Apri il menu principale

Harry Gibson

pianista e cantautore statunitense
Harry Gibson
Wiliam P. Gottlieb, Portrait of Harry Gibson, New York, ca. July 1948 (LOC gottlieb.11851).jpg
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereJazz
Boogie-woogie
Strumentopianoforte
Gruppi52nd Street
Harry Gibson durante un'esibizione a New York nel 1948.
Fotografia di William P. Gottlieb

Harry Gibson, pseudonimo di Harry Raab, conosciuto anche come The Hipster (Bronx, 27 giugno 1915Brawley, 3 maggio 1991), è stato un pianista e cantautore statunitense di jazz.

Gibson suonava lo Stride piano nello stile di New York e il boogie woogie, cantando in uno stile sfrenato e selvaggio. La sua carriera musicale ebbe inizio alla fine degli anni venti, quando il giovane Harry suonava lo Stride piano nelle jazz band Dixieland ad Harlem. Continuò a esibirsi lì per tutti gli anni trenta, aggiungendo il boogie barrelhouse dell'epoca al suo repertorio, e fu scoperto da Fats Waller nel 1939 e portato fino a Manhattan, dove fece furore e cambiò il suo cognome da Raab in Gibson.[1] Tra il 1939 e il 1945 suonò in vari club di jazz a Manhattan nella 52nd Street ("Swing Street"), tra i quali i Three Deuces, diretti da Irving Alexander,[1] e Leon and Eddies, diretta da Leon Enkin ed Eddie Davis.

NoteModifica

  1. ^ a b La sua autobiografia, pubblicata come note lineari all'album Everybody's Crazy But Me, 1986, Progressive Records, Stati Uniti.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN102370999 · ISNI (EN0000 0001 1479 0267 · LCCN (ENn95097186 · GND (DE140207619 · BNF (FRcb13927227t (data) · WorldCat Identities (ENn95-097186