Apri il menu principale
Grotte della Gurfa
StatoItalia Italia
RegioneSicilia Sicilia
ProvincePalermo Palermo
ComuniAlia
Coordinate37°44′56.21″N 13°45′14.72″E / 37.748946°N 13.754089°E37.748946; 13.754089Coordinate: 37°44′56.21″N 13°45′14.72″E / 37.748946°N 13.754089°E37.748946; 13.754089
Mappa di localizzazione: Italia
Grotte della Gurfa
Grotte della Gurfa
Grotte della Gurfa
Grotte Gurfa 10.JPG
Stanza a tholos
CiviltàEtà del bronzo
UtilizzoGrotta
EpocaXXV-XVI secolo a.C.
Localizzazione
StatoItalia Italia
ComuneAlia
Amministrazione
PatrimonioRiserva sub urbana grotte Della Gurfa
EnteComune di Alia
VisitabileSi
Sito webwww.comune.alia.pa.it
Mappa di localizzazione

Le grotte della Gurfa sono un esempio di architettura rupestre. Si trovano in Sicilia, nei pressi del comune di Alia (provincia di Palermo) e si raggiungono imboccando una breve deviazione al kilometro 182 della S.S. nº121 "Catanese"; con la necropoli costituiscono la Riserva sub urbana grotte Della Gurfa.

Sono composte da sei ambienti scavati in una rupe di arenaria rossa, senza sfruttare cavità naturali già presenti.

La datazione è ancora incerta ma sembra risalire, dai rilievi effettuati, al 2500 a.C.-1600 a.C. età del bronzo.[senza fonte]

Indice

Siti archeologiciModifica

L'insediamento di Cozzo BarbaràModifica

Sul rilievo, a sud dell'odierno abitato, rinvenimenti sporadici hanno portato alla luce frammenti fittili, monete e frammenti di mosaico a tessere bianche che attesterebbero la presenza di una villa rustica romana.

Necropoli del Cozzo SulfaraModifica

Sull'altura, che prese nome da una piccola sorgente di acqua solfurea, vi è una necropoli di tombe a fossa rivestite di pietrame e coperte da lastre litiche.

Necropoli della GurfaModifica

Presso l'omonimo complesso rupestre, sono scavate delle sepolture la cui diversa tipologia permette due distinte datazioni.

Ad età tardo romana si datano due arcosoli accostati, con altrettante fosse ciascuno, scavati in uno spuntone roccioso; questi sono quanto rimane di una necropoli che si presume scavata nei grandi massi di crollo un tempo antistanti la falesia, smantellati per dare accesso alle “grotte”.

Alla media età del bronzo (1500-1250 a. C.) si datano diverse sepolture "a grotticella", sparse per l'area della riserva; la loro forma ricorda l'antico forno di campagna,

Le grotte della GurfaModifica

 
Immagine schematica degli ambienti

Le grotte non sono naturali e sono un chiaro esempio di manufatto antropico pervenutoci attraverso aggiunte e trasformazioni che complicano l'interpretazione e la datazione. Il nome Gurfa deriva da quello arabo ghorfa, ricordo della dominazione musulmana, che significa stanza, magazzino. In Tunisia esistono depositi di grano detti ghorfas, alcuni divenuti meta turistica. Nella toponomastica siciliana ricorre il nome gurfi col significato di deposito, di magazzino.

Il complesso rupestre delle grotte consta di sei cavità disposte su due livelli scavati in una arenaria giallastra. Al primo, a sinistra, si apre un ambiente a pianta rettangolare di 9,59x9,15 m, con altezza di 4,53 m, con soffitto a due spioventi un tempo nominato "a saracina" (alla saraceno); a destra un ambiente di forma campaniforme alto 16,35 m, pianta ellittica di 14,10x11,59 m, alla sommità un ovulo d 0,70 m; entrambi gli ambienti comunicano autonomamente con l'esterno e fra loro a mezzo di un corridoio.

Una scalinata scavata nel costone roccioso conduce al secondo livello entro cui sono scavati quattro ambienti uno a sinistra e tre a destra in successione, di forma pressoché quadrata e dimensioni diverse, il più piccolo di circa 6x4 m, il maggiore di circa 10x6 m. Ciascun ambiente è dotato di ampia finestra aperta sulla vallata. Segue un lungo corridoio che sbocca a circa metà dell'altezza dell'ambiente campaniforme. A quest'ultimo ambiente, qualche anno fa, è stato dato il nome di thòlos per la somiglianza formale con la thòlos di Atreo a Micene.

Nella giornata di studio La Gurfa ed il suo territorio organizzato dal Consiglio Nazionale delle Ricerche, a Palermo il 10 luglio 2009, la maggior parte degli studiosi si è espressa attribuendo all'odierno grande ambiente campaniforme l'originaria funzione di fossa granaria, che ampliata e con la costruzione di soppalchi lignei, presenti sino agli anni cinquanta, è divenuto una capace pagliarola. La datazione, sempre incerta, rimane fra l'età tardo romana e la bizantina.

Il forzato confronto fra l'ambiente campaniforme e la mitica thòlos micenea ha portato uno studioso a proporre che l’intero complesso architettonico sia stato scavato per accogliere le spoglie, del discusso, re cretese Minosse.[1] Un'altra ipotesi di localizzazione è quella di Colle Madore stante l'uso che ne fece Akragas per conquistare la valle dell'Imera settentrionale.[2]

Nel 1995 le grotte sono state usate come set per alcune scene del film L'uomo delle stelle di Giuseppe Tornatore.[3]

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ Dimensione Sicilia, Mistero a Palermo: scoperta la tomba di Minosse?, su Blog Sicilian Secrets, 15 maggio 2012. URL consultato il 20 dicembre 2016.
  2. ^ Colle Madore "Il sepolcro di Minosse", su archeo.wikia.com.
  3. ^ Sicilia al cinema, “L'uomo delle stelle” di Giuseppe Tornatore - Siciliafan, su Siciliafan. URL consultato il 9 gennaio 2016.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica