Hamamelis virginiana

specie di pianta della famiglia Hamamelidaceae
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Amamelide
Hamamelis virginiana - Köhler–s Medizinal-Pflanzen-070.jpg
Hamamelis virginiana
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione APG IV
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Mesangiosperme
(clade) Eudicotiledoni
(clade) Eudicotiledoni centrali
(clade) Superrosidi
Ordine Saxifragales
Famiglia Hamamelidaceae
Genere Hamamelis
Specie H. virginiana
Classificazione Cronquist
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Hamamelidae
Ordine Hamamelidales
Famiglia Hamamelidaceae
Genere Hamamelis
Specie H. virginiana
Nomenclatura binomiale
Hamamelis virginiana
L., 1753

Hamamelis virginiana (L., 1753), comunemente nota come Amamelide, è una pianta appartenente alla famiglia delle Hamamelidaceae, originaria delle regioni orientali degli Stati Uniti e del Canada, ma largamente coltivata anche in Europa[2][3].

DescrizioneModifica

È una pianta con portamento arbustivo, che può raggiungere l'altezza di 6 m.[3]
Le foglie, caduche, sono di colore verde brunastro, giallastro nella stagione autunnale; sono ovali od obovate, alterne, glabre, lunghe fino a 15 cm e larghe fino a 10 cm, con picciolo corto e robusto; il margine è irregolarmente dentellato e l'apice è brevemente acuminato ed ottuso. Dalla nervatura mediana si dipartono, ad angolo acuto, da due lati, 5-6 nervature secondarie diritte o lievemente arcuate, che giungono al margine e sono fortemente rilevate sulla pagina inferiore.

I fiori, che si aprono in genere nei mesi di settembre ed ottobre, sono riuniti a due o a tre in glomeruli ascellari, e posseggono quattro sepali e quattro petali gialli; ogni fiore presenta quattro stami e due stili.
I frutti sono delle capsule legnose a due logge, lunghe 10–14 mm, che a maturità si aprono liberando uno o due semi scuri e lucidi.

TassonomiaModifica

VarietàModifica

Al momento è accettata una sola varietà di questa specie[2]:

Proprietà ed usiModifica

 
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Medicina alternativa e complementareModifica

Le proprietà cicatrizzanti del decotto di Hamamelis erano note ai nativi americani, che lo utilizzavano per curare le ferite. Nell'Ottocento, il distillato ottenuto dalle foglie veniva utilizzato dai coloni europei contro le scottature del sole e le irritazioni oculari dopo lunga esposizione alla luce. Per la presenza nelle foglie e nella corteccia di tannino, è utilizzata in erboristeria per la preparazione di estratti fluidi e pomate con proprietà decongestionanti, astringenti ed emostatiche, utilizzati nella terapia di emorroidi, varici, flebiti ed infiammazioni oculari.[5] In cosmetica è utilizzato per lozioni emollienti per la pelle secca.[5]

NoteModifica

  1. ^ https://www.iucnredlist.org/species/62018973/62018975
  2. ^ a b (EN) Hamamelis virginiana L., su Plants of the World Online, Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 17 gennaio 2021.
  3. ^ a b Flora of North America: Hamamelis virginiana
  4. ^ (EN) Hamamelis virginiana var. mexicana (Standl.) C.Lane, su Plants of the World Online, Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 17 gennaio 2021.
  5. ^ a b Amamelide virginiana, in inerboristeria.com. URL consultato il 9 marzo 2012 (archiviato dall'url originale il 2 maggio 2015).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica