Apri il menu principale

Hardella thurji

(Reindirizzamento da Hardella)
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Tartaruga di fiume coronata
Hardella thurjii Hardwicke.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Reptilia
Ordine Testudines
Famiglia Geoemydidae
Sottofamiglia Geoemydinae
Genere Hardella
Gray, 1870
Specie H. turjii
Nomenclatura binomiale
Hardella thurjii
(Gray, 1831)
Sinonimi

Emys thurjii
Gray, 1831
Hardella indi
Gray, 1870
Hardella thurgi
(Gray, 1870) [orth. error]
Hardella thurjii ssp. indi
Gray, 1870

La tartaruga di fiume coronata (Hardella thurjii Gray, 1831), unica specie del genere Hardella Gray, 1870, è una tartaruga della famiglia dei Geoemididi[2].

TassonomiaModifica

Ne vengono riconosciute due sottospecie[2]:

  • H. t. thurjii (Gray, 1831).
  • H. t. indi (Gray, 1870).

DescrizioneModifica

Il carapace, che arriva a misurare 540 mm nelle femmine ma solo 180 nei maschi, è marrone scuro con le carenature nere grigiastre e con la giuntura costomarginata bordata di giallo-arancione. Il piastrone è giallo con una grande macchia nerastra su ogni scute. Sulla testa sono presenti quattro strisce giallo-arancioni su ogni lato. L'alimentazione è a base di erbe e piante acquatiche. Si riscalda direttamente sull'acqua, galleggiando pigramente. Il corteggiamento e l'accoppiamento avvengono durante i mesi estivi, almeno nell'India settentrionale, le femmine depongono 8-19 uova ellissoidali[3].

Distribuzione e habitatModifica

In Bangladesh, India settentrionale e orientale, Pakistan e Nepal. Vive in molti tipi di ambienti umidi, ma si incontra frequentemente in acque a lento corso come pozze, stagni, canali e lanche, con un fondale fangoso e ricchi di vegetazione. Durante la stagione secca, quando i corsi d'acqua temporanei si seccano migra sulla terraferma alla ricerca di nuovi sistemi acquatici[3].

ConservazioneModifica

Nel 1980 era la specie più comune nei mercati dell'India orientale e nel Bangladesh, a causa della sua carne molto apprezzata. Oltre al pesante sfruttamento a cui è sopposta ulteriori fattori di minaccia per la specie derivano dalla conversione delle zone umide in aree agricole e dall'inquinamento dei sistemi acquatici dovuto al diffuso utilizzo di pesticidi e fertilizzanti[3].

NoteModifica

  1. ^ (EN) Asian Turtle Trade Working Group 2016, Hardella thurji, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2019.2, IUCN, 2019.
  2. ^ a b Hardella thurjii, su The Reptile Database. URL consultato il 5 novembre 2016.
  3. ^ a b c Hardella thurjii (PDF), su Conservation Biology of Freshwater Turtles and Tortoises. URL consultato il 5 novembre 2016.

Altri progettiModifica

  Portale Rettili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rettili