Apri il menu principale
Haas F1 Team
Haas F1 Team logo 2019.svg
SedeStati Uniti Stati Uniti
Regno Unito Regno Unito
Banbury
Categorie
Formula 1
Dati generali
Anni di attivitàdal 2015
FondatoreStati Uniti Gene Haas
DirettoreItalia Gunther Steiner
Formula 1
Anni partecipazioneDal 2016
Miglior risultato5º posto (2018)
Gare disputate82
Vittorie0
Aggiornamento: Gran Premio del Brasile 2019
Piloti nel 2019
8 Francia Romain Grosjean
20 Danimarca Kevin Magnussen
Vettura nel 2019Haas VF-19

La Haas F1 Team è una scuderia statunitense di Formula 1 con sede a Kannapolis, di proprietà della Haas Automation.

Fondata da Gene Haas, già cofondatore della scuderia del campionato NASCAR Stewart-Haas Racing, anch'essa con sede a Kannapolis, fa il suo debutto nel Campionato mondiale di Formula 1 2016. Prima dell'esordio era nota anche con i nomi "Haas Formula" e "Haas Racing Developments". Una sede distaccata della scuderia, in precedenza appartenuta alla Marussia, è situata a Banbury, nel Regno Unito, come appoggio per le gare europee del campionato.

StoriaModifica

La Haas è la prima scuderia statunitense a partecipare al campionato mondiale di Formula 1 dal 1986, ultima stagione in cui aveva corso la Haas Lola; un tentativo di portare una scuderia americana in Formula 1 era stato tentato da altri investitori anche tra il 2009 e il 2010, con il Team US F1 che non riuscì a partecipare al campionato del 2010, al quale si era iscritto[1].

Il progetto della scuderia Haas inizia a concretizzarsi nel dicembre 2013, quando all'appello della FIA per la formulazione di richieste di partecipazione al campionato mondiale da parte di nuovi soggetti, risponde anche Gene Haas, tentando di iscrivere la Haas Racing Developments, che in seguito assumerà il nome attuale[2]. In seguito la FIA conferma la partecipazione della scuderia Haas al campionato del 2015[3]. Nei mesi successivi, tuttavia, la scuderia sceglie di rimandare il debutto alla stagione successiva, programmando il debutto su pista della prima vettura ai test pre-stagionali del campionato del 2016[4][5].

Nei primi mesi del 2014, la scuderia aveva stretto un accordo con la Dallara per la produzione dei telai, mentre nel mese di settembre dello stesso anno è stato annunciato un accordo pluriennale con la Ferrari per la fornitura dei motori[6].

Il 29 settembre 2015 Romain Grosjean è stato annunciato come primo pilota titolare[7]. Il seguente 30 ottobre Esteban Gutiérrez è stato annunciato come secondo pilota[8].

Lo sviluppo della prima monoposto, la Haas VF-16, è stato guidato da Rob Taylor, in precedenza capo progettista anche di Red Bull e Jaguar; Gunther Steiner ricopre invece il ruolo di team principal[9]. Il telaio è stato costruito dall'azienda italiana Dallara, mentre i motori e i componenti della power unit sono forniti dalla Ferrari[10].

Collaborazione con Ferrari (2016-oggi)Modifica

2016Modifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 2016.
 
Grosjean in Malesia nel 2016

Al debutto in F1, nel primo Gran Premio della stagione 2016, in Australia, conquista i primi punti della sua storia, con Romain Grosjean che arriva sesto, mentre Esteban Gutiérrez è costretto al ritiro dopo un incidente con il pilota spagnolo Fernando Alonso, della McLaren.[11] In Bahrein Grosjean si classifica quinto, e Gutiérrez si ritira ancora. Il Gran Premio di Cina è stato concluso senza punti, mentre in Russia Grosjean arriva ottavo. Nei successivi gran premi la Scuderia non raccoglie punti. In Austria Grosjean è settimo, mentre Gutiérrez undicesimo. Nella corsa di casa, il Gran Premio degli Stati Uniti, Grosjean interrompe un digiuno lungo otto gare, portando un punto col decimo posto, mentre Gutiérrez si ritira. Nel Gran Premio del Brasile, Romain Grosjean si qualifica settimo, miglior risultato dell'anno, mentre in gara, durante il giro di schieramento, va a sbattere contro il muro a causa dell'aquaplaning ed è costretto al ritiro. Il compagno di squadra Esteban Gutiérrez si qualifica in dodicesima posizione, ma si ritirerà durante gli ultimi giri di gara. Nell'ultimo Gran Premio della stagione ad Abu Dhabi, le due vetture statunitensi di Grosjean e Gutiérrez finiscono rispettivamente undicesima e dodicesima.

