Harry Dean Stanton

attore statunitense

Harry Dean Stanton (Irvine, 14 luglio 1926West Hollywood, 15 settembre 2017) è stato un attore statunitense, celebre per i suoi ruoli da caratterista.

Harry Dean Stanton nel 2006

BiografiaModifica

Terminato il liceo, Stanton si laureò all'Università del Kentucky, a Lexington, in giornalismo e arti radiofoniche. Si dedicò poi al cinema, apparendo sia in film indipendenti e cult come Strada a doppia corsia (1971), Cockfighter (1974), 1997: Fuga da New York (1981) e Repo Man - Il recuperatore (1984) che in produzioni hollywoodiane come Nick mano fredda (1967), Il padrino - Parte II (1974), Alien (1979), Alba rossa (1984), Bella in rosa (1986) e Il miglio verde (1999). Il suo ruolo da protagonista più noto è quello in Paris, Texas (1984) di Wim Wenders, che inizialmente doveva essere assegnato a Sam Shepard.

Fu uno degli attori-feticcio di Sam Peckinpah, John Milius, David Lynch e Monte Hellman, oltre che un amico stretto di Francis Ford Coppola. Stanton era molto apprezzato dal critico cinematografico Roger Ebert, che di lui disse: «nessun film con Harry Dean Stanton o M. Emmet Walsh sarà mai un fiasco», pur ammettendo poco più in là che Un piccolo sogno (1989) con Stanton è l'«eccezione che conferma la regola»[1].

Lavorò molto per il piccolo schermo, anche negli ultimi anni: dal 2006 al 2010 partecipò alla serie televisiva Big Love, con Bill Paxton, e proprio nel 2010 comparve nel primo episodio della quarta stagione di Chuck. Morì a 91 anni il 15 settembre 2017, per cause naturali[2].

Filmografia parzialeModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

Doppiatori italianiModifica

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Harry Dean Stanton è stato doppiato da:

Da doppiatore è sostituito da:

NoteModifica

  1. ^ Obnoxious 'Dream' is a nightmare, su nl.newsbank.com. URL consultato il 30 dicembre 2007.
  2. ^ È morto Dean Stanton, interpretò Travis in 'Paris, Texas' di Wenders, La Repubblica, 16 settembre 2017. URL consultato il 17 settembre 2017.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN34646683 · ISNI (EN0000 0001 2127 5626 · LCCN (ENn85138185 · GND (DE12251064X · BNF (FRcb139331640 (data) · BNE (ESXX1305845 (data) · NLA (EN35983900 · WorldCat Identities (ENlccn-n85138185