Apri il menu principale

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti

 

StoriaModifica

Il primo documento della storia di Grignan e del suo famoso castello è del 1105. Dal 1138 al 1180 vengono nominati nel Cartulaire della Commanderia dell'Ordine del Tempio di Richerenches i primi proprietari del Castello: i Granetto-Granet de Grignan. Odo Granetto-Granet (Graneti de Gradinano, de Grainna, de Grâne) viene nominato nel 1135 con suo fratello Maljox e i suoi nipoti Odo (templare) e Guigo (Gigo). Nell'anno 1180 Guglielmo Granetto e Petrus Granetto del castello di Grignan donano ai cavalieri del Tempio una piccola Casa di Saint-Paul-Trois-Châteaux, oggi ancora visibile in quella città. Nel 1157 la signoria del castello viene condivisa con i cugini della Famiglia Adhémar de Monteil (vedi Ademaro di Monteil) che ne diverranno unici proprietari nel 1239. Nel XVI secolo la fortezza di Grignan verrà trasformata nel più grande e prestigioso castello rinascimentale di Francia. Nel 1669 François de Castellane Adhémar, discendente dei primi proprietari sposa la figlia della famosa scrittrice Madame de Sévigné. Attualmente il castello è di proprietà del Consiglio Generale della Drôme.

Fonti e BibliografiaModifica

  • Cartulaire de la Commanderie de Richerenches de l'Ordre du Temple (1136-1214)
  • Cartulaire de l'évêché de Saint-Paul-Trois-Châteaux, analyses et extraits, avec une notice sur le Tricastin au début du XIIIe siècle, par Jacques DE FONT-RÉAULX. Valence, Archives départementales, 1946
  • Arnaud d'Ossat, Girolamo Canini "Lettere A Principi Di Negotii Politici, E Di Complimento", 1629
  • John Nichols", The Gentleman's magazine", 1781
  • Jacqueline Duchêne, "Françoise de Grignan: Ou le mal d'amour", Fayard, 1985
  • Josée Chomel, Philippe Chomel, "Madame de Sévigné à Grignan: une épistolière en Provence", Éditions Aubanel, 1996
  • Guy Issanjou, "Château de Grignan", Éd. Scala, 2002

NoteModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN152460068 · LCCN (ENn81151466 · GND (DE4244366-0 · BNF (FRcb15253007c (data) · WorldCat Identities (ENn81-151466
  Portale Francia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Francia