Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonima città della Turchia, vedi Kızılırmak (città).
Kızılırmak
Kızılırmak iskilip.jpg
StatoTurchia Turchia
Lunghezza1 150 km
Portata media500 m³/s
Bacino idrografico78 180 km²
Altitudine sorgente2 000 m s.l.m.
NasceAnatolia
SfociaMar Nero
İskilip, Taybı

Il Kızılırmak (nell'antichità chiamato Halys) è il più lungo fiume della Turchia; il suo nome, in turco, significa fiume rosso. Lungo 1.150 km, nasce nell'altopiano anatolico orientale e sfocia nel mar Nero. Non è navigabile, ma lungo il suo corso sono state costruite alcune dighe e oggi è un'importante fonte di energia idroelettrica.

Le dighe principali sono: Kesikköprü, Altınkaya, Kapulukaya e Derbent.

StoriaModifica

Gli Ittiti chiamavano il fiume Marassantiya; esso costituiva il confine naturale della terra chiamata Hatti, la regione centrale dell'Impero ittita.

Nell'antichità classica il fiume era considerato il confine tra l'Asia Minore e il resto dell'Asia. Il fiume fu teatro della battaglia dell'eclissi, combattuta tra il regno di Lidia e i Medi nel 585 a.C. Lungo il fiume fu fissato il confine orientale della Lidia, che rimase tale fino al 547 a.C., quando Creso lo attraversò per attaccare Ciro il Grande (vedi Battaglia di Halys). In seguito alla sconfitta di Creso, la Persia poté espandersi fino al Mar Egeo.

A Talete si attribuisce l'elaborazione d'un espediente che avrebbe permesso all'esercito di Creso, il re della Lidia in guerra contro il persiano Ciro il Grande, di attraversare il fiume Halys.

Racconta Erodoto (Storie, I, 75):

«Quando Creso giunse sul fiume Alis, procedette oltre, a quanto io credo, facendo passare l'esercito per i ponti che già vi erano; invece, secondo quanto comunemente dicono i Greci, fu Talete di Mileto che trovò il modo di farlo passare al di là. Infatti si racconta che, mentre Creso era preoccupato e non sapeva come le sue truppe avrebbero attraversato il fiume (secondo queste voci, in quel tempo non ci sarebbero stati ancora i ponti che ora ci sono), Talete, che si trovava nell'accampamento, per servirlo, avrebbe fatto in modo che il fiume, che scorreva a sinistra dell'attendamento, potesse scorrere anche alla sua destra, facendo così. A partire da un punto del fiume a monte del campo, avrebbe fatto scavare un canale profondo, a forma di semicerchio, in modo che l'acqua del fiume, deviata a questo punto per mezzo del canale dal suo vecchio alveo, avvolgesse alle spalle il luogo dov'erano attendate le truppe, e poi, di nuovo, passato il campo, si gettasse ancora nell'antico letto: sicché, non appena il fiume si divise in due rami, fu possibile passarli a guado ambedue.»

Questo è inoltre il luogo dove Mitridate VI, re del Ponto, si suicidò nel 66 a.C., dopo l'omonima battaglia combattuta contro Gneo Pompeo Magno, pesante sconfitta per le province d'Oriente.

Dighe costruite sullo KızılırmakModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN242291110 · GND (DE4570734-0 · WorldCat Identities (EN242291110
  Portale Turchia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Turchia