Grand Prix SAR La Princesse Lalla Meryem 2016

torneo di tennis femminile
Grand Prix SAR La Princesse Lalla Meryem 2016
Sport Tennis pictogram.svg Tennis
Data 26 – 30 aprile
Edizione 16ª
Superficie Terra rossa
Località Rabat, Marocco
Campioni
Singolare
Ucraina Elina Svitolina
Doppio
Svizzera Xenia Knoll / Serbia Aleksandra Krunić
Left arrow.svg 2015 2017 Right arrow.svg

Il Grand Prix SAR La Princesse Lalla Meryem 2016 è stato un torneo femminile di tennis giocato sulla terra rossa. È stata la 16ª edizione del torneo che fa parte della categoria International nell'ambito del WTA Tour 2016. Si è giocato a Rabat in Marocco dal 26 al 30 aprile 2016.

PartecipantiModifica

Teste di serieModifica

Giocatrice Nazionalità Ranking* Testa di serie
  Svizzera Timea Bacsinszky 16 1
  Russia Ekaterina Makarova 29 2
  Slovacchia Anna Karolína Schmiedlová 34 3
  Romania Irina-Camelia Begu 35 4
  Ungheria Tímea Babos 40 5
  Germania Annika Beck 41 6
  Ucraina Lesja Curenko 43 7
  Kazakistan Julija Putinceva 53 8

* Ranking al 18 aprile 2016.

Altre partecipantiModifica

Le seguenti giocatrici hanno ricevuto una Wild card:

La seguente giocatrice è entrata in tabellone come Special Exempt:

Le seguenti giocatrici sono passate dalle qualificazioni:

 Lo stesso argomento in dettaglio: Grand Prix SAR La Princesse Lalla Meryem 2016 - Qualificazioni singolare.

Le seguenti giocatrici sono entrate in tabellone come lucky loser:

CampionesseModifica

SingolareModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Grand Prix SAR La Princesse Lalla Meryem 2016 - Singolare.

  Timea Bacsinszky ha sconfitto in finale   Marina Eraković col punteggio 6-2, 6-1.

  • È il quarto titolo in carriera per Bacsinszky, primo della stagione.

DoppioModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Grand Prix SAR La Princesse Lalla Meryem 2016 - Doppio.

  Xenia Knoll /   Aleksandra Krunić hanno battuto in finale   Tatjana Maria /   Raluca Olaru con il punteggio di 6-3, 6-0.

Collegamenti esterniModifica

  • Sito ufficiale, su lallameryemtennis.com. URL consultato il 22 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 24 aprile 2012).