Guido I di Mâcon, Guy in francese, Guiu in catalano e Wido in latino (9821004), fu Conte di Mâcon dal 1002 fino alla sua morte.

Guido I
Conte di Mâcon
In carica1002 –
1004
PredecessoreOttone I
SuccessoreOttone II
Nome completoGuido di Mâcon
Nascita982
Morte1004
Luogo di sepolturaMonastero di San Benigno
PadreOttone I
MadreErmentrude di Roucy
Consortediscendente di Alberico II di Mâcon
FigliOttone
ReligioneCattolicesimo

Origine

modifica

Guido, sia secondo il documento nº 228 del Chartes et documents de Saint-Bénigne de Dijon des origines à 1300 (Dijon) II (non consultato)[1] che, secondo la Chronique de l'abbaye de Saint-Bénigne de Dijon era figlio del conte di Borgogna e futuro duca di Borgogna, Ottone Guglielmo e della Contessa consorte di Mâcon, Ermentrude di Roucy[2], che era figlia di Rinaldo di Roucy e di Alberada di Lotaringia, figlia di Gilberto di Lotaringia[3] e di Gerberga di Sassonia, come riporta il Flodoardi Annales (la cronaca di Flodoardo)[4].
Come ci conferma Rodolfo il Glabro, nel suo Rodulfus Glaber Cluniacensis, Historiarum Sui Temporis Libri Quinque, Ottone I Guglielmo di Borgogna discendeva dalla stirpe degli Anscarici: era il figlio di Adalberto II, sesto marchese d'Ivrea e re d'Italia[5] e di Gerberga di Châlon[6] (circa 945-ca. 990), figlia del conte di Châlon e d'Autun, Lamberto e della sua prima moglie, di cui non si conoscono né il nome né gli ascendenti.

Biografia

modifica

Sua madre, Ermentrude di Roucy, in prime nozze, tra il 966 (in quanto in quella data, Ermetrude non viene ancora citata[7]) ed il 970 (in quanto nel gennaio del 971, Alberico e Ermetrude risultano già sposati[8]), aveva sposato, divenendo contessa consorte di Mâcon Alberico II di Mâcon[9].
Sua madre ad Alberico II aveva dato due figli maschi[10]:

Quando Ermetrude rimase vedova, i due figli erano ancora molto giovani e Ermetrude si risposò, in seconde nozze, come conferma il documento n° VII del Cartulaire de Saint-Vincent de Mâcon (quo morto, dominus Guillelmus comes uxorem illius accepit), con il conte di Borgogna e futuro duca di Borgogna, Ottone Guglielmo[11], che, per diritto di matrimonio, succedette ad Alberico come Conte di Mâcon (post hunc, Otto comes fuit)[11], e i due figli di primo letto di Ermetrude furono avviati ad una carriera ecclesiastica.

Dal 995, Guido, sia secondo la Histoire de Mâcon du IXème au XIIIème, che secondo LES COMTES DE MACON, fu responsabile della contea di Mâcon[12][13].

Non si conosce, l'anno esatto della morte di sua madre, Ermetrude, si presume sia morta verso il 1002, e, in quell'anno Guido divenne Conte di Mâcon.
Neppure di Guido si conosce la data esatta della sua morte, che avvenne nel 1004, in quanto in quell'anno, suo padre, Ottone Guglielmo si trovava a Digione, dove fece una donazione assieme al figlio, Rinaldo, in suffragio delle anime del patrigno, Enrico I di Borgogna e della madre, Gerberga, di Guido e della moglie Ermentrude di Roucy, come ci viene confermato dalla Chronique de l'abbaye de Saint-Bénigne de Dijon[2].
Guido fu tumulato nel monastero di San Benigno a Digione, come ci viene confermato dalla Chronique de l'abbaye de Saint-Bénigne de Dijon[14].
A Guido succedette il figlio Ottone, sotto la reggenza del nonno Ottone I Guglielmo; infatti la Chronica Albrici Monachi Trium Fontium, riporta che succedette al padre, nel 1005[15], e al nonno, nel 1027[16].

Matrimonio e discendenza

modifica

Della moglie di Guido non si conosce il nome, ma secondo diversi storici era una discendente di Alberico II di Mâcon, sia secondo la Histoire de Mâcon du IXème au XIIIème, che secondo LES COMTES DE MACON, era figlia di Beatrice, sorellastra di Guido[12][13].
Guido dalla moglie ebbe un figlio[1]:

Bibliografia

modifica

Fonti primarie

modifica

Letteratura storiografica

modifica

Voci correlate

modifica

Collegamenti esterni

modifica