Granducato di Salisburgo

principato del Sacro Romano Impero (1803-1805)

Il Granducato di Salisburgo (anche Elettorato di Salisburgo) fu uno stato del Sacro Romano Impero esistente dal 1803 e derivato dalla secolarizzazione del Principato arcivescovile di Salisburgo.

Granducato di Salisburgo
Granducato di Salisburgo – Bandiera
Granducato di Salisburgo - Stemma
Dati amministrativi
Lingue parlatetedesco
CapitaleSalisburgo
Dipendente da Sacro Romano Impero
Politica
Forma di governoMonarchia
Nascita1803 con Ferdinando d'Austria
CausaReichsdeputationshauptschluss
Fine1805 con Ferdinando d'Austria
CausaTrattato di Presburgo
Territorio e popolazione
Bacino geograficoAustria
Economia
RisorseSale, Ferro, grano
ProduzioniMetalli lavorati
Commerci conImpero d'Austria, Stati tedeschi, Stati italiani
Religione e società
Religione di StatoCattolicesimo
Classi socialinobili e patrizi, clero, borghesi e commercianti, artigiani, mezzadri e contadini.
Evoluzione storica
Preceduto da Arcivescovato di Salisburgo
Prepositura di Berchtesgaden
Vescovato di Eichstätt
Succeduto daBandiera dell'Austria Arciducato d'Austria
(Eichstätt alla Baviera)

Nel 1803 il territorio dell'arcidiocesi di Salisburgo, assieme ad Eichstätt, Berchtesgaden ed a parte di Passavia, vennero secolarizzati e concessi all'ex granduca di Toscana Ferdinando d'Asburgo, come ricompensa per aver ceduto la Toscana alle pressioni francesi.

Dopo la Pace di Presburgo del 1805 Salisburgo passò all'Austria e Ferdinando venne ricompensato con il Granducato di Würzburg, mentre Eichstätt e Passavia passarono alla Baviera. Con il Trattato di Schönbrunn del 1809 passò alla Francia e dal 1810 alla Baviera.

Granduca ed Elettore di Salisburgo

modifica

Bibliografia

modifica
  • Gerhard Ammerer, Alfred Stefan Weiß (Hrsg.): Die Säkularisation Salzburgs 1803. Voraussetzungen – Ereignisse – Folgen. Verlag Lang, Frankfurt am Main 2005, ISBN 3-631-51918-4.
  • Fritz Koller, Hermann Rumschöttel: Bayern und Salzburg im 19. und 20. Jahrhundert, vom Salzachkreis zur EUregio. Verlag Samson 2006. ISBN 3-921635-98-5.
  Portale Storia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia