Apri il menu principale

Harry Nilsson

cantautore e musicista statunitense
Harry Nilsson
Harry Nilsson (1974).png
Harry Nilsson nel 1974
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenerePop rock[1]
Periodo di attività musicale1964 – 1994
Strumentovoce
EtichettaRCA Victor
Sito ufficiale

Harry Nilsson, all'anagrafe Harry Edward Nilsson III, noto anche con lo pseudonimo di Bo Pete, Johnny Niles e Buck Earle (New York, 15 giugno 1941Agoura Hills, 15 gennaio 1994), è stato un cantautore e musicista statunitense, attivo soprattutto negli anni sessanta e settanta.

BiografiaModifica

Nato a New York e cresciuto in California, Nilsson, pur avendo già scritto canzoni per Phil Spector e per i Monkees, divenne internazionalmente conosciuto principalmente per due brani opera di altri autori: Everybody's Talkin' (1969), composto da Fred Neil per la colonna sonora di Un uomo da marciapiede, e Without You (1970), composta da Peter Ham e Tom Evans originariamente per i Badfinger.

Negli anni i suoi album solisti vennero però rilanciali in varie fasi dalla critica, che vede spesso nell'album dell'anno precedente dal titolo Aerial Ballet (RCA, 1968) uno dei suoi migliori[2].

Nel 1970 pubblica un album di canzoni di Randy Newman che ottiene un grande successo, Nilsson Sings Newman. Tra il 1973 e 1974 Harry Nilsson, insieme a Keith Moon e Ringo Starr, è protagonista del cosiddetto "Lost Weekend" di John Lennon. 18 mesi che Lennon passò per lo più in stato di ebbrezza da un locale all'altro. In questo periodo tuttavia John Lennon partorisce un importante album solista, Walls and Bridges, che vede Old Dirt Road, canzone scritta insieme ad Harry Nilsson. Sempre in questo periodo John Lennon produce l'album Pussy Cats di Nilsson ed entrambi partecipano come scrittori e musicisti nell'album Goodnight Vienna di Ringo Starr.

È autore anche del film d'animazione La storia di Oblio nel paese degli uomini con la testa a punta.

Muore di infarto a 52 anni.

DiscografiaModifica

Album in studioModifica

Colonne sonoreModifica

RaccolteModifica

SingoliModifica

  • 1964 - Baa Baa Blacksheep (come Bo Pete)
  • 1964 - Do You Wanna (Have Some Fun) (come Bo Pete)
  • 1964 - Donna I Understand (come Johnny Niles)
  • 1964 - Sixteen Tons
  • 1965 - You Can't Take Your Love Away From Me
  • 1965 - The Path That Leads to Trouble
  • 1966 - She's Yours
  • 1967 - Without Her
  • 1967 - You Can't Do That
  • 1967 - River Deep - Mountain High
  • 1967 - Good Old Desk
  • 1968 - One
  • 1968 - Everybody's Talkin'
  • 1969 - I Will Take You There
  • 1969 - Good Times
  • 1969 - Maybe
  • 1969 - I Guess the Lord Must Be in New York City
  • 1970 - Waiting
  • 1970 - Caroline
  • 1970 - Down to the Valley
  • 1971 - Me and My Arrow
  • 1971 - Without You
  • 1972 - Jump into the Fire
  • 1972 - Coconut
  • 1972 - Joy (come Buck Earle)
  • 1972 - Spaceman
  • 1972 - Remember (Christmas)
  • 1973 - As Time Goes By
  • 1974 - Daybreak
  • 1974 - Many Rivers to Cross
  • 1974 - Subterranean Homesick Blues
  • 1974 - Save the Last Dance for Me
  • 1974 - Don't Forget Me
  • 1974 - A Toot and a Snore in '74 (come Nilssonm, con John Lennon, Paul McCartney, Stevie Wonder)
  • 1975 - A Love Like Yours (con Cher)
  • 1975 - Kojak Columbo
  • 1976 - Something True
  • 1976 - Sail Away
  • 1976 - Just One Look/Baby I'm Yours (con Lynda Laurence)
  • 1977 - Who Done It?
  • 1977 - All I Think About Is You
  • 1977 - Lean On Me
  • 1978 - Ain't It Kinda Wonderful
  • 1980 - I Don't Need You
  • 1980 - Rain
  • 1982 - With a Bullet
  • 1984 - Loneliness

NoteModifica

  1. ^ (EN) Harry Nilsson, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 30 ottobre 2018.  
  2. ^ Bordone, Merry Melodies. Il pop in 100 album fondamentali.

BibliografiaModifica

  • Nick Logan e Bob Woffinden, Enciclopedia del rock, Milano, Fratelli Fabbri Editore, 1977.
  • The Point (1971). URL consultato il 10 febbraio 2019.
  • Carlo Bordone, Merry Melodies. Il pop in 100 album fondamentali, in Mucchio Extra, nº 22, Stemax Coop, estate 2006.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN115794039 · ISNI (EN0000 0000 8184 4678 · LCCN (ENn91127356 · GND (DE134473752 · BNF (FRcb139220032 (data) · WorldCat Identities (ENn91-127356