Apri il menu principale
Jugoslavia GP di Jugoslavia 1969
194º GP della storia del Motomondiale
12ª prova su 12 del 1969
Opatija Trackmap.svg
Data 14 settembre 1969
Nome ufficiale 10° GP dell'Adriatico - GP di Jugoslavia
Luogo Circuito di Abbazia
Percorso 6,000[1] km
Circuito stradale
Clima pioggia
Risultati
Classe 500
171º GP nella storia della classe
Distanza 29 giri, totale 174,000 km
Pole position Giro veloce
Regno Unito Godfrey Nash Regno Unito Godfrey Nash
Norton in 2' 33" 0 Norton in 2' 44" 2 a 131,547 km/h
Podio
1. Regno Unito Godfrey Nash
Norton
2. Italia Franco Trabalzini
Paton
3. Regno Unito Steve Ellis
LinTo
Classe 350
151º GP nella storia della classe
Distanza 26 giri, totale 156,000 km
Pole position Giro veloce
Italia Silvio Grassetti Italia Silvio Grassetti
Jawa Jawa in 2' 27" 8 a 146,120 km/h
Podio
1. Italia Silvio Grassetti
Jawa
2. Italia Gilberto Milani
Aermacchi
3. Cecoslovacchia František Št'astný
Jawa
Classe 250
170º GP nella storia della classe
Distanza 21 giri, totale 126,000 km
Pole position Giro veloce
Svezia Kent Andersson Italia Gilberto Parlotti
Yamaha in 2' 31" 6 Benelli in 2' 39" 8 a 135,169 km/h
Podio
1. Australia Kel Carruthers
Benelli
2. Italia Gilberto Parlotti
Benelli
3. Svezia Kent Andersson
Yamaha
Classe 125
164º GP nella storia della classe
Distanza 17 giri, totale 102,000 km
Pole position Giro veloce
Germania Ovest Dieter Braun
Suzuki in 2' 46" 0 a 130,120 km/h
Podio
1. Germania Ovest Dieter Braun
Suzuki
2. Regno Unito Dave Simmonds
Kawasaki
3. Polonia Ryszard Mankiewicz
MZ
Classe 50
63º GP nella storia della classe
Distanza 12 giri, totale 72,000 km
Pole position Giro veloce
Paesi Bassi Paul Lodewijkx Spagna Ángel Nieto
Jamathi in 3' 02" 0 Derbi in 2' 53" 7 a 124,350 km/h
Podio
1. Paesi Bassi Paul Lodewijkx
Jamathi
2. Spagna Ángel Nieto
Derbi
3. Paesi Bassi Jan de Vries
Kreidler

Il Gran Premio motociclistico di Jugoslavia fu l'ultimo appuntamento del motomondiale 1969.

Si svolse il 14 settembre 1969 presso il Circuito di Abbazia. Corsero tutte le categorie, meno i sidecar. Parteciparono 183 piloti da 17 paesi, e le gare furono seguite da 40.000 spettatori.

Ancora assente Giacomo Agostini, impegnato quello stesso giorno in una gara non iridata sul circuito britannico di Cadwell Park, le gare di 350 e 500 furono appannaggio, come già al Nazioni, dei piloti privati e delle Case minori: nella mezzo litro la vittoria fu del britannico Godfrey Nash, che portò al successo per l'ultima volta la Norton Manx monocilindrica. L'inglese approfittò della grave caduta di Gilberto Milani (la quale segnò la fine della carriera del centauro milanese) e del ritiro di Silvano Bertarelli. In 350 Silvio Grassetti portò alla vittoria la Jawa quattro cilindri due tempi, davanti a Milani e al compagno di Marca František Št'astný.

La gara della 250 fu decisiva per l'assegnazione del titolo di Campione del Mondo: caduto e ritiratosi Santiago Herrero, la lotta si restrinse tra Kel Carruthers e Kent Andersson, e a spuntarla fu l'australiano della Benelli, vincitore davanti a Gilberto Parlotti con l'altra quadricilindrica pesarese e ad Andersson. Quella di Carruthers fu l'ultima vittoria di una 250 a 4 tempi.

