Hans-Peter Briegel

allenatore di calcio e ex calciatore tedesco
Hans-Peter Briegel
6633 Hans Peter Briegel.JPG
Briegel nel 2012
Nazionalità bandiera Germania Ovest
Germania Germania (dal 1990)
Altezza 188 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Ritirato 1988 - giocatore
2007 - allenatore
Carriera
Squadre di club1
1975-1984Kaiserslautern240 (47)
1984-1986Verona55 (12)
1986-1988Sampdoria51 (9)
Nazionale
1979-1986Germania Ovest Germania Ovest72 (4)
Carriera da allenatore
1989-1992Glarus
1992-1994600px pentasection vertical Black HEX-DE1100.svg Edenkoben
1994-1995Wattenscheid 09
1999-2000Beşiktaş
2001-2002Trabzonspor
2002-2006Albania Albania
2006-2007Bahrein Bahrein
2007Ankaragücü
Palmarès
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Argento Spagna 1982
Argento Messico 1986
UEFA European Cup.svg Europei di calcio
Oro Italia 1980
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Hans-Peter Briegel (Kaiserslautern, 11 ottobre 1955) è un ex allenatore di calcio ed ex calciatore tedesco, di ruolo difensore.

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

ClubModifica

 
Briegel con la maglia del Verona, contrastato dal granata Danova durante Verona-Torino dell'aprile 1985

Dopo aver ottenuto dei buoni risultati nel decathlon[1], intraprende la carriera di calciatore alle soglie della maggiore età. Esordisce in Bundesliga nella stagione 1975-1976 con la maglia del Kaiserslautern venendo inizialmente criticato dai suoi stessi tifosi[1]. Ottiene tuttavia due terzi posti nel 1978-1979, e nel 1979-1980 e arriva anche alla semifinale della Coppa UEFA 1981-1982. Nei nove anni passati nel club ottiene 240 presenze e 47 gol in campionato.

Il tedesco si trasferisce nel 1984 in Italia per giocare nel Verona, che lo acquistò a basso costo[2][3]. Pur accolto da un iniziale scetticismo[1] si dimostra ben presto uno dei protagonisti di quella che è a tutt'oggi la miglior stagione del club scaligero, che si conclude con la conquista dello storico scudetto: Briegel viene infatti schierato in campo 27 volte in campionato da Osvaldo Bagnoli e realizza ben 9 gol, il primo già al debutto contro il Napoli in cui era appena arrivato Diego Armando Maradona (vittoria per 3-1). Nell'annata successiva disputa poi la Coppa dei Campioni, dove i gialloblu sono eliminati dalla Juventus negli ottavi, e alla fine assomma altre 28 presenze e 3 gol Serie A.

Passa poi alla Sampdoria di Vujadin Boškov, che lo preleva per 4 miliardi di lire[4][3]. Rimane coi blucerchiati per altri due anni, vincendo nell'ultimo di questi la Coppa Italia; è anche l'autore del primo gol nella finale di andata contro il Torino, poi vinta 2-0. Chiude la carriera subito dopo.

NazionaleModifica

 
Briegel in azione con la Germania Ovest durante la finale di Euro '80

Disputa la prima gara con la Germania Ovest il 17 ottobre 1979, una sfida contro il Galles valida per le qualificazioni al campionato d'Europa 1980. È poi convocato per questa manifestazione, nella quale viene schierato in tutte e 4 le gare; in particolare è in campo nella finale di Roma contro il Belgio, vinta 2-1. Va poi in Spagna per disputare il campionato del mondo 1982 nel quale è in campo in tutte e 7 le gare, finale compresa (sconfitta per 3-1 contro l'Italia). Dopo aver partecipato anche al deludente campionato d'Europa 1984 è tra i 22 che volano in Messico per il campionato del mondo 1986, dove è nuovamente in campo nella finale (sconfitta per 3-2 contro l'Argentina). Questa è anche l'ultima gara con la nazionale tedesco-occidentale, nella quale ha collezionato in totale 72 presenze e segnato 4 gol.

In un'amichevole del 1984 contro l'Italia – organizzata come «rivincita» della finale mondiale di due anni prima – segna il gol della vittoria.[5][6]

AllenatoreModifica

Dopo aver terminato la carriera di calciatore comincia quella di allenatore. Briegel siede tra le altre sulle panchine di Beşiktaş, prima come secondo di Karl-Heinz Feldkamp poi da solo, nella stagione 1999-2000, portando il club turco al secondo posto in campionato. Guida successivamente il Trabzonspor nell'annata 2001-2002, ottenendo un quattordicesimo posto.

Nel 2003 viene assunto alla guida dell'Albania, che guida nelle qualificazioni al campionato europeo di calcio 2004 e in quelle per il Mondiale del 2006. Subito dopo guida per circa un anno il Bahrein.

StatisticheModifica

Cronologia presenze e reti in nazionaleModifica

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Germania Ovest
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
17-10-1979 Colonia Germania Ovest   5 – 1   Galles Qual. Euro 1980 -   75’
21-11-1979 Tbilisi Unione Sovietica   1 – 3   Germania Ovest Amichevole -
2-4-1980 Monaco di Baviera Germania Ovest   1 – 0   Austria Amichevole -   16’
13-5-1980 Francoforte sul Meno Germania Ovest   3 – 1   Polonia Amichevole -   73’
11-6-1980 Roma Cecoslovacchia   0 – 1   Germania Ovest Euro 1980 - 1º turno -
14-6-1980 Napoli Germania Ovest   3 – 2   Paesi Bassi Euro 1980 - 1º turno -
17-6-1980 Torino Grecia   0 – 0   Germania Ovest Euro 1980 - 1º turno -
22-6-1980 Roma Germania Ovest   2 – 1   Belgio Euro 1980 - Finale -   55’ [7]
10-9-1980 Basilea Svizzera   2 – 3   Germania Ovest Amichevole -
11-10-1980 Eindhoven Paesi Bassi   1 – 1   Germania Ovest Amichevole -
19-11-1980 Hannover Germania Ovest   4 – 1   Francia Amichevole 1
3-12-1980 Sofia Bulgaria   1 – 3   Germania Ovest Qual. Mondiali 1982 -
1-1-1981 Montevideo Argentina   2 – 1   Germania Ovest Amichevole -
7-1-1981 Montevideo Brasile   4 – 1   Germania Ovest Amichevole -
29-4-1981 Amburgo Germania Ovest   2 – 0   Austria Qual. Mondiali 1982 -
19-5-1981 Stoccarda Germania Ovest   1 – 2   Brasile Amichevole -
24-5-1981 Lahti Finlandia   0 – 4   Germania Ovest Qual. Mondiali 1982 1
2-9-1981 Chorzów Polonia   0 – 2   Germania Ovest Amichevole -   83’
23-9-1981 Bochum Germania Ovest   7 – 1   Finlandia Qual. Mondiali 1982 -
14-10-1981 Vienna Austria   1 – 3   Germania Ovest Qual. Mondiali 1982 -
18-11-1981 Dortmund Germania Ovest   8 – 0   Albania Qual. Mondiali 1982 -   51’
22-11-1981 Düsseldorf Germania Ovest   4 – 0   Bulgaria Qual. Mondiali 1982 -
17-2-1982 Hannover Germania Ovest   3 – 1   Portogallo Amichevole -
21-3-1982 Rio de Janeiro Brasile   1 – 0   Germania Ovest Amichevole -
24-3-1982 Buenos Aires Argentina   1 – 1   Germania Ovest Amichevole -
14-4-1982 Colonia Germania Ovest   2 – 1   Cecoslovacchia Amichevole -
12-5-1982 Oslo Norvegia   2 – 4   Germania Ovest Amichevole -   46’
16-6-1982 Gijón Germania Ovest   1 – 2   Algeria Mondiali 1982 - 1º turno -
20-6-1982 Gijón Germania Ovest   4 – 1   Cile Mondiali 1982 - 1º turno -
25-6-1982 Gijón Germania Ovest   1 – 0   Austria Mondiali 1982 - 1º turno -   66’
29-6-1982 Madrid Germania Ovest   0 – 0   Inghilterra Mondiali 1982 - 2º turno -
2-7-1982 Madrid Spagna   1 – 2   Germania Ovest Mondiali 1982 - 2º turno -
8-7-1982 Siviglia Germania Ovest   3 – 3 dts
(5 - 4 dcr)
  Francia Mondiali 1982 - Semifinale -   97’
11-7-1982 Madrid Italia   3 – 1   Germania Ovest Mondiali 1982 - Finale -
22-9-1982 Monaco di Baviera Germania Ovest   0 – 0   Belgio Amichevole -
13-10-1982 Londra Inghilterra   1 – 2   Germania Ovest Amichevole -
17-11-1982 Belfast Irlanda del Nord   1 – 0   Germania Ovest Qual. Euro 1984 -
23-2-1983 Lisbona Portogallo   1 – 0   Germania Ovest Amichevole -
30-3-1983 Tirana Albania   1 – 2   Germania Ovest Qual. Euro 1984 -
23-4-1983 Smirne Turchia   0 – 3   Germania Ovest Qual. Euro 1984 -
