Apri il menu principale
UNESCO white logo.svg Bene protetto dall'UNESCO
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Grotte di Longmen, vicino Luoyang, provincia di Henan
(EN) Longmen Grottoes
Longmen-lu-she-na-1.jpg
TipoCulturali
Criterio(i) (ii) (iii)
PericoloNon in pericolo
Riconosciuto dal2000
Scheda UNESCO(EN) Scheda
(FR) Scheda
Il monte Longmen visto da nordovest

Le grotte di Longmen (in cinese: 龍門石窟, letteralmente grotte della porta del drago) sono una serie di santuari rupestri che si trovano 12 chilometri a sud dell'odierna Luoyang, nella provincia di Henan, in Cina. Le grotte, in cui vengono ritratti soggetti prevalentemente buddhisti, punteggiano fittamente i monti Xiangshan (ad est) e Longmenshan (ad ovest); tra di essi scorre il fiume Yi.

La distanza coperta dalle grotte, da nord a sud, è di circa un chilometro; si tratta di uno dei complessi rupestri più famosi di tutta la Cina, insieme alle grotte di Mogao e alle grotte di Yungang.

Indice

StoriaModifica

Durante il periodo dei regni combattenti, in questo sito il generale Bai Qi dello stato Qin sconfisse le forze alleate del regno di Han e dello stato di Wei.

La costruzione delle grotte iniziò nel 493. Il complesso è composto da 2.345 grotte e nicchie, 2.800 iscrizioni, 43 pagode e oltre 100.000 immagini del Buddha. Il 30% delle caverne risale alla dinastia Wei, il 60% alla dinastia Tang e il 10% ad altri periodi. Nella grotta-tempio vi sono statue alte anche 17 metri, che raffigurano Buddha e i suoi discepoli.[1]

Nel 2000 il complesso delle grotte di Longmen sono state inserite nell'elenco dei patrimoni dell'umanità dell'UNESCO.

NoteModifica

  1. ^ Roberto Ciarla, Atlante di Archeologia, Utet, Torino, 1998, pag.362

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN315126471 · NDL (ENJA00956090 · WorldCat Identities (EN315126471