Apri il menu principale
Hans Herbjørnsrud

Hans Herbjørnsrud[1] (Heddal, 2 gennaio 1938) è uno scrittore norvegese di racconti.

Le sue opere giocano spesso sulle differenze tra le lingue norvegesi Bokmål e Nynorsk e i diversi dialetti norvegesi. I personaggi delle sue storie a volte mescolano e inventano linguaggi giocosamente, altre volte restano intrappolati nei loro giochi linguistici e si trovano a perdere la propria identità.

BiografiaModifica

Herbjørnsrud cresce in una lontana fattoria nel Telemark e diventa lui stesso un contadino. Dopo aver lavorato per un periodo come insegnante, comincia a scrivere all'età di quarant'anni e pubblica la sua prima raccolta di storie, Vitner (in inglese Testimoni), nel 1979. La collezione viene riconosciuta il miglior esordio letterario dell'anno, e vince il Tarjei Vesaas' Debutantpris. Da allora, pubblica ancora sei raccolte di storie, che trovano un riscontro positivo da parte dei critici. Herbjørnsrud vince numerosi premi per il suo lavoro, tra i quali il prestigioso Kritikerprisen nel 1997, e il Dobloug Prize e l’Aschehougprisen nel 2005. Viene nominato per The Nordic Council´s Literature Prize nel 1998 e nel 2002, e per lo European Aristeion Prize nel 1999. I suoi racconti sono stati tradotti in numerose lingue, tra cui tedesco, inglese, francese, russo e hindi.

La giocosa mescolanza di dialetti di Herbjørnsrud mette a dura prova i traduttori; la sua storia più prolifica, Kai Sandemo (1997), è stata considerata per molto tempo intraducibile in qualsiasi altra lingua. Racconta la storia di un assassino che fugge dalla sua casa nel Telemark e si trasferisce in Danimarca, dove comincia a scrivere lettere alle persone con cui è cresciuto – prima in danese, poi, ricordando segreti sempre più oscuri del suo passato, passa gradualmente a scrivere in Nynorsk, Bokmål e nel dialetto di Telemark, fino alla fine, in cui quasi ogni frase diventa un complicato misto di diverse lingue e dialetti. Un ambizioso progetto intrapreso dalle università di Zurigo e di Monaco ha lavorato per molti anni a una traduzione della storia in tedesco, e ha pubblicato una versione definitiva nel 2005. Il gruppo di traduttori ha ambientato la storia in Svizzera e ha sostituito i linguaggi e i dialetti originali con il tedesco standard, lo svizzero tedesco, il romancio e alcuni dialetti svizzeri.

Hans Herbjørnsrud è sposato con la storica danese Anna Tranberg, attualmente professoressa associata alla Telemark University College in . Il loro figlio, Dag Herbjørnsrud, è uno scrittore e giornalista e attualmente editore per il settimanale di attualità Ny Tid.

OpereModifica

  • Brønnene (in inglese The Fountains, 2006)
  • Samlede noveller (in inglese Collected Short Stories, 2003)
  • Vi vet så mye (in inglese We know so much, 2001)
  • Blinddøra (in inglese The Blind Door, 1997)
  • Eks og Sett (1992)
  • Han (in inglese Him, 1987)
  • Vannbæreren (in inglese The Water Bearer, 1984)
  • Vitner (in inglese Witnesses, 1979)

NoteModifica

  1. ^ Pronuncia corretta di Hans Herbjørnsrud su Pronny the Pronouncer Archiviato il 23 maggio 2016 in Internet Archive..

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN85553231 · ISNI (EN0000 0000 7832 6220 · LCCN (ENn80026926 · GND (DE121850595 · BNF (FRcb123206408 (data) · WorldCat Identities (ENn80-026926