Apri il menu principale

Guido Torelli

Condottiero italiano
Guido Torelli
Guido Torelli.jpg
Conte di Guastalla e Montechiarugolo
Stemma
In carica 1428 –
8 luglio 1449
Successore Cristoforo I Torelli
Pietro Guido I Torelli
Trattamento Conte
Nascita Mantova, 1379
Morte Milano, 8 luglio 1449
Dinastia Torelli
Padre Marsilio Torelli
Madre Elena d'Arco
Consorte Orsina Visconti
Figli Antonia
Cristoforo I
Pietro Guido I
Pietro
Religione Cattolicesimo
Guido Torelli
NascitaMantova, 1379
MorteMilano, 1449
Luogo di sepolturaChiesa di San Francesco, Mantova
Dati militari
Forza armataMercenari
GradoCondottiero
voci di militari presenti su Wikipedia

Guido Torelli (Mantova, 1379Milano, 8 luglio 1449) è stato un condottiero e capitano di ventura italiano.

Fu marchese di Casei Gerola, conte di Guastalla e Montechiarugolo e signore di Basilicagoiano, Cornale, Mariano Comense, Martorano, Settimo Torinese, Tortiano e Zeccone.

BiografiaModifica

Guido Torelli, figlio di Marsilio (1350-1411) e di Elena d'Arco (?-1419), fu il capostipite della famiglia nobile dei Torelli, che regnarono su Guastalla e Montechiarugolo sino al XVII secolo. Egli apparteneva ad una famiglia di salde tradizioni militari, che si era distinta a Mantova al servizio della famiglia Gonzaga, presso la quale Guido stesso aveva prestato le armi.

Dopo i disordini per la morte di Francesco Sforza, Duca di Milano, molti ducati dell'area del parmense si rivoltarono al dominio centrale ma Guido, dimostrando ampie abilità diplomatiche e prefigurando giustamente le sorti di questa crisi, scelse di allearsi con i Visconti. Questa si dimostrò una scelta felice in quanto, una volta vittoriosi questi, nella persona di Giovanni Maria Visconti, il 3 ottobre 1406, ricompensarono Guido Torelli con l'investitura dei feudi di Montechiarugolo e Guastalla.

Tutto questo onore era anche dovuto all'evidente partecipazione di Guido a numerose battaglie ingaggiate in quegli anni dai Visconti, compresa la liberazione di Napoli dagli Aragonesi del 12 aprile 1424.

Il 6 luglio 1428 Filippo Maria Visconti decise di premiare ulteriormente Guido Torelli, elevando a contea i due feudi già acquisiti in forma di signoria, ottenendo successivamente anche altri territori exclave, quali Casei Gerola, Cornale, Settimo e Villareggio, anche se Guido prese dimora stabile a Milano. In quell'anno la figlia Antonia si unì in matrimonio con Pier Maria II de' Rossi, conte di San Secondo.

Guido Torelli morì nel 1449 prescrivendo che fossero nominati suoi successori tutti e due i figli Cristoforo I e Pietro Guido I. Venne sepolto nella chiesa di San Francesco a Mantova.

DiscendenzaModifica

Guido sposò Orsina Visconti[1], da cui ebbe una figlia e tre figli:

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Pompeo Litta, Torelli di Ferrara, in Famiglie celebri italiane, Torino, 1835, ISBN non esistente.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica