Guglielmo Cavalcabò (XIV secolo)

poltico italiano del XIV secolo

Guglielmo Cavalcabò (... – Soncino, 14 giugno 1312) è stato un politico italiano, dell'omonima famiglia cremonese guelfa.

Stemma dei Cavalcabò.

BiografiaModifica

Era figlio di Ugolino. Fu capitano del popolo e podestà di Cremona, prima di conquistare il potere della città nel 1307 grazie al partito guelfo. Nel 1308, assieme al fratello Giacomo assediò Parma cacciando Giberto III da Correggio e insediando la famiglia dei Rossi, loro parenti. Nel 1311 a causa dei dissidi col partito ghibellino lasciò Cremona e si rifugiò a Viadana, ma per breve tempo. Tornato a Cremona assieme ad alcuni capi guelfi, tra i quali Venturino Benzoni, si impadronì di Soncino. Gli abitanti resistettero all'assedio grazie anche al soccorso del conte Guarniero di Hoemburg, vicario imperiale di Brescia. Guglielmo Cavalcabò fu rinchiuso in prigione e qui ucciso dal Hohenbourg il 14 giugno 1312.[1]

DiscendenzaModifica

Guglielmo sposò la figlia di Sopramonte Amati, senza discendenza.

NoteModifica

  1. ^ Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Cavalcabò di Cremona, Torino, 1835.

BibliografiaModifica

  • Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Cavalcabò di Cremona, Torino, 1835, ISBN non esistente.
  • G.C. Tiraboschi, La famiglia Cavalcabò, Cremona, 1814.