In 125 Dieter Braun interruppe la striscia di sette vittorie consecutive di Dave Simmonds. Anche la gara della 50, come quella della quarto di litro, assegnò il titolo della categoria: a fregiarsi dell'iride fu Ángel Nieto, grazie al secondo posto dietro all'olandese Paul Lodewijkx e ai ritiri di Barry Smith e Aalt Toersen.

Indice

Classe 500Modifica

Al via si schierarono 23 piloti e solo 11 vennero classificati al termine della gara.

Arrivati al traguardoModifica

Pos. Pilota Moto Tempo Punti
1   Godfrey Nash Norton 1h 21' 29" 0 15
2   Franco Trabalzini Paton +1' 21" 0 12
3   Steve Ellis LinTo +1 giro 10
4   Lewis Young Matchless +1 giro 8
5   Keith Turner LinTo +1 giro 6
6   Pentti Lehtelä Matchless +1 giro 5
7   Paul Eickelberg Norton +2 giri 4
8   Emanuele Maugliani Norton +3 giri 3
9   Ross Hannan Norton +3 giri 2
10   Maurice Hawthorne Metisse-Aermacchi +7 giri 1
11   Heinrich Rosenbusch LinTo

Classe 350Modifica

Arrivati al traguardoModifica

Pos Pilota Moto Tempo Punti
1   Silvio Grassetti Jawa 1h 06' 07" 0 15
2   Gilberto Milani Aermacchi +1' 28" 2 12
3   František Št'astný Jawa +1' 48" 0 10
4   Bohumil Staša ČZ +2' 13" 9 8
5   Lewis Young Aermacchi +1 giro 6
6   Adolf Ohligschläger Yamaha +1 giro 5
7   Brian Smith Aermacchi +1 giro 4
8   Maurice Hawthorne Metisse-Aermacchi +1 giro 3
9   János Drapál Aermacchi +1 giro 2
10   Hannu Kuparinen Yamaha +2 giri 1

Classe 250Modifica

Al via si schierarono 31 piloti e solo 21 vennero classificati al termine della gara.

Arrivati al traguardoModifica

Pos Pilota Moto Tempo Punti
1   Kel Carruthers Benelli 57' 46" 5 15
2   Gilberto Parlotti Benelli +0" 4 12
3   Kent Andersson Yamaha +6" 5 10
4   Börje Jansson Kawasaki-Yamaha[2] +1' 53" 8 8
5   Silvio Grassetti Yamaha +2' 13" 4 6
6   Günter Bartusch MZ +1 giro 5
7   Walter Villa Villa +1 giro 4
8   Heinz Kriwanek Suzuki +1 giro 3
9   László Szabó MZ +1 giro 2
10   Gyula Marsovszky Yamaha +1 giro 1

Classe 125Modifica

Al via si schierarono 30 piloti e solo 21 vennero classificati al termine della gara.

Arrivati al traguardoModifica

Pos Pilota Moto Tempo Punti
1   Dieter Braun Suzuki 49' 40" 6 15
2   Dave Simmonds Kawasaki +9" 6 12
3   Ryszard Mankiewicz MZ +30" 7 10
4   László Szabó MZ +48" 3 8
5   Heinz Kriwanek Rotax +1' 03" 8 6
6   Friedhelm Kohlar MZ +1' 56" 0 5
7   Giuseppe Mandolini Villa +2' 16" 3 4
8   Herbert Denzler Honda +2' 35" 0 3
9   Silvano Bertarelli Aermacchi +2' 50" 9 2
10   János Reisz MZ +1 giro 1

Classe 50Modifica

Arrivati al traguardoModifica

Pos Pilota Moto Tempo Punti
1   Paul Lodewijkx Jamathi 36' 11" 2 15
2   Ángel Nieto Derbi +0" 4 12
3   Jan de Vries Kreidler +18" 6 10
4   Martin Mijwaart Jamathi +40" 9 8
5   Rudolf Kunz Kreidler +53" 5 6
6   Jan Huberts Kreidler +2' 26" 7 5
7   Adrijan Bernetič Tomos 4
8   Janko-Florijan Štefe Tomos 3
9   Anton Kralj Tomos 2
10   Luigi Rinaudo Tomos 1

NoteModifica

  1. ^ Altre fonti (come racingmemo.free.fr) indicano una lunghezza di 5,994 km.
  2. ^ Trattasi di una special a telaio Kawasaki e motore Yamaha.

Fonti e bibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica