilia
2. Italia Fausto Gresini
Honda
3. Germania Ralf Waldmann
Honda
Classe sidecar
Distanza 16 giri, totale 108,672 km
Pole position Giro veloce
Svizzera Rolf Biland Regno Unito Steve Webster
LCR-Krauser LCR-ADM in 2'09"785
Podio
1. Regno Unito Steve Webster
LCR-ADM
2. Austria Klaus Klaffenböck
LCR-ADM
3. Regno Unito Darren Dixon
LCR-Krauser

Il Gran Premio motociclistico di Germania 1992 fu il settimo appuntamento del motomondiale 1992.

Nell'alternanza dei circuiti utilizzati, quest'anno si svolse sull'Hockenheimring il 14 giugno 1992 e corsero tutte le classi in singolo, oltre ai sidecar.

Le vittorie furono di Michael Doohan in classe 500, Pierfrancesco Chili in classe 250, Bruno Casanova in classe 125[1][2] mentre tra i sidecar s'impose l'equipaggio Steve Webster/Gavin Simmons.

Classe 500Modifica

Ritorno alla vittoria dell'australiano Michael Doohan, che già si era imposto nelle prime quattro gare dell'anno, alle sue spalle lo statunitense Kevin Schwantz e l'altro australiano Wayne Gardner. A questo punto della stagione il vantaggio in classifica generale di Doohan sul secondo meglio piazzato, Schwantz, è di 53 punti, mentre sul terzo, Wayne Rainey, di 65[1][2].

Arrivati al traguardoModifica

Pos. Pilota Squadra Motocicletta Giri Tempo Griglia Punti
2   Michael Doohan Rothmans Honda Honda 18 35'57.895 20
34   Kevin Schwantz Lucky Strike Suzuki Suzuki 18 +24.626 15
5   Wayne Gardner Rothmans Kanemoto Honda Honda 18 +35.765 12
28   Àlex Crivillé Campsa Honda Honda 18 +35.943 10º 10
4   John Kocinski Marlboro Team Roberts Yamaha 18 +36.065 8
7   Eddie Lawson Cagiva Team Agostini Cagiva 18 +36.646 6
12   Alex Barros Cagiva Team Agostini Cagiva 18 +37.920 4
10   Doug Chandler Lucky Strike Suzuki Suzuki 18 +38.204 3
6   Juan Garriga Ducados Yamaha Yamaha 18 +42.263 2
10º 21   Peter Goddard Valvoline Team WCM ROC Yamaha 18 +1'10.185 13º 1
11º 17   Miguel Duhamel Yamaha Motor France Banco Yamaha 18 +1'15.276 15º
12º 37   Juan López Mella Nivea For Men Team ROC Yamaha 18 +1'36.493 23º
13º 14   Dominique Sarron ROC Banco ROC Yamaha 18 +1'37.457 20º
14º 18   Michael Rudroff Rallye Sport Harris Yamaha 18 +1'37.802 21º
15º 11   Eddie Laycock Millar Racing Yamaha 18 +1'38.940 19º
16º 26   Kevin Mitchell MBM Racing Harris Yamaha 18 +1'50.582 22º
17º 22   Simon Buckmaster Padgett's Motorcycles Harris Yamaha 17 +1 giro 24º
18º 23   Nicholas Schmassmann ROC Yamaha 17 +1 giro 26º
19º 15   Cees Doorakkers HEK Racing Harris Yamaha 17 +1 giro 25º
20º 25   Josef Doppler ROC Yamaha 17 +1 giro 31º
21º 30   Peter Graves Peter Graves Racing Harris Yamaha 17 +1 giro 30º
22º 24   Lucio Pedercini Paton Grand Prix Paton 17 +1 giro 27º

RitiratiModifica

Pilota Squadra Motocicletta Giri Griglia
27   Serge David ROC Yamaha 16 17º
1   Wayne Rainey Marlboro Team Roberts Yamaha 11
19   Niall Mackenzie Yamaha Motor France Banco Yamaha 3 11º
33   Corrado Catalano KCS International ROC Yamaha 3 16º
16   Marco Papa Librenti Corse Librenti 3 29º
31   Thierry Crine Ville de Paris ROC Yamaha 2 14º
32   Toshiyuki Arakaki ROC Yamaha 1 18º
36   Claude Arciero Arciero Racing ROC Yamaha 0 28º

Non partitoModifica

Pilota Squadra Motocicletta Griglia
8   Randy Mamola Budweiser Team Yamaha 12º

Classe 250Modifica

Per la prima volta nel motomondiale, il podio è composto da tre piloti equipaggiati da moto Aprilia, oltre che tutti italiani: si è imposto Pierfrancesco Chili, davanti a Max Biaggi e Loris Reggiani[1][3]. Nella classifica del mondiale resta nettamente in testa Luca Cadalora, qui giunto al quarto posto, che ha un vantaggio di 50 punti su Reggiani[1].

Arrivati al traguardoModifica

Pos. Pilota Motocicletta Giri Tempo Griglia Punti
  Pierfrancesco Chili Aprilia 16 34'00.719 20
  Max Biaggi Aprilia 16 +0.505 15
  Loris Reggiani Aprilia 16 +1.017 12
  Luca Cadalora Honda 16 +21.449 10
  Masahiro Shimizu Honda 16 +26.447 10º 8
  Alberto Puig Aprilia 16 +35.819 12º 6
  Nobuyuki Wakai Suzuki 16 +42.978 4
  Herri Torrontegui Suzuki 16 +43.165 3
  Loris Capirossi Honda 16 +46.355 2
10º   Bernd Kassner Aprilia 16 +46.747 15º 1
11º   Andreas Preining Aprilia 16 +50.981 17º
12º   Jochen Schmid Yamaha 16 +58.490 11º
13º   Carlos Lavado Gilera 16 +1'09.702
14º   Patrick van den Goorbergh Aprilia 16 +1'11.929 18º
15º   Harald Eckl Aprilia 16 +1'12.184 22º
16º   Katsuyoshi Kozono Honda 16 +1'12.440 31º
17º   Adi Stadler Honda 16 +1'13.138 30º
18º   Bernard Haenggeli Aprilia 16 +1'13.194 24º
19º   Frédéric Protat Aprilia 16 +1'19.892 25º
20º   Luis d'Antín Honda 16 +1'20.017 28º
21º   Yves Briguet Honda 16 +1'20.532 32º
22º   Jean Pierre Jeandat Honda 16 +1'21.255 29º
23º   Erkka Korpiaho Aprilia 16 +1'49.824 27º
24º   Evren Bischoff Aprilia 16 +1'53.880 37º
25º   Volker Bähr Honda 16 +1'54.222 34º
26º   Michele Gallina Yamaha 16 +1'54.275 33º
27º   Bernard Cazade Honda 16 +1'54.322 36º
28º   Renzo Colleoni Yamaha 15 +1 giro 35º

RitiratiModifica

Pilota Motocicletta Giri Griglia
  Jurgen van den Goorbergh Aprilia 8 26º
  Adrian Bosshard Honda 8 23º
  Stefan Prein Honda 6 14º
  Paolo Casoli Yamaha 3 19º
  Eskil Suter Aprilia 3 21º
  Jean-Philippe Ruggia Gilera 2 13º
  Helmut Bradl Honda 2
  Doriano Romboni Honda 1 16º

Non partitoModifica

Pilota Motocicletta Griglia
  Carlos Cardús Honda 20º

Classe 125Modifica

Il pilota italiano Bruno Casanova ha ottenuto la sua prima vittoria nel motomondiale, precedendo l'altro italiano Fausto Gresini e il tedesco Ralf Waldmann; quest'ultimo resta in testa alla classifica provvisoria del campionato, davanti a Casanova e alla coppia Gresini/Gianola appaiati al terzo posto[1].

Arrivati al traguardoModifica

Pos. Pilota Motocicletta Tempo Griglia Punti
  Bruno Casanova Aprilia 35'10.817 20
  Fausto Gresini Honda +0.089 11º 15
  Ralf Waldmann Honda +0.308 12
  Gabriele Debbia Honda +0.430 10
  Ezio Gianola Honda +0.643 8
  Dirk Raudies Honda +0.883 6
  Alessandro Gramigni Aprilia +1.177 4
  Stefan Kurfiss Honda +24.659 19º 3
  Nobuyuki Wakai Honda +24.731 12º 2
10º   Carlos Giró Aprilia +25.197 15º 1
11º   Hisashi Unemoto Honda +25.440 16º
12º   Hans Spaan Aprilia +50.741 20º
13º   Julián Miralles Honda +50.829 25º
14º   Alfred Waibel Honda +51.419 23º
15º   Giovanni Palmieri Gazzaniga +51.531 29º
16º   Kin'ya Wada Honda +51.662 24º
17º   Luis Alvaro JJ Cobas +51.923 30º
18º   Maurizio Vitali Gazzaniga +52.080 35º
19º   Takao Shimizu Honda +52.241 22º
20º   Manuel Hernández Aprilia +52.364 28º
21º   Loek Bodelier Honda +52.762 18º
22º   Steve Patrickson Honda +1'15.628 33º
23º   Robin Appleyard Honda +1'16.389 31º
24º   Oliver Köhlinger Honda +1'16.761 27º
25º   Arie Molenaar Aprilia +1'56.964 26º

RitiratiModifica

Pilota Motocicletta Griglia
  Oliver Koch Honda 13º
  Oliver Petrucciani Honda
  Maik Stief Aprilia 17º
  Kazuto Sakata Honda 14º
  Peter Galvin Honda 32º
  Hubert Abold Honda 36º
  Alain Bronec Honda 21º
  Jorge Martínez Honda
  Peter Öttl Rotax
  Noboru Ueda Honda 10º

Classe sidecarModifica

Seconda vittoria in due gare per l'equipaggio Steve Webster-Gavin Simmons, che trionfa dopo un duello ravvicinato con gli austriaci Klaus Klaffenböck-Christian Parzer. Ritirati per un guasto Egbert Streuer-Peter Brown; problemi tecnici rallentano anche Rolf Biland-Kurt Waltisperg, solo ottavi dopo essere partiti dalla pole[4]. In classifica Webster è in testa con 40 punti, davanti a Klaffenböck a 30 e a Kumagaya a 20.

Arrivati al traguardo (posizioni a punti)[5]Modifica

Pos. Pilota Passeggero Sidecar Tempo Punti
  Steve Webster   Gavin Simmons LCR-ADM 34'54"377[6] 20
  Klaus Klaffenböck   Christian Parzer LCR-ADM +0"281 15
  Darren Dixon   Andy Hetherington LCR-Krauser +26"219 12
  Yoshisada Kumagaya   Brian Houghton LCR-Krauser +27"250 10
  Ralph Bohnhorst   Bruno Hiller LCR-BRM 405 +50"688 8
  Paul Güdel   Charly Güdel LCR-Yamaha +52"100 6
  Markus Bösiger   Beat Leibundgut LCR-ADM +52"613 4
  Rolf Biland   Kurt Waltisperg LCR-Krauser +52"810 3
  Barry Brindley   Scott Whiteside LCR-Yamaha +1'23"864 2
10º   Derek Brindley   Nick Roche LCR-Krauser 1

NoteModifica

  1. ^ a b c d e Marco Nicolini, Il giorno dell'Italia con Casanova, Chili e l'Aprilia, in La Stampa, sez. lunedìsport, 15 giugno 1992, p. 11.
  2. ^ a b (ES) Domenec Garcia, Alex Crivillé confirmò su clase mundial, in El Mundo Deportivo, 15 giugno 1992, p. 45.
  3. ^ William Toscani, Hockenheim 1992: quella 'tripla corona' che rese grande Aprilia, su motosprint.corrieredellosport.it, 13 aprile 2021.
  4. ^ (NL) Streuer al snel langs de kant op Hockenheim, in Nieuwsblad van het Noorden, 15 giugno 1992, p. 17. URL consultato il 12 dicembre 2017.
  5. ^ (FR) 1992 - Sidecars 500cc, su racingmemo.free.fr. URL consultato il 26 gennaio 2017.
  6. ^ (FR) Michael Doohan renoue avec la victoire et les Italiens récitent un festival, in La Liberté, 15 giugno 1992, p. 37. URL consultato il 25 febbraio 2019.

Collegamenti esterniModifica

Motomondiale - Stagione 1992
                         
   

Edizione precedente:
1991
Gran Premio motociclistico di Germania
Altre edizioni
Edizione successiva:
1993
  Portale Moto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di moto