La prima stagione della scuderia Haas in Formula 1, la vede posizionarsi in ottava posizione nella classifica costruttori con 29 punti.

2017Modifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 2017.
 
Magnussen in Malesia nel 2017

Il 2017 vede un cambio nella line-up dei piloti, con il danese Kevin Magnussen, proveniente dalla Renault, che prende il posto di Gutiérrez, al fianco del confermato Grosjean. Mentre le prestazioni del francese rimangono praticamente in linea con quelle del 2016, è proprio il pilota danese a far compiere il salto di qualità alla scuderia americana, ottenendo 19 punti contro gli 0 del messicano. Ciò però non basta alla Haas per scalare posizioni in classifica.

La seconda stagione in Formula 1 la vede quindi confermarsi in ottava posizione nei costruttori con 47 punti, ben 18 in più rispetto al 2016 (e con una gara in meno in calendario).

2018Modifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 2018.
 
Il logo fino alla stagione 2018

Nella stagione 2018 la scuderia statunitense conferma entrambi i piloti. Sin dalle prime gare pare evidente la crescita di competitività delle vetture statunitensi, anche se per le prime otto gare sarà solo Kevin Magnussen a portare punti alla scuderia. Proprio al nono Gran Premio in Austria, il team ottiene il miglior risultato stagionale, con i primi punti conquistati da Romain Grosjean che chiude addirittura al quarto posto, seguito da Magnussen al quinto. Per un certo periodo la squadra ha anche accarezzato il sogno di poter strappare il quarto posto nei costruttori alla Renault, ma le migliori prestazioni del team transalpino, unite a delle squalifiche che hanno colpito entrambi i piloti della Haas (non senza alcuni strascichi polemici), ne hanno rallentato il cammino.

La terza stagione della Haas in Formula 1 la vede ottenere il miglior risultato di sempre della sua ancor breve storia, posizionandosi in quinta posizione nei costruttori con ben 93 punti. Inoltre il danese Magnussen riesce a togliersi anche la soddisfazione del giro più veloce in gara nel Gran Premio di Singapore, il primo ottenuto dalla scuderia americana nella categoria.

2019Modifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 2019.

La stagione 2019 vede la scuderia statunitense confermare la line-up dei piloti per il terzo anno consecutivo. Inoltre viene annunciata la collaborazione con il title sponsor Rich Energy, che conferisce alle vetture una nuova livrea nera e oro.[12][13] Il primo Gran Premio stagionale vede Kevin Magnussen tagliare il traguardo in sesta posizione, mentre Romain Grosjean è costretto al ritiro a causa di una ruota fissata male. Nel prosieguo della stagione i risultati sono inferiori alle attese, tant'è che nella prima parte del campionato arrivano solo pochi altri piazzamenti a punti. Il 9 settembre il team americano comunica sul proprio sito e sui propri social la conclusione della sponsorizzazione da parte di Rich Energy con effetto immediato.[14]

Gestione SportivaModifica

StatisticheModifica

Giri VelociModifica

Anno Giro Veloce
2018   Singapore
2019   Singapore

PilotiModifica

Pilota Gran Premi Anni GP Vinti GP a Podio Pole Position Giri Veloci Punti
  Romain Grosjean 80 2016- 0 0 0 0 102
  Kevin Magnussen 61 2017- 0 0 0 2 95
  Esteban Gutiérrez 21 2016 0 0 0 0 0

