Guido Torelli

Condottiero italiano
Guido Torelli
Guido Torelli.jpg
Conte di Guastalla e Montechiarugolo
Stemma
In carica 1428 – 8 luglio 1449
Successore Cristoforo I Torelli
Pietro Guido I Torelli
Trattamento Conte
Nascita Mantova, 1379
Morte Milano, 8 luglio 1449
Dinastia Torelli
Padre Marsilio Torelli
Madre Elena d'Arco
Consorte Orsina Visconti
Figli Antonia
Cristoforo I
Pietro Guido I
Pietro
Religione Cattolicesimo
Guido Torelli
NascitaMantova, 1379
MorteMilano, 8 luglio 1449
Luogo di sepolturaChiesa di San Francesco, Mantova
Dati militari
Forza armataMercenari
GradoCondottiero
voci di militari presenti su Wikipedia

Guido Torelli (Mantova, 1379Milano, 8 luglio 1449) è stato un condottiero e capitano di ventura italiano.

Fu marchese di Casei Gerola, conte di Guastalla e Montechiarugolo e signore di Basilicagoiano, Cornale, Mariano Comense, Martorano, Settimo Torinese, Tortiano e Zeccone.

BiografiaModifica

Guido Torelli, figlio di Marsilio (1350-1411) e di Elena d'Arco († 1419), fu il capostipite della famiglia nobile dei Torelli, che regnarono su Guastalla e Montechiarugolo sino al XVII secolo. Egli apparteneva ad una famiglia di salde tradizioni militari, che si era distinta a Mantova al servizio della famiglia Gonzaga, presso la quale Guido stesso aveva prestato le armi.

Dopo i disordini per la morte di Gian Galeazzo Visconti, Duca di Milano, molti ducati dell'area del parmense si rivoltarono al dominio centrale ma Guido, dimostrando ampie abilità diplomatiche e prefigurando giustamente le sorti di questa crisi, scelse di allearsi con i Visconti. Questa si dimostrò una scelta felice in quanto, una volta vittoriosi questi, nella persona di Giovanni Maria Visconti, il 3 ottobre 1406, ricompensarono Guido Torelli con l'investitura dei feudi di Montechiarugolo e Guastalla.

Tutto questo onore era anche dovuto all'evidente partecipazione di Guido a numerose battaglie ingaggiate in quegli anni dai Visconti, compresa la liberazione di Napoli dagli Aragonesi del 12 aprile 1424.

Il 6 luglio 1428 Filippo Maria Visconti decise di premiare ulteriormente Guido Torelli, elevando a contea i due feudi già acquisiti in forma di signoria, ottenendo successivamente anche altri territori exclave, quali Casei Gerola, Cornale, Settimo e Villareggio, anche se Guido prese dimora stabile a Milano. In quell'anno la figlia Antonia si unì in matrimonio con Pier Maria II de' Rossi, conte di San Secondo.

Guido Torelli morì nel 1449 prescrivendo che fossero nominati suoi successori tutti e due i figli Cristoforo I e Pietro Guido I. Fu sepolto a Mantova nella Chiesa di San Francesco.

DiscendenzaModifica

Guido sposò Orsina Visconti[1], da cui ebbe una figlia e tre figli:

NoteModifica

  1. ^ Ireneo Affò, Istoria della città e ducato di Guastalla, vol. 2, Guastalla, 1786.

BibliografiaModifica

  • Pompeo Litta, Torelli di Ferrara, in Famiglie celebri italiane, Torino, 1835, ISBN non esistente.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica