Apri il menu principale
sen. Guido De Unterrichter
Guido De Unterrichter III legislatura.jpg

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature III, IV Legislatura
Gruppo
parlamentare
DC
Circoscrizione Trentino-Alto Adige
Collegio Mezzolombardo
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Democratico Cristiano
Titolo di studio Laurea in ingegneria civile
Professione ingegnere

Guido De Unterrichter (Fucine d'Ossana, 16 dicembre 1903Trento, 11 giugno 1979) è stato un politico italiano.

Indice

BiografiaModifica

Guido de Unterrichter è nato a Fucine d'Ossana e da giovane è stato legato all'associazionismo cattolico trentino. Nel 1926 si è laureato in ingegneria civile all'Università di Torino.

Durante la Resistenza ha fatto parte del Comitato di Liberazione Nazionale della provincia di Trento e dopo la guerra è stato uno dei fondatori della Democrazia Cristiana locale.

È stato membro del Consiglio della Provincia autonoma di Trento[1] e della regione Trentino-Alto Adige[2] dal 1948 al 1952.

Dal 1951 al 1954 è stato presidente dell'Automobile Club Trento.[3]

È stato senatore dal 1958 al 1968 (III e IV Legislatura). Nel 1961 subì un'autorizzazione a procedere per la violazione dell'art. 102 comma 7 del codice della strada[4] (circolazione con targa non chiaramente e integralmente leggibile[5]).

La sorella Maria De Unterrichter è stata la moglie di Angelo Raffaele Jervolino.[6]

NoteModifica

  1. ^ Prima legislatura -1948-1952, Consiglio della Provincia Autonoma di Trento. URL consultato il 19 dicembre 2007 (archiviato dall'url originale il 30 maggio 2013).
  2. ^ Consiglieri Regionali del Trentino-Alto Adige - I Legislatura (PDF), Archivio Storico del Consiglio regionale Trentino-Alto Adige. URL consultato il 19 dicembre 2007.
  3. ^ I consigli direttivi dell'Automobile Club Trento[collegamento interrotto], ACI Trento. URL consultato il 19 dicembre 2007.
  4. ^ Atto Doc N. 59, Senato della Repubblica. URL consultato il 17 dicembre 2007.
  5. ^ Codice della Strada, art. 102, Wikisource. URL consultato il 17 dicembre 2007.
  6. ^ Giorgio Grigolli, La rivolta dei diccì trentini contro i diktat romani di Fanfani, L'Adige, 22 marzo 2007. URL consultato il 4 dicembre 2007.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica