Guido di Lusignano (1316-1343)

connestabile di Cipro
(Reindirizzamento da Guido di Lusignano (m. 1343))
Guido
Principe titolare di Galilea
Stemma
In carica 1320 circa –
1343
Predecessore Giacomo d'Ibelin
Successore Ugo III
Connestabile di Cipro
In carica 1338 –
1343
Predecessore Ugo
Successore Ugo III
Nascita 1316 circa
Morte estate 1343
Casa reale Lusignano
Padre Ugo IV di Cipro
Madre Maria d'Ibelin
Consorte Maria di Borbone
Figli Ugo
Religione Cattolicesimo

Guido di Lusignano (1316 circa – estate 1343) fu connestabile di Cipro e Principe titolare di Galilea.

BiografiaModifica

InfanziaModifica

Secondo la Histoire de l'île de Chypre sous le règne des princes de la maison de Lusignan, Volume 2, Guido era il figlio primogenito del re di Cipro Ugo IV e della prima moglie Maria d'Ibelin[1], che era figlia del conte di Giaffa, Guido d'Ibelin e della moglie Maria d'Ibelin; la primogenitura di Guido è confermata anche dalle Europäische Stammtafeln[2], vol III cap. 555 (non consultate)[3].
Ugo IV di Cipro, secondo la Chroniques d'Amadi et de Strambaldi. T. 1 era l'unico figlio maschio del connestabile di Cipro, Guido di Cipro († 1304), fratello del re di Cipro, Ugo III e della moglie, Eschiva d'Ibelin (1253 † 1312), signora di Beyrut[4].

Guido rimase orfano di madre, quando era ancora bambino, tra il 1317 e il 1318 e suo padre, al tempo connestabile di Cipro, in quello stesso anno si sposò in seconde nozze, con una cugina di sua madre, Alice d'Ibelin.

Principe titolare di GalileaModifica

Verso il 1320, Guido ereditò il titolo di Principe titolare di Galilea, dalla famiglia di sua madre.

Nel 1324 suo padre, divenne re di Cipro, col nome di Ugo IV, succedendo allo zio, Ugo III, che era morto senza discendenza ed in quello stesso anno, era stato incoronato, assieme alla seconda moglie, Alice, re di Cipro, nella chiesa di Santa Sofia di Nicosia e re di Gerusalemme, a Famagosta, come ci narra la Chroniques d'Amadi et de Strambaldi. T. 1[5].

MatrimonioModifica

Secondo la Histoire de l'île de Chypre sous le règne des princes de la maison de Lusignan, Volume 2 il 29 novembre 1328, nel castello di Bourbon venne redatto il contratto di matrimonio tra Guido e Maria di Borbone, che, sia secondo la Histoire du Bourbonnais et des Bourbons qui l'ont possédé, Volume 1, che secondo la Histoire généalogique et chronologique de la maison royale de France era figlia del Signore e poi primo duca di Borbone, conte di Clermont e conte di La Marche, Luigi I e della moglie, Maria di Avesnes[6][7]; nel mese di marzo di quello stesso anno, suo padre, Ugo IV, aveva provveduto a designare i procuratori che avrebbero dovuto recarsi in Francia per organizzare il matrimonio di Guido[8]. Nel febbraio del 1329, i Bardi di Firenze annunciarono di aver ricevuto da Luigi I 13000 fiorini, in garanzia della dote di Maria[9], che saranno restituiti, nel 1332[10]; nel luglio di quell'anno, venne organizzato il viaggio di Maria, con quattro galee dal porto di Aigues-Mortes a Cipro e deciso gli accompagnatori[11]; anche la Chroniques d'Amadi et de Strambaldi. T. 1 riporta che Maria intraprese il viaggio, nel 1229 ed arrivò a Famagosta nel mese di gennaio (1330) e che il matrimonio venne celebrato a Nicosia[12]. Il matrimonio venne celebrato nella chiesa di Santa Sofia a Nicosia alla fine di gennaio 1330; il 24 gennaio, suo padre, Ugo IV, approvava il matrimonio[13], ed il 31 gennaio 1330, ancora Ugo IV assegnò una controdote a Maria, definendola sua nuora, moglie di Guido[14].

Ultimi anni e morteModifica

Nel 1338, Guido, divenne connestabile di Cipro[3].

Guido, morì nell'estate del 1343, come si può arguire dalla lettera di condoglianze di papa Clemente VI, datata 24 settembre 1343 (non consultata)[3].
A Maria non venne permesso di lasciare Cipro fino al 1346 per ordine del suocero[15].

DiscendenzaModifica

Guido da Maria ebbe un solo figlio[3][16]:

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni
Guido di Lusignano Ugo III di Cipro  
 
Isabella d'Ibelin  
Ugo IV di Cipro  
Eschive d'Ibelin Giovanni II di Beirut  
 
Alice de la Roche  
Guido di Lusignano  
Guido di Ibelin Balian d'Ibelin  
 
Alice di Lampron  
Alice d'Ibelin  
Isabella d'Ibelin Baldovino d'Ibelin  
 
Marguerite de Giblet  
 

NoteModifica

  1. ^ (FR) #ES Histoire de l'île de Chypre sous le règne des princes de la maison de Lusignan, Volume 2, pagg. 144 - 149
  2. ^ Le Europäische Stammtafeln sono una raccolta di tavole genealogiche delle (più influenti) famiglie europee.
  3. ^ a b c d (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy: KINGS of CYPRUS 1267-148 - GUY of Cyprus
  4. ^ (IT) #ES Chroniques d'Amadi et de Strambaldi. T. 1, pagg. 240 e 241 e nota 1 di pag. 241
  5. ^ (IT) #ES Chroniques d'Amadi et de Strambaldi. T. 1, pag. 402
  6. ^ (FR) #ES Histoire du Bourbonnais et des Bourbons qui l'ont possédé, Volume 1, pag. 204
  7. ^ (FR) #ES Histoire généalogique et chronologique de la maison royale de France, Ducs de Bourbon, pag. 298
  8. ^ (LA) #ES Histoire de l'île de Chypre sous le règne des princes de la maison de Lusignan, Volume 2, pagg. 140 - 142
  9. ^ (FR) #ES Histoire de l'île de Chypre sous le règne des princes de la maison de Lusignan, Volume 2, pag. 149
  10. ^ (LA) #ES Histoire de l'île de Chypre sous le règne des princes de la maison de Lusignan, Volume 2, pagg. 164 e 165
  11. ^ (FR) #ES Histoire de l'île de Chypre sous le règne des princes de la maison de Lusignan, Volume 2, pagg. 160 e 161
  12. ^ (IT) #ES Chroniques d'Amadi et de Strambaldi. T. 1, pagg. 403 e 404
  13. ^ (LA) #ES Histoire de l'île de Chypre sous le règne des princes de la maison de Lusignan, Volume 2, pagg. 161 e 162
  14. ^ (LA) #ES Histoire de l'île de Chypre sous le règne des princes de la maison de Lusignan, Volume 2, pagg. 162 - 164
  15. ^ Peter W. Edbury, The Kingdom of Cyprus and the Crusades, 1191-1374 (1991), page 148
  16. ^ (EN) #ES Genealogy: Poitou 3 - Guy de Lusignan
  17. ^ (FR) #ES Histoire de l'île de Chypre sous le règne des princes de la maison de Lusignan, Volume 2, pagg. 223 e 224

BibliografiaModifica

Fonti primarieModifica

Letteratura storiograficaModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica