Apri il menu principale
Guglielmo VI
Conte d'Alvernia
In carica 1096 - 1136
Predecessore Roberto II
Successore Roberto III
Nascita seconda metà dell'XI secolo
Morte 25 gennaio 1136
Padre Roberto II
Madre Giuditta di Melgueil
Coniuge Emma di Altavilla
Figli Roberto e
Guglielmo

Guglielmo d'Alvernia (seconda metà dell'XI secolo25 gennaio 1136), fu Conte d'Alvernia e conte di Velay, dal 1096 circa sino alla sua morte.

OrigineModifica

Figlio secondogenito, ma, secondo lo storico, chierico, canonista e bibliotecario francese, Étienne Baluze, unico maschio del Conte d'Alvernia e conte di Gévaudan, Roberto II e di Giuditta di Melgueil[1] (?- dopo il 30 aprile 1096), la figlia di Raimondo [I] Conte de Melgueil e di Beatrice di Poitiers[2], ma che, secondo il Baluze era la sorella di Raimondo [I] Conte de Melgueil e quindi era la figlia di Pierre, Conte de Melgueil e di Adelmodia[3].
Roberto II era il figlio secondogenito del Conte d'Alvernia e conte di Clermont, Guglielmo V e di Filippa di Gévaudan, che secondo il Baluze, era la figlia di Stefano, conte di Gévaudan, ed era quindi la sorella di Pons, conte di Gévaudan e Forez[1].

BiografiaModifica

Guglielmo compare nel documento nº 3698 del Recueil des chartes de l'abbaye de Cluny, tomé 5, datato1095, come firmatario, assieme al padre, il conte d'Alvernia, Roberto II, di una donazione del re di Francia, Filippo I[4].

Alla morte del padre, secondo il Baluze, Guglielmo VI succedette a Roberto II, nel titolo di Conte d'Alvernia, nel 995 oppure nel 996[5].

Guglielmo VI si scontrò con il re di Francia, Luigi VI, che per due volte, nel 1122 e nel 1126, invase l'Alvernia e occupò Clermont[6]; dopo la seconda conquista della città, Guglielmo VI fu obbligato ad ammettere le sue colpe di fronte al tribunale regio di Orléans[6].

Guglielmo morì nel 1136; la sua morte è registrata nel Histoire généalogique de la maison d'Auvergne, tome 2 del Beluze dove, all'inizio del capitolo XIV, si ricorda che Roberto III divenne conte il 25 gennaio di quell'anno[7]. Gli succedette il figlio primogenito, Roberto III[8].

Matrimonio e discendenzaModifica

Guglielmo aveva sposato una donna di cui non si conosce il nome[2], ma per una buona parte di storici la moglie[9] di Guglielmo, nel 1087[9], fu Emma di Altavilla[10] (10631119), la figlia del primo conte di Sicilia Ruggero il Normanno e della prima moglie Giuditta d'Evreux, mentre per il Baluze, il conte di Clarmont che aveva sposato Emma era il conte di Chiaramonte e non il conte d'Alvernia[11]; infine, secondo le Europäische Stammtafeln[12], vol III, 732 (non consultate), la moglie di Guglielmo era Emma, figlia di Guglielmo d'Evreux, la zia materna di Emma di Altavilla, anche se la cosa è cronologicamente quasi impossibile[2]. Guglielmo dalla moglie ebbe due figli[2]:

NoteModifica

BibliografiaModifica

Fonti primarieModifica

Letteratura storiograficaModifica

Foundation for Medieval Genealogy

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica