HMS Hawke
HMS Hawke.jpg
Descrizione generale
Naval Ensign of the United Kingdom.svg
Tipo Incrociatore protetto
Classe Classe Edgar
Proprietà Naval Ensign of the United Kingdom.svg Royal Navy
Ordine giugno 1889[1]
Cantiere Chatham Dockyard
Completamento Maggio 1893
Caratteristiche generali
Dislocamento 7,350
Lunghezza 360 piedi pp 387 piedi 6 pollici fuori tutto (118,00 m.) m
Larghezza 60 piedi[1] (18,30 m.) m
Pescaggio 23 piedi e 9"[1] m
Propulsione Motori a vapore con quattro cilindri a triplice espansione
Due assi 12.000ihp[1]
Velocità 20[1] nodi (matricola km/h)
Equipaggio 544[1]
Armamento
Armamento
  • 2 cannoni da 233 mm singoli[1]
  • 10 cannoni singoli da 152 mm Mark VII[1]
  • 16 cannoni da 3 libbre[1]
  • 4 tubi lanciasiluri da 14" sommersi[1]
Corazzatura Ponte protetto da 152 a 76,2 mm
Barbette 228 mm[1]

dati tratti da[1]

voci di incrociatori presenti su Wikipedia

La HMS Hawke fu un incrociatore protetto costruito nel 1891 per la Royal Navy britannica, come parte della Classe Edgar di incrociatori protetti di prima classe[1].

Indice

ServizioModifica

 
Le conseguenze dell'incidente tra l'Olympic e l'incrociatore Hawke. I danni maggiori li riportò proprio quest'ultimo.

Il 20 settembre 1911 nelle acque del Solent, l'incrociatore Hawke della Royal Navy speronò a dritta la RMS Olympic, alla partenza da Southampton dopo un pesante ritardo, causando uno squarcio nella poppa, con conseguente danneggiamento di due compartimenti stagni e la perdita di una pala dell'elica. L'Olympic fu riparato nel bacino di carenaggio di Belfast, mentre i danni maggiori li riportò la Hawke che ebbe la prua completamente distrutta.

La nave prestò servizio durante la prima guerra mondiale e nel 1914 venne inquadrata nel 10th Cruiser Squadron, nella cosiddetta Northern Patrol che operava appunto sulle acque del Mare del Nord, dove il 15 ottobre 1914 venne silurato ed affondato dal sottomarino tedesco U9[1].

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • (EN) Douglas ww1, Cruisers of the Royal and Commonwealth navies, Liskeard, Maritime Books, 1987, ISBN 0-907771-35-1.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina