Half-Life 2

videogioco del 2004
Half-Life 2
videogioco
Half-Life 2 Logo.svg
PiattaformaWindows, macOS, Linux, Xbox, Xbox 360, PlayStation 3
Data di pubblicazioneMicrosoft Windows:
16 novembre 2004
Xbox:
15 novembre 2005
Xbox 360:
10 ottobre 2007
PlayStation 3:
11 dicembre 2007
Mac OS X:
25 giugno 2010
Linux:
10 maggio 2013
GenereSparatutto in prima persona, survival horror
TemaFantascienza
OrigineStati Uniti
SviluppoValve Corporation
PubblicazioneSierra Entertainment, Valve Corporation
SerieHalf-Life
Modalità di giocoGiocatore singolo
Periferiche di inputTastiera e mouse (PC), gamepad (Xbox, Xbox 360 e PS3)
Motore graficoSource Engine
Motore fisicoHavok
SupportoCD, DVD, Steam e Blu-ray
Distribuzione digitaleSteam
Requisiti di sistema1,2 GHz CPU
256 MB RAM
scheda grafica DirectX 7
connessione Internet
EspansioniEpisode One
Episode Two
Preceduto daHalf-Life

Half-Life 2 (reso graficamente come HλLF-LIFE ², abbreviato come HL², o semplicemente come λ²) è un videogioco sparatutto in prima persona fantascientifico del 2004, seguito di Half-Life. Il gioco fu sviluppato dalla Valve Corporation e pubblicato il 16 novembre 2004, dopo un intenso ciclo di sviluppo durato cinque anni,[1] durante i quali il codice sorgente del gioco fu trafugato e distribuito su Internet[2].

Il gioco si guadagnò subito recensioni entusiastiche[3][4][5], vincendo oltre trentacinque volte il premio di Gioco dell'Anno nel 2004[6]. Dal 2006 oltre quattro milioni di copie del gioco sono state vendute[7].

Originariamente creato per personal computer basati su Microsoft Windows, del gioco è stato fatto prima un porting per la console Xbox, poi nel 2007 per PlayStation 3 e per Xbox 360[8].

Ambientato sia dentro che nei dintorni di City 17 (Città 17), Half-Life 2 segue le vicende dello scienziato Gordon Freeman, che si muove in un ambiente distopico, nel quale i postumi dell'incidente di Black Mesa gravano ancora sull'umanità. Freeman combatte per la sopravvivenza; nella sua lotta si uniscono diversi alleati, inclusi i vortigaunt, i ribelli di City 17 e tutti i suoi vecchi colleghi di Black Mesa, presenti nel primo episodio.

TramaModifica

Come nel primo capitolo della saga, la trama si sviluppa attraverso il personaggio stesso, con la sua visuale, gli eventi a cui partecipa, i suoi dialoghi. Tuttavia l'attenzione degli sviluppatori è stata posta nella scrittura della trama e della sceneggiatura, e il suo sviluppo passa per ulteriori tre espansioni.

PersonaggiModifica

Half-Life 2 dà molto rilievo ai personaggi, alcuni determinanti per lo svolgimento della storia. A volte forniscono concretamente un supporto nel gioco, combattendo al nostro fianco. Ognuno ha una storia e un carattere peculiare, accentuato dall'accurata realizzazione delle espressioni del volto (persone reali hanno “prestato” la faccia ai vari personaggi).

  • Dr. Gordon Freeman – protagonista del gioco, era rimasto in stasi in seguito all’incidente di Black Mesa, dopo gli eventi di Half-Life. Ora il G-Man lo richiama in servizio per una nuova impresa, in un mondo estremamente mutato dall'ultima volta (sono passati circa una ventina d'anni). Nel gioco non sono presenti cutscene, il giocatore vedrà tutto solo attraverso i suoi occhi: Gordon non parla mai.
  • Alyx Vance – Figlia di Eli Vance, è una ragazza dai riflessi pronti che aiuta il giocatore in molte occasioni con la sua pistola, violando i dispositivi Combine con una scarica EMP e aprendo i portali dei Combine (anche lei ha conoscenze scientifiche, come Freeman). La sua grande agilità le permette di scalare luoghi irraggiungibili. Durante il gioco, e in particolar modo nelle espansioni, è la compagna principale di Freeman.
  • Dr. Eli Vance – Ex scienziato di Black Mesa (già visto in Half-Life) è uno dei principali leader della resistenza umana. Molto legato a sua figlia, confida molto in Freeman per proteggerla e lo informa di pericolosi segreti. È privo della gamba sinistra (ha una protesi al suo posto) e durante la storia verrà catturato dai Combine. Riuscirà a fuggire con l'aiuto di Judith, ma in Episode Two viene ucciso davanti agli occhi di Gordon e Alyx da un Consigliere Combine, mentre cercava di sconfiggerlo.
  • G-Man – Il misterioso uomo con la valigetta, uno dei simboli del primo gioco, che pare avere poteri particolari, appare nei momenti cruciali dell'avventura. Inoltre, durante i vari livelli, lo si intravede in diversi punti,ma è impossibile avvicinarglisi o danneggiarlo. Solo Freeman e pochi altri ne avvertono la presenza.
  • DOG – Grosso robot costruito da Eli per proteggere la figlia quando era piccola. Crescendo, Alyx lo ha potenziato costantemente. Il suo comportamento ricorda quello di un cane: affettuoso e sempre pronto a difendere la sua padrona. Ha una forza straordinaria: non gli è difficile divellere lastre d'acciaio o disintegrare i mezzi Combine più corazzati. Ha con sé anche una pistola gravitazionale, installatagli da Alyx.
  • Barney Calhoun – Ex guardia di Black Mesa, amico di Freeman e protagonista di Half-Life: Blue Shift, la seconda espansione del primo capitolo. Ora è uno dei leader della resistenza umana, infiltrato nella Protezione Civile per seguire meglio le mosse dei Combine. È gioviale e sempre pronto alla battuta. Nel secondo capitolo del gioco dà a Gordon la sua prima arma: l’iconico piede di porco.
  • Dr. Isaac Kleiner – Ex scienziato di Black Mesa, è sempre intento a creare oggetti che possano essere utili nella lotta ai Combine. È spesso goffo e talmente immerso nelle sue attività da risultare un po' con la testa tra le nuvole, ma è comunque uno dei più grandi esperti della tecnologia del teletrasporto. Possiede un headcrab addomesticato privo delle zanne anteriori (e quindi innocuo) di nome Lamarr, che tratta come fosse un animale domestico. Viene spesso soprannominato "Izzy" da Eli Vance.
  • Dr. Wallace Breen – L'antagonista del gioco: ex amministratore delegato di Black Mesa (sebbene mai menzionato in Half-Life), ha trattato con i Combine durante l'invasione della Terra, facendosi nominare dittatore dell'umanità. Le sue frasi e le sue effigi costellano il mondo: è un folle che vede nei Combine una nuova forma d'evoluzione.
  • Dr. Judith Mossman – Scienziata affascinata da Eli Vance e per questo non ben vista da Alyx. Collaborerà in segreto con i Combine allo scopo di capire la chiave del loro portale dimensionale. Tuttavia, durante l’ultimo capitolo del gioco, tradisce Breen e si schiera definitivamente con la resistenza. Il suo destino è ignoto.
  • Dr. Arne Magnusson – Scienziato e leader della Resistenza, appare solo in Episode Two. Lo si vede nella importante base ribelle di White Forest. Nonostante di primo acchito possa sembrare molto severo e autoritario, in realtà tiene molto ai suoi soldati e amici e cerca sempre di fare il meglio per loro. È un brillante scienziato che ha inventato il Dispositivo Magnusson, una potentissima granata adesiva capace di distruggere uno Strider in un colpo solo.
  • Vortigaunt – Razza aliena proveniente dal pianeta Xen, nel primo Half-Life erano nemici dell'uomo, ma dopo l'uccisione di Nihilanth (il boss finale del primo gioco) sono stati liberati dalla schiavitù in cui erano tenuti da esso (ognuno aveva un collare). Per questo sono grati a Freeman e alla razza umana e collaborano con la resistenza contro il nemico comune. Possono ricaricare la tuta HEV di Freeman e sono dotati di poteri telepatici che li mettono in contatto tra loro e captano le mosse dei Combine. Dalle loro mani possono sparare un potente raggio che infligge danni continui al nemico colpito. Durante la storia uno di loro installa sull'idroscivolante di Gordon una mitragliatrice Combine mentre in Episode Two quattro Vortigaunt, usando i loro poteri curativi, riescono a salvare Alyx, gravemente ferita e ridotta in fin di vita dall’attacco di un Cacciatore. Sono in grado di parlare la nostra lingua, pronunciando frasi auliche ed enigmatiche.
  • Padre Grigori – Ex sacerdote dell’est Europa, ultimo superstite della città di Ravenholm distrutta e infettata dagli headcrab. Resiste strenuamente nella sua cappella con trappole da lui costruite per uccidere gli zombie e col suo fidato fucile da caccia, "Annabelle". Aiuterà Freeman a farsi strada nella città infestata e si sacrificherà per lui nel cimitero della chiesa, tenendo gli zombie occupati e permettendo a Gordon di fuggire. Non lesina battute a sfondo spirituale.
  • Soldati della resistenza – Sono i cittadini di City 17 ribellatisi all'invasione Combine. Durante il gioco sono di supporto, e in alcuni livelli un'apposita icona indica la presenza di una squadra a cui sarà possibile dare ordini. Possiedono diverse armi (tra cui l'RPG); la loro presenza non è indispensabile come i personaggi non giocanti di Half-Life (scienziati o poliziotti), e se muoiono se ne possono comunque incontrare altri. Alcuni sono medici che possono rifornire costantemente Freeman di kit medici in caso questi fosse ferito. È possibile ordinargli di esplorare o radunarsi intorno a Freeman. Individualmente sono leggermente più deboli di un Soldato Combine, ma possono curarsi tra di loro e raccogliere le armi dei nemici.

Prologo ed ambientazioneModifica

 
Screenshot del gioco

Dopo il disastro di Black Mesa, Gordon Freeman è prelevato e messo in condizione di stasi da un individuo noto al pubblico come G-Man. Il governo bombarda l'area cancellando ogni prova della sua esistenza; nel frattempo, un consorzio di razze aliene denominato Combine, rilevato il picco provocato dalla breccia utilizzata da Nihilanth (il "boss" finale di Half-Life) per invadere la Terra, decreta l'invasione in massa del pianeta.

L'invasione del Combine (la Guerra delle Sette Ore) è veloce e devastante. Il Combine prende misure drastiche per mantenere un controllo serrato: i sopravvissuti sono radunati in città-prigioni sparse in tutto il mondo, obbligate a servire l'oppressore mentre questo depreda la Terra di tutte le risorse sotto la minaccia di morte o di "conversione" forzata allo stato di servitori. La Resistenza, composta da cittadini, ribelli e profughi e guidata dai pochi sopravvissuti di Black Mesa, aiuta i cittadini a fuggire dalle città-prigioni per accoglierli in basi sicure e consentire una lotta armata nel tentativo di cacciare l'oppressore.

CapitoliModifica

«Si svegli, mister Freeman. Si svegli. Non che voglia insinuare che lei abbia dormito sul lavoro. Nessuno merita riposo più di lei. Ma tutti gli sforzi del mondo risulterebbero vani finché... diciamo solo che è di nuovo giunto il suo momento. L'uomo giusto nel posto sbagliato può fare una grande differenza. Perciò si svegli, mister Freeman. Apra gli occhi e si svegli.»

(G-Man)
Punto d'arrivo

Gordon Freeman, portato da un misterioso uomo noto con il nome di G-Man fuori dalla stasi forzata in cui è rimasto per un periodo indefinito di tempo, è introdotto nel disastrato scenario di City 17, una delle molte città-prigione create dai Combine. Nel suo luogo d'arrivo (la stazione centrale di City 17) si rende subito conto dell'ostilità dell'ambiente che lo circonda. Le “forze dell ordine” Combine della Protezione Civile presidiano ogni uscita, attaccano alla minima provocazione e trascinano via chiunque non sia minimamente in regola con i permessi. Lì, attraverso un maxischermo, vede i suoi sospetti confermarsi dal discorso di quello che sembra il dittatore locale. Un uomo che Gordon conosce fin troppo bene: Wallace Breen, ex amministratore delegato e capo di Black Mesa. In poco tempo la sua presenza viene intercettata da un poliziotto della Protezione Civile Combine che lo porta a forza in una sorta di stanza delle torture, poliziotto che si rivelerà essere Barney Calhoun in incongnito, membro della Resistenza infiltrato nella Protezione Civile ed ex guardia giurata a Black Mesa, nonché amico di vecchia data di Gordon. Barney indicherà la strada per raggiungere il dottor Isaac Kleiner, anch'esso scienziato a Black Mesa; durante il tragitto Gordon scamperà ad una retata della Protezione Civile grazie all'aiuto di Alyx Vance, figlia di Eli.

Un giorno memorabile

Dopo aver recuperato la tuta H.E.V. ed assistito al teletrasporto di Alyx, il dottor Kleiner tenta di teletrasportare Freeman verso un luogo più sicuro. Tuttavia, a causa di un incidente fortuito provocato da Lamarr, l'impianto subisce dei danni, il processo fallisce e Gordon si trova teletrasportato per alcuni secondi in vari luoghi casuali di City 17, tra cui lo studio di Breen che, riconoscendolo, ne ordina l'immediato arresto. L'anomalia viene ristabilizzata e Gordon torna al punto di partenza, ma i danni irreparabili all'attrezzatura lo costringono a raggiungere Vance ed il suo gruppo di ribelli a piedi.

Itinerario Kanal

Braccato dai Combine, che stanno dispiegando uomini e mezzi per farlo fuori, Gordon viene a conoscenza della "fauna" terrestre della post-invasione: headcrab e cirripedi hanno trovato nella fanghiglia tossica e nei luoghi bui dei canali un habitat perfetto. Sarà in seguito indirizzato ad una base della Resistenza, dove gli verrà offerto un mezzo di trasporto per superare le acque tossiche dei canali di drenaggio.

Acque pericolose

Un hovercraft di fortuna diventa il suo alleato nel tentativo di sfondare i posti di blocco Combine e fuggire dal loro fuoco. Inseguito da un elicottero Combine, è costretto a passare attraverso il sistema di tubature infestato dalle specie aliene. Dopo l'installazione di una mitragliatrice Combine sull'idroscivolante, Gordon riesce ad abbattere l'inseguitore e a superare la diga che lo separa dalla sua meta: la base-laboratorio di Eli Vance "Black Mesa Est".

Black Mesa Est

Nella base Gordon rivede Vance per la prima volta dal disastro di Black Mesa, conoscendo nel frattempo Judith Mossman, collaboratrice di Eli. Viene anche a conoscenza di una certa tensione esistente tra quest'ultima e Alyx, infastidita dalla grande ammirazione che Judith ha per suo padre. Terminati i loro screzi, Alyx lo accompagna ad una sorta di discarica nel retro della base: qui viene in possesso di un'arma che agisce generando campi gravitazionali, la Pistola gravitazionale e incontra DOG, un robot creato da Eli con scarti di attrezzature Combine. Una improvvisa incursione dell'esercito nemico li coglie di sorpresa, e il crollo di un soffitto li divide, così Gordon si ritrova da solo e costretto a scappare passando attraverso un vecchio insediamento umano abbandonato, Ravenholm.

Non andiamo a Ravenholm

Ravenholm è stato uno degli ultimi insediamenti umani a cadere per mano dei Combine, che hanno utilizzato capsule contenenti headcrab vivi come arma biologica per annientare ogni forma di resistenza. I pochi superstiti sono fuggiti verso la costa, mentre gli altri sono finiti per diventare organismi ospiti per le specie aliene. Gordon comincia ad attraversare questa città fantasma fino fare la conoscenza dell'unico superstite che ancora sorveglia le sue strade abbandonate: Padre Grigori, un prete che durante le prime fasi dell'infestazione ha fatto il possibile per aiutare i concittadini a fuggire. Dopo avere raggiunto la chiesa, resa una fortezza dal prete, Gordon riesce a fuggire attraverso il cimitero grazie al sacrificio di Grigori, che tiene occupate le creature.

Dopo un primo incontro con i tiratori scelti del Combine, Gordon raggiunge alcuni ribelli asserragliati in un'officina sulla costa, aiutandoli a respingere il nemico. Contattato via radio da Alyx, scopre che Eli è stato catturato insieme a Judith e portato in un penitenziario, Nova Prospekt.

Autostrada 17

Grazie ad un vecchio dune buggy armato di cannoncino orientabile, Gordon inizia il suo viaggio sulla costa di City 17 per raggiungere la prigione: la presenza Combine è massiccia e a intralciarlo è pure il fatto che dune e spiagge brulichino di formicheleone (chiamate anche "Mymirodont"), specie insettoide che abita tunnel sotterranei, privi di vista e udito ma molto sensibili alle vibrazioni del terreno. Dopo aver incontrato ad un posto di blocco ribelle il colonnello Odessa Cubbage e la sua squadra, Gordon raggiunge diversi punti presidiati dai Combine, tra cui un ponte ferroviario. Una volta superati gli ostacoli che gli impedivano di avanzare, Freeman raggiunge la Lighthouse Base, una base su una scogliera vicino ad un vecchio faro in disuso.

Trappole di sabbia

Un'altra offensiva del nemico lo spinge verso le spiagge sottostanti, luogo di riproduzione delle formicaleone. Quando sta per raggiungere un altro punto di rifornimento della Resistenza viene attaccato da una grande formicaleone guardia. Una volta eliminata, un vortigaunt ne asporta i feromoni, che aiuteranno Gordon ad addomesticare le formicaleone soldato per usarle come una vera e propria arma durante il suo assalto diretto al penitenziario di massima sicurezza e lo condurrà ad una via d'accesso sicura.

Nova Prospekt

L'incursione si trasforma in una vera e propria guerriglia nella quale le formicaleone costituiscono un esercito nelle mani del protagonista. Durante il percorso, Gordon raggiungerà svariati punti di osservazione Combine connessi con il sistema di sicurezza del penitenziario. In uno di questi un monitor gli mostrerà qualcosa di misterioso e terrificante: dei prigionieri, pallidi e terrorizzati, connessi a mostruosi macchinari metallici che ne alterano l'aspetto e li torturano. Una voce risuona dagli altoparlanti; è quella di Breen. Parla di come i "loro benefattori" (così definisce i Combine) siano seccati per la mancata cattura di Freeman e per come la gente stia prendendo la sua fuga da City 17 come esempio di speranza. Tuttavia il dittatore declina le sue responsabilità in maniera infantile asserendo che è assurdo come un esercito di soldati geneticamente rinforzati non sia riuscito a fermare un solo uomo che non è altro che un ricercatore scientifico. L'incursione prosegue ed avanza e Gordon raggiunge la parte più esterna della struttura, collegata con una rete ferroviaria, dove finalmente incontra Alyx.

Intreccio Quantistico

Grazie ad un grimaldello elettronico, Alyx riesce a portare Gordon fino alla cabina di controllo del braccio di massima sicurezza. Qui vedono le condizioni in cui si trovano i detenuti ritenuti più pericolosi. Sono rinchiusi in alcune sorte di bozzoli metallici ancorati alle pareti e tenuti in uno stato di sonno sospeso. Alyx individua suo padre ed avvia la procedura di rilascio. Il loculo si apre ed il dottor Vance riprende conoscenza. La sua gioia per l'arrivo della figlia è palpabile, ma quasi la rimprovera di aver corso un simile rischio. Ma ora non importa, altre truppe Combine potrebbero arrivare da un momento all'altro ed il dottor Kleiner è riuscito ad infiltrarsi nel terminale di controllo del teletrasporto del penitenziario. Alyx da lì appuntamento al padre con la promessa che lei e Gordon si sarebbero preoccupati anche della dottoressa Mossman e, dopo averlo fatto rientrare nel loculo, lo trasporta nel luogo dell'incontro. I due raggiungono una delle sale di controllo principali del penitenziario ed Alyx cerca di utilizzare il suo terminale per localizzare Judith, non essendoci riuscita con quello usato in precedenza. Tuttavia, facendo questo, fa una scoperta terribile: in uno dei monitor vede la dottoressa Mossman libera ed intenta a discutere con Wallace Breen. I due parlano di un accordo precedentemente stipulato, secondo il quale Breen non avrebbe fatto del male al dottor Vance a patto che lei gli consegnasse Freeman vivo. Judith non ha alcuna scelta se non quella di onorare il suo accordo, ma Breen sembra riluttante a tener fede a quanto promesso, delegando il destino di Eli alla volontà dei "loro benefattori" e imputando alla sua complice una certa leggerezza di valutazione dovuta ai suoi evidenti sentimenti per Eli. Alyx è sconvolta. Le truppe Combine stanno arrivando. Una fuga forsennata li porta in vantaggio ed arrivano nella sala del teletrasporto dove Judith è tenuta prigioniera, costretta a lavorare ad un miglioramento di quell'apparecchiatura tenendo a mente la tecnologia che ha aperto il varco per Xen durante l'incidente di Black Mesa, ideata da Eli. Alyx quasi aggredisce la donna obbligandola ad attivare il macchinario per loro. Eli viene inserito nel vano, ma i Combine stanno arrivando, e in un attimo di distrazione Gordon ed Alyx non si accorgono che Judith è entrata nel teletrasporto e lo ha attivato. Le urla di rabbia di Eli sono l'ultima cosa che i due sentono prima di vederli sparire. Alyx si mette in contatto con Kleiner che gli dice che quel tipo di macchinario ha un tempo di ricarica molto lungo prima del nuovo utilizzo. Gordon tiene impegnate le truppe. Gli allarmi suonano. La truppa d'élite sta per arrivare. Il macchinario si riattiva appena in tempo. I due ci si fiondano e l'ultima cosa che vedono sono le granate dei Combine d'élite piovere e devastare la sala. Appena in tempo.

Anticittadino Uno

I due arrivano al laboratorio di Kleiner. Il silenzio regna sovrano. Un'entrata è sbarrata. Alyx bussa. Kleiner esce fuori con un fucile in mano, gli occhi sgranati e la tunica logora. Qualcosa di grave è accaduto. Sembra che un malfunzionamento dell'apparecchiatura Combine abbia sì permesso a Gordon ed Alyx di viaggiare nello spazio, ma non istantaneamente. Più precisamente sono rimasti sospesi per una settimana prima di rimaterializzarsi. Nel frattempo la voce della sorprendente evasione da Nova Prospekt si è sparsa veloce ed il popolo di City 17 l'ha presa come un segnale definitivo che l'ora di ribellarsi è arrivata. Il popolo è insorto. Gli scontri sono costanti. Purtroppo c'è anche una cattiva notizia: la traditrice Judith ha portato Eli nella Cittadella dei Combine (l'immensa torre che domina la città). Barney è già stato inviato con un gruppo della resistenza per salvarlo, ma ha bisogno di rinforzi. Alyx deve rimanere con Kleiner, per cui è Gordon a doverlo raggiungere. Fortunatamente avrà la compagnia di DOG, che nel frattempo ha ritrovato la strada del ritorno. Una volta usciti ci si troverà davanti ad uno scenario completamente inedito: City 17 è un campo di battaglia. Ovunque ci sono detriti, barricate di fortuna, edifici crollati e cadaveri di soldati di ambedue le fazioni. Separatosi da DOG dopo uno scontro, Gordon prosegue per la città-campo di battaglia con l'aiuto dei membri della resistenza che, a poco a poco raduna. Dopo un bel po' di strada incontra di nuovo Alyx che, messo al sicuro il Dr. Kleiner, gli chiede aiuto per distruggere uno dei generatori Combine che in città alimentano i dispositivi di sicurezza e sterminio. La missione riesce, ma le forze nemiche soverchianti catturano Alyx e costringono Gordon alla fuga in uno stabilimento idrico.

Seguite Freeman

Gordon semina i suoi inseguitori e raggiunge un gruppo di ribelli con notizie di Barney: è asserragliato sul tetto di un palazzo semidistrutto circondato da cecchini. Non senza difficoltà elimina la minaccia invisibile e salva l'amico che lo conduce vicino ad un grande edificio (anticamente forse un museo) sede del complesso di sorveglianza principale di City 17 e di un'arma devastante. Sul suo tetto è stato costruito una sorta di cannone disintegratore al plasma che sta decimando la resistenza e gli innocenti cittadini. L'unico modo per farlo senza correre rischi è con un'operazione segreta di infiltrazione e sabotaggio, ma i ribelli vengono scoperti ed il terribile macchinario si attiva. In seguito Gordon e Barney riescono a penetrare nella struttura. L'interno è ben protetto quasi quanto l'esterno dalla migliore tecnologia Combine. L'obiettivo è distruggere i tre generatori che alimentano questo quartier generale. Una volta compiuta la missione lo scontro si sposterà sul tetto dove si potranno vedere i ribelli accerchiare il palazzo senza più il pericolo del laser mortale e i soldati Combine respingerli mandandogli contro un plotone di Strider (simili ai tripodi de La guerra dei mondi e altrettanto letali). Lo scontro a colpi di bazooka è lungo ed estenuante e miete molte vittime, ma vede prevalere la resistenza. Un rumore familiare risuona nel silenzio dopo la battaglia: è DOG, seguito da Barney e dalla resistenza, che ha sentito la presenza di Alyx e punta alla cittadella. Usando la sua forza apre un passaggio sotterraneo attraverso una grande conduttura. Gordon si avvia verso il centro della forza Combine.

I nostri benefattori

Attraverso le condutture Gordon penetra nella cittadella e si trova in un largo corridoio di assemblaggio dei loculi destinati alla detenzione dei prigionieri. Questi bozzoli d'acciaio si spostano per tutta la struttura attraverso una sorta di funivia automatica, per cui Freeman, per non farsi scoprire dalle ingentissime forze Combine, penetra in uno di essi e si lascia trasportare (in questa sequenza il giocatore non può muoversi, ma guardandosi attorno può vedere diverse porzioni dell'edificio in cui si trova). L'interno della cittadella assomiglia ad un alveare metallico. Viaggiando Gordon vede cantieri per l'arsenale bellico, laboratori di ricerca e qualcosa che aveva già intravisto a Nova Prospekt: uomini, torturati, mutilati ed integrati con macchinari e genomi alieni, utilizzati come schiavi o addestrati a diventare soldati Combine. Il viaggio termina e Gordon finisce in una sala dove un raggio voltaico individua e disintegra tutte le sue armi. Tuttavia la potenza del raggio non ha effetto sulla sua tuta HEV e sulla Pistola Gravitazionale che, al contrario, si potenziano diventando la prima più efficace e la seconda un vero e proprio fucile disintegratore in grado di sterminare un intero plotone con un colpo. Con questa nuova sensazionale arma l'avanzata non è più il suicidio che sembrava all'inizio. Tuttavia delle videocomunicazioni del Dr. Breen lasciano intendere una cosa: lui è perfettamente consapevole dell'infiltrazione di Freeman nella cittadella. Un nuovo viaggio su una delle funivie d'assemblaggio lo portano verso la cima della struttura e... in trappola.

Energia oscura

Uno squadrone di soldati d'élite lo attende alla fine del viaggio per immobilizzarlo e sottrargli la nuova Gravity Gun. Gordon è finito in una trappola orchestrata dal dottor Breen, certo che lui sarebbe venuto a salvare i suoi compagni, con l'aiuto della dottoressa Mossman che, infatti, accoglie Freeman e lo porta nell'ufficio personale di Breen. Qui, il dittatore, sta parlando con Eli (immobilizzato) dei Combine e di come lo abbiano fornito di una "consapevolezza superiore". L'arrivo di Gordon fa cessare qualunque discorso e getta nello sconforto Eli. Breen, al contrario sembra euforico di vedere il suo vecchio impiegato. Il suo ricatto è semplice: o Eli impone ai ribelli la ritirata o lui ordinerà l'immediato bombardamento di City 17. Nonostante questo, Vance sembra determinato a non cedere, ma quando Breen gli mostra la figlia e lo minaccia di ucciderla, Eli tentenna. Lo stesso non si può dire di Alyx che continua a reagire. La cosa non sembra sconvolgerlo, e si rivolge a Freeman sostenendo che, comunque sia, dopo le gesta che ha compiuto i ribelli si sono fatti un'immagine di lui come del nuovo leader della resistenza. La rivolta deve finire, o Eli e Alyx saranno trasportati sul pianeta dei Combine, dove un'orribile morte li attende. La situazione non fa in tempo a degenerare che Judith, vedendo minacciato anche Eli e portato al parossismo il suo senso di colpa, minaccia Breen, avvia la procedura di rilascio dei due compagni e disattiva il generatore principale della cittadella. Breen è infuriato e, prima di scappare, prende la Pistola Gravitazionale e spara a Gordon con il solo risultato di liberarlo. Lui ed Alyx si gettano al suo inseguimento e, quando lo raggiungono, lo trovano a parlare con l'ologramma di una creatura spaventosa a cui si rivolge come "vostra maestà". Quello era un Combine nella sua vera forma e Breen sta impostando la procedura di attivazione di un generatore ad energia oscura che lo teletrasporterà immediatamente sul pianeta dei suoi padroni. Riesce a scappare ancora una volta. Ma Alyx e Gordon gli stanno sempre dietro. L'ultima scenario dell'avventura è il generatore ad energia oscura che Breen sta attivando. Gordon dovrà distruggerlo prima che si attivi (cosa che farebbe esplodere l'interno della sala). La corsa contro il tempo è estenuante. Tutto è accompagnato dall'apologo delirante del dittatore nei confronti dei suoi padroni Combine. Si arriva sul tetto dove un piccolo generatore indipendente sta gestendo i macchinari. Gordon riesce a convogliare la sua energia contro Breen ed il suo misterioso generatore. Il dittatore urla. Tutto sta per esplodere. Alyx arriva per trascinare via Gordon e... tutto esplode. Prima che le fiamme li raggiungano, il tempo si ferma, ed il G-Man riappare. Si congratula con Gordon per il lavoro svolto e gli dice che molte offerte gli sono arrivate per poter usufruire dei servizi dell'eroe. Anche se accettare violerebbe le sue regole, questi sono tempi straordinari e, nuovamente, mette Gordon nella sua stasi forzata rinviando il giudizio su quando e se richiamarlo. L'uomo misterioso educatamente si scusa per quella che può sembrare una imposizione arbitraria, ma è sicuro che Gordon col tempo capirà il significato di tutto questo. Ma ora sta parlando troppo e, salutando cortesemente, sparisce in una porta di pura luce lasciando Gordon ed il pubblico completamente di sasso. Partono i titoli di coda, dopodiché si vede in una brevissima scena Lamarr, l'headcrab che il Dr. Kleiner aveva smarrito durante il gioco, fare il suo ritorno uscendo da un piccolo buco e saltare contro lo schermo.

Modalità di giocoModifica

In Half-Life 2 sono state riproposte alcune armi del primo capitolo, con alcune novità (la più importante è la pistola gravitazionale) e la sostanziale assenza delle varie armi aliene. Buona parte delle armi ha un attacco secondario, in alcuni casi utilizzabile solo se provviste di apposite munizioni. Sono state eliminate molte armi, che inizialmente avrebbero dovuto essere inserite nel gioco come utilizzabili, come l'hopwire (una specie di granata attivata dalla prossimità con un nemico).

In Half-Life 2 la maggior parte dei nemici sono le forze Combine con i loro uomini e mezzi ad alta tecnologia. Sono inoltre presenti alcune creature giunte sulla Terra dal pianeta Xen che sono ostili sia agli umani che ai Combine.

Alcune armi sono trasposizioni di armi reali o già presenti nel primo Half-Life, come la pistola USP che è basata sulla Heckler & Koch USP, la .357 Magnum sulla Colt Python, il fucile mitragliatore sull’Heckler & Koch MP7, il fucile a pompa sul Franchi SPAS-12 ed il lanciamissili RPG che nonostante il nome non si basa su un RPG bensì su altri due lanciarazzi: l’AT4 ed il FIM-92 Stinger.

SviluppoModifica

La pubblicazione del gioco venne ritardata a causa di un clamoroso caso di "furto informatico". Ad un mese dall'uscita del videogioco infatti un cracker si introdusse nella rete interna della casa sviluppatrice rubando il codice sorgente del gioco e diffondendolo successivamente in rete attraverso programmi di file sharing[2]. La data di pubblicazione effettiva venne per questo posticipata di circa un anno.

TecnologiaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Source Engine.

A livello tecnico, grazie al motore grafico Source Engine, Half-Life 2 presenta caratteristiche inedite rispetto al predecessore, sfruttando l'hardware disponibile all'epoca dell'uscita. In particolare modo sono da notare i personaggi, costituiti da un elevato numero di poligoni e animati con cura, che li rende particolarmente realistici rispetto agli standard. Anche il mondo che circonda il giocatore è molto dettagliato e ricco di effetti speciali, come i riflessi di luce sull'acqua e sulle altre superfici riflettenti. Tuttavia l'uso di algoritmi di radiosity, al posto dei classici algoritmi ray tracing, impedisce l'uso di luci dinamiche, cioè non è possibile avere nel gioco delle ombre mobili proiettate o delle fonti di luce in movimento (niente lampi degli spari o lampadine accese che dondolano, per esempio). La fisica di gioco è notevolmente migliorata grazie all'introduzione del middleware Havok: grazie ai suoi algoritmi, movimenti e collisioni sono più naturali; inoltre la composizione fisica degli oggetti influisce sulla loro massa, quindi sul loro comportamento in caso di interazione. Ultimamente, a seguito del lancio di Steam sul sistema operativo mac, è stato introdotto un miglioramento grafico, che porta la versione del motore grafico "Source" al 2007, quello di Episode 2. Tra i miglioramenti gli effetti visivi delle fiamme, non sono più sprites animati presenti in Half-Life 2 Deathmatch. In più sono stati aggiunti achievements sia ad Half-Life 2 (che includeva in maniera "segreta" ) che ad Half-Life 2 Episode One.

AccoglienzaModifica

Nella cerimonia Spike Video Games Awards 2004 fu candidiato a 4 premi: gioco dell'anno, miglior sparatutto in prima persona, miglior grafica e miglior gioco per Personal Computer, vincendo solo gli ultimi due. Il premio gioco dell'anno fu vinto da Grand Theft Auto: San Andreas, mentre il titolo di miglior sparatutto in prima persona fu dato a Halo 2[9]. Durante il Spike Video Games Awards 2012, Half-Life 2 vinse il premio gioco del decennio[10]. Su Metacritic Half-Life 2 per Personal Computer ha un punteggio di 96/100 basato su 81 recensioni di riviste o siti specializzati, mentre il voto degli utenti è 9,2/10 basato su 5562 recensioni[11]. La versione Xbox porta invece il punteggio di 90/100 basato su 35 critiche specializzate e di 8,7/10 dalla parte di 80 utenti[12]

EspansioniModifica

Half-Life 2: DeathmatchModifica

Half-Life 2 è privo di una modalità multiplayer: Valve ha in seguito realizzato un pacchetto aggiuntivo a pagamento che rende possibile organizzare deathmatch tutti contro tutti o a squadre fra Combine e Ribelli. Tale espansione, oggi un gioco a parte, è disponibile per ogni piattaforma (Windows, macOS e Linux).

Half-Life 2: Lost CoastModifica

Lost Coast è un livello aggiuntivo pubblicato gratuitamente nel 2005 da Valve, per dimostrare le potenzialità del sistema high dynamic range rendering introdotto nel motore grafico Source. Il livello, dotato di una serie di commenti degli autori sul processo di progettazione, era inizialmente stato ideato per l'originale Half-Life 2, e in seguito scartato.

Half-Life 2: SurvivorModifica

Half-Life 2: Survivor è un videogioco arcade realizzato da Valve in collaborazione con Taito Corporation. Si tratta di una versione adattata ad essere giocata tramite un sistema di joystick e pedali, dotata di un sistema di gioco semplificato. Si possono selezionare tre tipologie di gioco: Story mode, modalità che segue la trama, Mission, modalità cooperativa multigiocatore, e Battle, modalità deathmatch multigiocatore.

NoteModifica

  1. ^ Dietro i Giochi: Le ore finali di Half-Life 2, su gamespot.com. URL consultato il 09-07-2006.
  2. ^ a b Cesare Lamanna, Hanno rubato Half-Life 2 [collegamento interrotto], su webnews.html.it. URL consultato il 07-10-2003.
  3. ^ Roberto Buonanno, Half Life 2: la recensione più lunga, su tomshw.it. URL consultato il 29-11-2004 (archiviato dall'url originale il 9 febbraio 2008).
  4. ^ Francesco Menna, Gamesurf: Recensione Half-Life 2, su gamesurf.tiscali.it. URL consultato il 5 agosto 2007 (archiviato dall'url originale l'8 agosto 2007).
  5. ^ Vincenzo Riggio, Ludus: Recensione Half-Life 2, su ludus.it. URL consultato il 12-2004 (archiviato dall'url originale il 23 agosto 2007).
  6. ^ I Valve Awards, su valvesoftware.com. URL consultato l'11-01-2006.
  7. ^ (EN) Steam news
  8. ^ Half-Life 2: Episode Two spostato nel 2007?, su gamespot.com. URL consultato il 03-09-2006.
  9. ^ Spike Video Game Awards 2004 (Concept) - Giant Bomb
  10. ^ 2012 Spike Video Game Awards Full List of Winners Right Here | Complex
  11. ^ Half-Life 2 for PC Reviews - Metacritic
  12. ^ Half-Life 2 for Xbox Reviews - Metacritic

BibliografiaModifica

  • (EN) David Hodgson, Half-Life 2: Raising the bar, Prima Games, 2004, ISBN 0761543643.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN184859689 · LCCN (ENn2009051602 · BNF (FRcb166311961 (data)