Apri il menu principale
Piano e sezione del vascello armato Bounty mostranti la maniera di trasporto e stoccaggio delle piante di Albero del pane, dal resoconto del viaggio e dell'ammutinamento del 1792 scritto dal capitano William Bligh, intitolato " Viaggio nel mare del Sud", disponibile sul Progetto Gutenberg.

HMS Bounty, in italiano Nave di Sua Maestà Bounty, era un piccolo vascello mercantile acquistato dalla Royal Navy ed armato con 4 cannoni per una missione botanica nel Pacifico.

StoriaModifica

La nave fu inviata nell'Oceano Pacifico per acquistare esemplari dell'albero del pane e portarli nei possedimenti britannici nelle Indie Orientali. La missione non venne mai portata a termine a causa di dissapori tra il capitano William Bligh ed il suo secondo, Fletcher Christian, che portarono alla rivolta di metà dell'equipaggio il 28 aprile 1789 e causarono il famoso ammutinamento del Bounty.[1].

Il capitano Bligh ed i marinai rimasti fedeli vennero messi su una scialuppa che percorse 4000 miglia fino alle Indie Olandesi dove vennero salvati e rimandati in patria. Con le notizie portate da Bligh venne inviata una spedizione di ricerca della nave e dei rivoltosi, con la HMS Pandora. Nel frattempo i rivoltosi si erano spostati su altre isole ed avevano affondato il Bounty. Il Pandora trovò parte dei rivoltosi, e il suo capitano li mise in una gabbia sul cassero per il viaggio di rientro; questo determinò la morte di gran parte di loro quando la HMS Pandora affondò, urtando una barriera corallina.

ReplicheModifica

 
La replica del Bounty affonda nell'Atlantico durante l'uragano Sandy approssimativamente 90 miglia a sud est di capo Hatteras il 29 ottobre 2012.

Una replica del brigantino è affondata nel 2012 al largo della Carolina del Nord a causa dell'uragano Sandy.

Nella cultura di massaModifica

Nel film Star trek IV: Rotta verso la Terra, il dottor Leonard McCoy attribuisce il nome HMS Bounty a un'astronave klingon che l'equipaggio dell'Enterprise ha rubato.

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENn81034924 · GND (DE4146417-5 · WorldCat Identities (ENn81-034924
  Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina