Grande Diomede

isola rocciosa presente nello stretto di Bering

La Grande Diomede (in russo остров Ратманова?, ostrov Ratmanova; in inglese: Big Diomede e nel suo nome nativo Imaqliq) è una delle due isole rocciose situate al centro dello Stretto di Bering, fra l'Alaska e l'estremo oriente della Russia, l'altra è la Piccola Diomede. Amministrativamente l'isola appartiene al Circondario autonomo di Čukotka.

Grande Diomede
остров Ратманова
La Grande Diomede a sinistra, la Piccola Diomede a destra (viste dallo spazio)
Geografia fisica
LocalizzazioneStretto di Bering
Coordinate65°46′52″N 169°03′25″W / 65.781111°N 169.056944°W65.781111; -169.056944
ArcipelagoIsole Diomede
Superficie29 km²
Classificazione geologicatuya
Geografia politica
StatoBandiera della Russia Russia
Circondario federaleEstremo Oriente
CircondarioCircondario autonomo di Čukotka
Demografia
Abitanti0
Cartografia
Mappa di localizzazione: Federazione Russa
Grande Diomede
Grande Diomede
voci di isole della Russia presenti su Wikipedia

Geografia modifica

La Grande Diomede si trova circa 45 km a sud-est di capo Dežnëv (penisola dei Čukči), è l'estremo punto orientale del territorio russo e dell'intera Asia. L'isola rocciosa, di tipo tuya, ha una superficie di 10 km²[1]. La linea internazionale del cambio di data si trova circa 1,3 km a est dell'isola (UTC+12). Sulla Piccola Diomede, a soli 3 km a est (UTC-9), ci sono 21 ore di differenza.

Storia modifica

L'isola era originariamente abitata dagli eschimesi Yupik[2]. Il primo europeo a raggiungere le isole fu l'esploratore russo Semën Dežnëv nel 1648. Successivamente l'esploratore danese al servizio dei russi Vitus Bering le riscoprì il 16 agosto 1728, il giorno in cui la Chiesa ortodossa russa celebra la memoria del martire san Diomede (da qui il nome delle isole). Nel 1732 Michail Gvozdev ne fece un vero e proprio rilevamento tracciandone la mappa. Nel 1867 durante l'acquisto dell'Alaska venne tracciato il nuovo confine tra le nazioni proprio tra la Grande e la Piccola Diomede, appartenente quest'ultima ora agli Stati Uniti.

Avvenimento particolare verificatosi nell'isola è quello dell'incidente di un velivolo sovietico Lisunov Li-2, destinato a portare merci e rifornimenti all'avamposto russo sull'isola. La disgrazia accadde attorno al 13 giugno 1971. Dopo aver consegnato i pacchi, l'aereo incontrò una fitta nebbia, che causò l'incidente. Fortunatamente, nonostante l'areo risultasse gravemente danneggiato, nessun membro dell'equipaggio subì lesioni mortali, infatti, dopo aver trascorso la notte nell'aereo vennero soccorsi in elicottero e riportati in URSS.

Le isole Diomede sono spesso menzionate anche come punto intermedio ideale di passaggio per un eventuale ponte o tunnel attraverso lo stretto di Bering.

Note modifica

Voci correlate modifica

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

  • (EN) Immagini delle isole, su arctic.bio.utk.edu. URL consultato il 23 agosto 2011 (archiviato dall'url originale il 9 maggio 2008).