Hansa-Brandenburg C.I

aereo da ricognizione Hansa-Brandenburg Ufag Phönix
Hansa-Brandenburg C.I
Hansa Brandenburg C.I.jpg
Hansa Brandenburg C.I
Descrizione
Tipoaereo da ricognizione
Equipaggio2
ProgettistaErnst Heinkel
CostruttoreGermania Hansa-Brandenburg
Austria-Ungheria Ufag
Austria-Ungheria Phönix
Data entrata in servizio1916
Data ritiro dal servizioanni venti
Utilizzatore principaleAustria-Ungheria k.u.k. LFT
Altri utilizzatoriPolonia Siły Powietrzne
Esemplari1 318
Sviluppato dalHansa-Brandenburg B.I
Altre variantiHansa-Brandenburg C.II
Dimensioni e pesi
Brandenburg CI.svg
Tavole prospettiche
Lunghezza8,45 m
Apertura alare12,25 m
Altezza3,33 m
Superficie alare36,45
Peso a vuoto820 kg
Peso max al decollo1 320 kg
Propulsione
Motoreun Benz Bz.IVa
Potenza220 PS (162 kW)
Prestazioni
Velocità max158 km/h
Velocità di crociera134 km/h
Autonomia400 km
Tangenza6 000 m
Armamento
Mitragliatriciuna Schwarzlose MG M.07/12 calibro 8 mm

i dati sono estratti da Уголок неба[1] integrati dove indicato

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

L'Hansa-Brandenburg C.I, conosciuto anche come Typ LDD, era un monomotore biplano e biposto da ricognizione sviluppato dall'azienda tedesco imperiale Hansa und Brandenburgischen Flugzeugwerke GmbH negli anni dieci del XX secolo e prodotto principalmente su licenza nell'Impero austro-ungarico da Ungarische Flugzeugfabrik AG (Ufag) e Phönix Flugzeugwerke.

Utilizzato principalmente dal K.u.k. Luftfahrtruppen, l'aeronautica militare austro-ungarica, durante la prima guerra mondiale rimase in servizio anche dopo il termine del servizio nelle forze aeree di Polonia e, con una serie di varianti prodotte localmente, Cecoslovacchia.

Storia del progettoModifica

Il C.I venne sviluppato dal precedente B.I ideato da Ernst Heinkel, che prima di fondare la sua azienda lavorò come progettista nell'azienda tedesca. Heinkel affinò semplicemente il precedente modello in modo che potesse utilizzare una gamma più potenti di motori a disposizione.

Per ovviare alle richieste imposte dall'impegno bellico il C.I venne inoltre prodotto su licenza anche da Phönix Flugzeugwerke e Ufag. Alla fine del conflitto, a causa delle limitazioni imposte alla Germania dal Trattato di Versailles, l'Hansa-Brandenburg cedette i diritti di costruzione all'azienda cecoslovacca Aero la quale produsse delle varianti che andarono ad equipaggiare i reparti della locale aeronautica militare, la Češkoslovenske Letectvo.

Descrizione tecnicaModifica

Il C.1 era un velivolo dall'aspetto piuttosto tradizionale e, come consuetudine per i velivoli dell'epoca, era realizzato con struttura mista in legno e tubi d'acciaio ricoperta da tela. La fusoliera a sezione quadrata presentava un lungo ed unico abitacolo a due posti in tandem, caratteristica comune ai ricognitori C-Typ prodotti da Lloyd e Lohner ed in forza alla K.u.k. Luftfahrtruppen, l'anteriore per il pilota ed il posteriore per l'osservatore/mitragliere. L'impennaggio di coda era caratteristico, monoderiva, dotato di timone e piani orizzontali realizzati con un'intelaiatura in tubi d'acciaio, questi ultimi di grande superficie, controventati ed a pianta triangolare e che si estendevano fino quasi all'altezza del sedile posteriore.

La configurazione alare era biplano-sesquiplana, con l'ala inferiore di dimensioni leggermente minori e spostata verso la parte posteriore, collegate tra loro ed alla fusoliera da una serie di montanti tubolari e tiranti in filo d'acciaio. Il carrello d'atterraggio era fisso, dotato di grandi ruote a raggi ammortizzato sia anteriormente che sul pattino posteriore d'appoggio.

La propulsione era affidata ad una vasta gamma di motori 6 cilindri in linea raffreddati ad acqua a partire da 160 PS (118 kW)[2] tutti abbinati ad un'elica bipala in legno a passo fisso.

L'armamento era costituito da una mitragliatrice Schwarzlose MG M.07/12 da 8 mm brandeggiabile e rivolta verso la parte posteriore, azionabile dal secondo membro dell'equipaggio. In alcuni modelli era integrata da una seconda Schwarzlose rivolta in avanti, posizionata in una struttura posta sopra l'ala superiore e per questo priva di meccanismo di sincronizzazione con l'elica. Quest'ultima venne in seguito sostituita da una Schwarzlose dotata questa volta di tale meccanismo e posizionata su un lato della fusoliera. La dotazione standard prevedeva anche una bomba da 60 kg ma alcuni esemplari hanno utilizzato un carico complessivo dato da una bomba da 80 kg più due da 10 kg.

Impiego operativoModifica

Il C.I venne utilizzato dalla K.u.k. Luftfahrtruppen come velivolo da ricognizione visiva e fotografica oltre che come bombardiere leggero dall'inizio della primavera del 1916 sino alla fine della prima guerra mondiale. La bontà del progetto, confermata dalle buone caratteristiche di manovrabilità, venne confermata anche dall'introduzione di una gamma sempre più potente di unità propulsive che ne incrementarono costantemente le prestazioni e che ne determinarono il successo con 1 318 esemplari realizzati.

Il 15 giugno 1916 un Caproni della 10ª Squadriglia da bombardamento "Caproni" di Padova viene attaccato dopo un bombardamento su Mattarello da un biplano della Flik 7 che lo attacca in picchiata. Dopo un vivace scambio di colpi, l'assalitore viene visto abbandonare il combattimento picchiando bruscamente verso Trento. Colpito da numerosi colpi e col pilota Zugsführer Karl Rose ferito, e del Tenente Johann Baumgartner, l'Hansa-Brandenburg C.I è costretto a prendere terra in una vigna. Lo stesso giorno il Cap. osservatore Enrico Giorgetti ed il S.Ten. Antonio Locatelli della 30ª Squadriglia Farman di Verona rivendicano una vittoria a Nave San Rocco: attaccati da un Lloyd, replicano col fuoco della mitragliatrice e vedono l'osservatore nemico abbattersi e l'aereo scendere in picchiata, come se non fosse governato. La motivazione della Medaglia d'argento al valor militare di Locatelli (ricevuta anche da Giorgetti con qualche termine diverso) dice: «In ricognizioni aeree su Mezzolombardo, a Nave San Rocco, veniva assalito a 30 metri di distanza, ed alle spalle, da un aeroplano nemico, e riusciva con la sua calma e abile manovra a farlo abbattere dal proprio osservatore. Seguitava poi arditamente l'esecuzione del mandato affidatogli, quantunque l'apparecchio fosse stato colpito in parti vitali, riportando utili e preziose informazioni.» — Nave San Rocco (Val Lagarina), 15 giugno 1916. E' da rilevare che le circostanze corrispondono per data e località alla rivendicazione dell'equipaggio del Caproni della 10ª Squadriglia di cui sopra.

Il 27 giugno Mario De Bernardi, Alessandro Buzio, il caporale Guido Consonni e Guido Nardini della 75ª Squadriglia caccia costringono l'Hansa-Brandenburg C.I con il Zgsf Josef Holub e l'osservatore Fhr Friedrich von Langer della Flik 21 ad atterrare dalle parti di Arzignano in territorio italiano. Gi aviatori verranno catturati. Il 29 giugno 1916 in un combattimento sul Pasubio con il Br. C.1 di Heinrich Kostrba e dell'osservatore Johann Frint della Flik 23 viene abbattuto il Caproni di Giovanni Facta (figlio di Luigi Facta Ministro delle Finanze dal 1910 al 1914 e presidente del Consiglio dei ministri dal 1922) della 10ª Squadriglia da bombardamento "Caproni", che atterra in emergenza oltre le linee italiane a Zocchi di Asiago distruggendosi causando la morte di Facta e dell'osservatore, tenente Guido Pacinotti.

Nel maggio-giugno 1917 sul fronte italiano vi erano in linea seguenti esemplari: 5 nella Flik 2, 5 nella Flik 4, 7 nella Flik 12, 6 nella Flik 15 di Gardolo, 9 nella Flik 16, 6 nella Flik 17, 7 nella Flik 19, 7 nella Flik 21, 5 nella Flik 23, 4 nella Flik 24, 6 nella Flik 28, 5 nella Flik 32, 7 nella Flik 34, 7 nella Flik 35, 5 nella Flik 45 di Brunico, 4 nella Flik 48 e 12 nella Fluggeschwader I (FLG I) di Divaccia. Al 15 ottobre 1918 erano in linea i seguenti esemplari: 1 nella Flik 37P di San Lorenzo (Codroipo), 8 nella Flik 69D, 17 nella Flik 71D, 1 nella Flik 19K, 2 nella Flik 22K, 3 nella Flik 35K, 2 nella Flik 44K, 8 nella Flik 47F, 2 nella Flik 57Rb, 5 nella Flik 26S, 4 nella Flik 65S, 1 nella Flik 52K, 3 nella Flik 11F di San Pietro in Campo dell'Aeroporto di Belluno, 3 nella Flik 8S, 2 nella Flik 53S, 5 nella Flik 2K, 4 nella Flik 16K, 3 nella Flik 66K, 1 nella Flik 15F di Levico Terme, 2 nella Flik 31P di Levico, 8 nella Flik 48S, 2 nella Flik 24K e 5 nella Flik 36K di Novaledo.

Alla fine delle ostilità il C.I continuò la sua vita operativa equipaggiando i reparti dell'Siły Powietrzne, l'aeronautica militare polacca. Gli assi che conseguirono vittorie su questo modello furono Adolf Heyrowsky (9), Julius Arigi (7), Josef Pürer (6), Andreas Dombrowski (5), Stefan Fejes (5), Josef Friedrich (5), Johann Frint (5), Heinrich Kostrba (5), Johann Lasi (5), Augustin Novák (5), Raoul Stojsavljevic (5) e Franz Wognar (5).

Produzione su licenzaModifica

Per soddisfare le esigenze belliche vennero prodotti, oltre agli 84 esemplari realizzati in proprio dall'Hansa-Brandenburg, ulteriori 400 esemplari dalla Phönix Flugzeugwerke ed altri 834 dalla Ungarische Flugzeugfabrik AG. Alla fine del conflitto vennero inoltre prodotti su licenza dall'azienda cecoslovacca Aero.

PhönixModifica

 
Il C.I 29.64 pilotato dall'asso Adolf Heyrowsky.
  • Typ 23 e 26 motorizzati Austro-Daimler da 160 PS
  • Typ 27 motorizzato Austro-Daimler da 185 PS
  • Typ 29 motorizzato Austro-Daimler da 210 PS
  • Typ 29.5, 129, 229 e 329 motorizzati Hiero da 200 PS
  • Typ 429 motorizzato Hiero da 230 PS

UfagModifica

  • Typ 61, 64, 67 e 68 motorizzati Austro-Daimler da 160 PS
  • Typ 63 motorizzato Mercedes D.IIIs da 160 PS
  • Typ 269 motorizzato Austro-Daimler da 200 PS
  • Typ 69 motorizzato Hiero da 200 PS
  • Typ 169 motorizzato Benz Bz.IVas da 220 PS (162 kW)
  • Typ 369 motorizzato Hiero da 230 PS

AeroModifica

UtilizzatoriModifica

Periodo bellicoModifica

  Austria-Ungheria

Periodo post bellicoModifica

  Polonia

NoteModifica

  1. ^ (RU) Hansa-Brandenburg C.I, in Уголок неба, http://www.airwar.ru. URL consultato il 20 luglio 2012.
  2. ^ (EN) Charles Hayward Practical Aviation, 1919 cita anche un motore Warskalowski.

BibliografiaModifica

  • (EN) Munson, Kenneth. Bombers, Patrol and Reconnaissance Aircraft 1914 - 1919 ISBN 0-7537-0918-X

Velivoli comparabiliModifica

  Austria-Ungheria
  Germania
  Regno Unito

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh2013002536