Risultati in F1Modifica

Anno Vettura Motore Gomme Piloti                                           Punti Pos.
2016 VF-16 Ferrari 061-H P   Grosjean 6 5 19 8 Rit 13 14 13 7 Rit 14 13 13 11 NP Rit 11 10 20 NP 11 29
  Gutiérrez Rit Rit 14 17 11 11 13 16 11 16 13 11 12 13 11 Rit 20 Rit 19 Rit 12
Anno Vettura Motore Gomme Piloti                                         Punti Pos.
2017 VF-17 Ferrari 062 P   Grosjean Rit 11 8 Rit 10 8 10 13 6 13 Rit 7 15 9 13 9 14 15 15 11 47
  Magnussen Rit 8 Rit 13 14 10 12 7 Rit 12 13 15 11 Rit 12 8 16 8 Rit 13
Anno Vettura Motore Gomme Piloti                                           Punti Pos.
2018 VF-18 Ferrari 062 EVO P   Grosjean Rit 13 17 Rit Rit 15 12 11 4 Rit 6 10 7 SQ 15 11 8 Rit 16 8 9 93
  Magnussen Rit 5 10 13 6 13 13 6 5 9 11 7 8 16 18 8 Rit SQ 15 9 10
Anno Vettura Motore Gomme Piloti                                           Punti Pos.
2019 VF-19 Ferrari 062 EVO P   Grosjean Rit Rit 11 Rit 10 10 14 Rit 16 Rit 7 Rit 13 16 11 Rit 13 17 15 13 28
  Magnussen 6 13 13 13 7 14 17 17 19 Rit 8 13 12 Rit 17 9 15 15 18 11

NoteModifica

  1. ^ (EN) Matt Beer, FIA fines and disqualifies US F1, in Autosport, Haymarket Publications, 24 giugno 2010. URL consultato il 5 marzo 2015.
  2. ^ Haas e Stefan Gp puntano ad entrare nel Circus, in Quattroruote, Editoriale Domus, 18 gennaio 2014. URL consultato il 5 marzo 2015.
  3. ^ (FR) Fabien Gaillard, Officiel: Haas en Formule 1 en 2015!, in motorsinside.com, 11 aprile 2014. URL consultato il 5 marzo 2015.
  4. ^ (EN) Haas confirms debut will be in 2016, in espnf1.com, ESPN Sports Media Ltd, 4 giugno 2014. URL consultato il 5 marzo 2015.
  5. ^ (EN) Chris Medland, Haas plans December shakedown, in f1i.com, 3 febbraio 2015. URL consultato il 5 marzo 2015.
  6. ^ (EN) Haas F1 Team seals multi-year Ferrari engine deal from 2016, in Autosport, Haymarket Publications, 3 settembre 2014. URL consultato il 5 marzo 2015.
  7. ^ Haas conferma: Grosjean pilota titolare nel 2016, in La Gazzetta dello Sport, RCS MediaGroup, 29 settembre 2015. URL consultato il 29 settembre 2015.
  8. ^ (EN) Pablo Elizalde, Haas Formula 1 team announces Gutierrez for 2016, in Motorsport, 30 ottobre 2015. URL consultato il 31 ottobre 2015.
  9. ^ F1, Rob Taylor sarà il capo del design del Team Haas, in Autosprint, Conti Editore Srl, 5 febbraio 2015. URL consultato il 5 marzo 2015 (archiviato dall'url originale l'8 febbraio 2015).
  10. ^ (EN) Ben Anderson, Gene Haas eyes Dallara chassis tie-up for F1 entry, in Autosport, Haymarket Publications, 14 aprile 2014. URL consultato il 5 marzo 2015.
  11. ^ Luca Ferrari, F1 Haas, Grosjean stupendo 6°: “Per noi è come una vittoria”, in Formulapassion, 20 marzo 2016. URL consultato il 1º luglio 2018.
  12. ^ Haas: Rich Energy sarà lo sponsor principale della stagione 2019, su motorsport.com, 25 ottobre 2018. URL consultato il 22 febbraio 2019.
  13. ^ Formula 1, presentata la livrea della Haas VF-19, su tuttomotorsport.com, 7 febbraio 2019. URL consultato il 22 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 16 febbraio 2019).
  14. ^ (EN) Haas F1 Team statement on Rich Energy, su haasf1team.com, 9 settembre 2019. URL consultato il 9 settembre 2019.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1