27-4-1983 Vienna Austria   0 – 0   Germania Ovest Qual. Euro 1984 -   38’
7-6-1983 Lussemburgo Jugoslavia   2 – 4   Germania Ovest Amichevole -
7-9-1983 Budapest Ungheria   1 – 1   Germania Ovest Amichevole -
5-10-1983 Gelsenkirchen Germania Ovest   3 – 0   Austria Qual. Euro 1984 -
26-10-1983 Berlino Germania Ovest   5 – 1   Turchia Qual. Euro 1984 -   81’
16-11-1983 Amburgo Germania Ovest   0 – 1   Irlanda del Nord Qual. Euro 1984 -
20-11-1983 Saarbrücken Germania Ovest   2 – 1   Albania Qual. Euro 1984 -   34’
28-3-1984 Hannover Germania Ovest   2 – 1   Unione Sovietica Amichevole -
18-4-1984 Strasburgo Francia   1 – 0   Germania Ovest Amichevole -
22-5-1984 Zurigo Germania Ovest   1 – 0   Italia Amichevole 1
14-6-1984 Strasburgo Portogallo   0 – 0   Germania Ovest Euro 1984 - 1º turno -
17-6-1984 Lens Germania Ovest   2 – 1   Romania Euro 1984 - 1º turno -
20-6-1984 Parigi Spagna   1 – 0   Germania Ovest Euro 1984 - 1º turno -
17-11-1984 Colonia Germania Ovest   2 – 0   Svezia Qual. Mondiali 1986 -
16-12-1984 Attard Malta   2 – 3   Germania Ovest Qual. Mondiali 1986 -
29-1-1985 Amburgo Germania Ovest   0 – 1   Ungheria Amichevole -   46’
24-2-1985 Lisbona Portogallo   1 – 2   Germania Ovest Qual. Mondiali 1986 -
27-3-1985 Saarbrücken Germania   6 – 0   Malta Qual. Mondiali 1986 -   76’
25-9-1985 Solna Svezia   2 – 2   Germania Ovest Qual. Mondiali 1986 -
16-10-1985 Stoccarda Germania Ovest   0 – 1   Portogallo Qual. Mondiali 1986 -
17-11-1985 Monaco di Baviera Germania Ovest   2 – 2   Cecoslovacchia Qual. Mondiali 1986 -   46’
5-2-1986 Avellino Italia   1 – 2   Germania Ovest Amichevole -
12-3-1986 Francoforte sul Meno Germania Ovest   2 – 0   Brasile Amichevole 1
9-4-1986 Basilea Svizzera   0 – 1   Germania Ovest Amichevole -   77’
11-5-1986 Bochum Germania Ovest   1 – 1   Jugoslavia Amichevole -
14-5-1986 Dortmund Germania Ovest   3 – 1   Paesi Bassi Amichevole - cap.
4-6-1986 Santiago de Querétaro Uruguay   1 – 1   Germania Ovest Mondiali 1986 - 1º turno -
8-6-1986 Santiago de Querétaro Germania Ovest   2 – 1   Scozia Mondiali 1986 - 1º turno -   63’
17-6-1986 San Nicolás de los Garza Marocco   0 – 1   Germania Ovest Mondiali 1986 - Ottavi di finale -
21-6-1986 San Nicolás de los Garza Germania Ovest   0 – 0 dts
(4 - 1 dcr)
  Messico Mondiali 1986 - Quarti di finale -
25-6-1986 Guadalajara Francia   0 – 2   Germania Ovest Mondiali 1986 - Semifinale -
29-6-1986 Città del Messico Argentina   3 – 2   Germania Ovest Mondiali 1986 - Finale -   62’
Totale Presenze 72 Reti 4

PalmarèsModifica

GiocatoreModifica

ClubModifica

Verona: 1984-1985
Sampdoria: 1987-1988

NazionaleModifica

Italia 1980

IndividualeModifica

1985

NoteModifica

  1. ^ a b c La scheda di Hans Peter BRIEGEL, in hellastory.net. URL consultato il 27 marzo 2020.
  2. ^ Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 1 (1984-1985), Panini, 2012, p. 10.
  3. ^ a b Hans-Peter Briegel, il tedesco protagonista dello scudetto del Verona, in tuttomercatoweb.com. URL consultato il 27 marzo 2020.
  4. ^ Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 3 (1986-1987), Panini, 2012, p. 10.
  5. ^ Gianni Brera, Italia-Germania che noia Mundial, in la Repubblica, 23 maggio 1984, p. 37.
  6. ^ Giuseppe Smorto, La piccola vendetta di Derwall, in la Repubblica, 23 maggio 1984, p. 37.
  7. ^ 2º titolo europeo

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica