Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la città moderna, vedi Harappa (città).
Harappa
Coach driver Indus 01.jpg
Carro con guidatore proveniente da Harappa, National Museum New Delhi
Civiltàciviltà della valle dell'Indo
Utilizzocittà
Epoca3300 a.C. - 1600 a.C.
Localizzazione
StatoPakistan Pakistan
ProvinciaPunjab
Scavi
Date scavi1872-1873, anni Venti e Trenta del XX sec.
ArcheologoRichard Meadow (XIX sec.)
Amministrazione
Visitabile
Mappa di localizzazione

Coordinate: 30°38′N 72°52′E / 30.633333°N 72.866667°E30.633333; 72.866667

Harappa è un sito archeologico nella regione del Punjab, nel Pakistan nord-orientale, nei pressi della cittadina di Harappa da cui prende il nome.

Era una delle più importanti città fortificate della civiltà della valle dell'Indo e della cosiddetta "cultura del Cimitero H".

StoriaModifica

La città fiorì intorno al 3300 a.C. circa, fino al 1600 a.C. ed era bagnata dal fiume Ravi, anche se i primi stanziamenti di coltivatori relativi ai pressi del bacino dell'Indo risalgono alla metà del VII millennio a.C.[1].

In un periodo compreso fra il 2600 ed il 1900 a.C. ad Harappa venne introdotto uno dei più antichi metodi di scrittura del subcontinente indo-pakistano; in modo analogo ai sumeri, venne ideata una scrittura sillabica, comprendente circa 400 segni diversi. In questo periodo si intensificarono i traffici commerciali con la Mesopotamia, la Penisola Arabica e le pianure della Battriana.

Dopo il 1800 a. C. iniziarono una serie di cambiamenti climatici, tra cui l'aumento dell'intensità dei monsoni invernali e la diminuzione dei monsoni estivi, che resero sempre meno agevole la coltivazione per inondazione. Verso il 1600 a. C. il sito fu definitivamente abbandonato in favore, principalmente, delle piccole alture ai piedi dell'Himalaya, dove però non si ricostituirono più complessi abitativi così estesi ed elaborati. La popolazione rimanente si disperse in piccoli villaggi nei quali la loro cultura subì un impoverimento, con l'abbandono dell'uso della scrittura[2].

DescrizioneModifica

Si calcola che avesse quasi 40.000 residenti, una città estremamente popolosa per quel tempo. Ad Harappa sono state scavate anche due necropoli, una della civiltà della Valle dell'Indo con gli inumati in posizione distesa e la testa rivolta verso nord, l'altra, più tarda della cultura del cimitero H, che si distingue in particolare per la tipologia ceramica, la manifattura in gres, la lavorazione delle conchiglie marine, di perle in agata e lapislazzuli, ornamenti in faience.

Gli agricoltori e i cacciatori di quel periodo riuscirono ad addomesticare lo zebù e il bufalo e a coltivare il frumento e l'orzo. L'area urbana era dominata da una cittadella sopraelevata, mentre sotto l'acropoli sorgevano piccole abitazioni disposte secondo uno schema ortogonale. Alcune piattaforme circolari e altri edifici di grandi dimensioni, disposti su due file e dotati di fori per la ventilazione, erano probabilmente destinati all'immagazzinamento dei cereali.

Scavi archeologiciModifica

Richard Meadow compì i primi scavi tra il 1872 e il 1873, ma solo negli anni venti e trenta il sito fu scavato sistematicamente.

Da Harappa proviene un gran numero di reperti, tra cui spicca la ceramica finemente decorata, le figurine fittili, i sigilli in steatite e altri oggetti legati alla vita quotidiana e ai corredi funerari.

Vicino al sito è ora in progetto la costruzione di un grande museo sulla civiltà della Valle dell'Indo.

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ "Bracciali in gres dell'Età del bronzo", di Massimo Vidale, pubbl. su "Le Scienze (Scientific American)", num.300, agosto 1993, pag.46-57
  2. ^ BBC Reel, 27 giugno 2019, https://www.bbc.com/reel/video/p077x0m7/why-did-an-entire-civilisation-vanish-.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN235928336 · WorldCat Identities (EN235928336
  Portale Pakistan: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Pakistan