Apri il menu principale
L'ultima missione
Titolo originaleStar Wars: The Last Command
Altri titoliGuerre stellari: L'ultima missione
AutoreTimothy Zahn
1ª ed. originale1993
1ª ed. italiana1995
Genereromanzo
Sottogenerefantascienza
Lingua originaleinglese
PersonaggiLuke Skywalker, Leila Organa, Ian Solo, Lando Calrissian, Chewbecca, Thrawn, Jorus C'baoth
SerieTrilogia di Thrawn
Preceduto daSfida alla Nuova Repubblica

L'ultima missione (Star Wars: The Last Command), noto anche come Guerre stellari: L'ultima missione, è un romanzo di fantascienza del 1993 scritto da Timothy Zahn; è l'ultimo romanzo della Trilogia di Thrawn e ambientata nell'Universo espanso di Guerre stellari, cinque anni dopo Il ritorno dello Jedi nel periodo della Nuova Repubblica. Il romanzo è stato pubblicato in Italia nel 1995.

TramaModifica

Una Repubblica alle strette cerca di riprendersi dagli attacchi del Grande Ammiraglio Thrawn, che ha schierato i residui delle forze Imperiali e costretto i Ribelli ad arretrare con una tecnologia recuperata dalla fortezza segreta dell'Imperatore: i soldati clone. Mentre Thrawn dispiega il suo assedio finale, Ian e Chewbecca cercano con grande fatica di formare una coalizione di contrabbandieri per sferrare un ultimo disperato attacco contro l'Impero. Intanto Leila tiene assieme l'Alleanza e si prepara alla nascita dei suoi gemelli Jedi. Travolta dalle navi e dai cloni agli ordini di Thrawn, la Repubblica ha un'ultima speranza: inviare un piccolo drappello guidato da Luke Skywalker nella roccaforte che ospita le terribili macchine da clonazione di Thrawn. Lì li attende un ultimo grande pericolo, dal momento che il Jedi Oscuro C'baoth dirige la battaglia contro i Ribelli e accumula le forze per terminare ciò che ha iniziato: la distruzione di Luke Skywalker.

EdizioniModifica

L'ultima missione è uscito in Italia nel 1995 edito dalla Sperling & Kupfer e successivamente ripubblicato nel 2013 dalla multiplayer.it Edizioni in occasione del ventesimo anniversario dalla prima edizione de L'erede dell'Impero.

Collegamenti esterniModifica