Harry Potter e il calice di fuoco (film)

film del 2005 diretto da Mike Newell
Harry Potter e il calice di fuoco
Harry Potter 4 006.JPG
Albus Silente (Michael Gambon) e Barty Crouch (Roger Lloyd Pack) davanti al calice di fuoco in una scena del film
Titolo originaleHarry Potter and the Goblet of Fire
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneRegno Unito, Stati Uniti d'America
Anno2005
Durata157 min
Rapporto2,40:1
Generefantastico, avventura, drammatico
RegiaMike Newell
SoggettoJ. K. Rowling (romanzo)
SceneggiaturaSteve Kloves
ProduttoreDavid Heyman
Produttore esecutivoDavid Barron, Tanya Seghatchian,
Casa di produzioneWarner Bros., Heyday Films, 1492 Pictures
FotografiaRoger Pratt
MontaggioSteven Weisberg
Effetti specialiJim Mitchell, Tim Alexander, Timothy Webber, John Richardson
MusichePatrick Doyle
ScenografiaStuart Craig
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Harry Potter e il calice di fuoco (Harry Potter and the Goblet of Fire) è un film del 2005 diretto da Mike Newell, adattamento cinematografico dell'omonimo romanzo, quarto episodio della serie di Harry Potter, scritta da J. K. Rowling.

TramaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Harry Potter e il calice di fuoco § Trama.

Harry Potter, nel sonno, ha una visione stranamente realistica in cui vede il custode di una villa abbandonata venire ucciso da un informe Lord Voldemort, dopo averne spiato una conversazione con Peter Minus, alias Codaliscia, fuggito poche settimane prima, e un uomo sconosciuto a cui Voldemort assegna il compito di catturare il giovane ragazzo. Invitato alla Tana dall'amico Ron Weasley, Harry assiste successivamente all'emozionante finale della Coppa del Mondo di Quidditch tra Irlanda e Bulgaria, assieme a Hermione Granger, alla famiglia Weasley, a Cedric Diggory e a suo padre Amos. Durante i festeggiamenti per i vincitori, alcuni celebri Mangiamorte, i seguaci di Voldemort, comparsi inaspettatamente dopo un decennio di latitanza e inattività, seminano il panico. Tra di loro vi è il misterioso uomo del sogno di Harry, che lancia nel cielo il famoso e terribile simbolo del Signore Oscuro, il Marchio Nero.

Il trio fa ritorno a Hogwarts per frequentare il quarto anno di istruzione. Il nuovo professore di Difesa contro le Arti Oscure è il celebre ed eccentrico ex Auror Alastor Moody (detto anche Malocchio Moody), che nel corso delle sue lezioni si dimostrerà parecchio coraggioso, severo e soprattutto anticonformista: infatti mostrerà all'intera classe le tre Maledizioni Senza Perdono, tra cui l'Anatema che Uccide, l'Avada Kedavra. Durante l'anno Harry si trova coinvolto suo malgrado nel Torneo Tremaghi, una leggendaria competizione che prevede il superamento di tre pericolose prove di abilità. In teoria, il giovane mago non poteva parteciparvi, dato che solo i ragazzi maggiori di 17 anni potevano essere estratti per il torneo, ma il nome di Harry uscirà inaspettatamente dal Calice di fuoco (dal quale escono i nomi per i ragazzi del torneo). Harry deve quindi competere con altri tre talentuosi maghi, due provenienti da scuole diverse: Viktor Krum (celebre Cercatore della squadra di Quidditch bulgara) da Durmstrang, Fleur Delacour da Beauxbatons e Cedric Diggory, quest'ultimo della sua stessa scuola, appartenente alla casa di Tassorosso. Harry avrà anche uno scontro con Ron, convinto che l'amico non voglia condividere con lui le modalità della sua iscrizione al torneo.

Harry riesce a superare la prima prova (sconfiggere un drago, un Ungaro Spinato) e la seconda (salvare un amico dal Lago Nero infestato da Maridi); l'ultima prova consiste nel superare un labirinto disseminato di pericolosi ostacoli magici per recuperare il trofeo, la Coppa Tremaghi, posta al centro di esso, che si rivelerà essere, a sorpresa, una Passaporta. Harry e Cedric la toccano contemporaneamente e vengono trasportati in uno spettrale cimitero, dove ad attenderli c'è Peter Minus, che uccide Cedric su ordine di Voldemort. Ha così inizio il rituale di resurrezione del terribile Voldemort: Minus si taglia una mano, gettandola nel calderone, nel quale si trova anche la forma semiumana del Signore Oscuro, poi recupera le ossa del padre di Voldemort, Tom Riddle Senior, sepolto in quel cimitero, e infine preleva del sangue da Harry con un pugnale. Voldemort risorge e affronta Harry, ma senza successo: il ragazzo viene aiutato a fuggire dagli spiriti dei suoi genitori, di Cedric e del custode, fuoriusciti dalla bacchetta di Voldemort dopo il singolare fenomeno del Prior Incantatio, dovuto ai nuclei gemelli delle due bacchette magiche. Il ragazzo riesce quindi a ritornare a Hogwarts, sempre grazie alla Passaporta, portando con sé il corpo di Cedric.

Harry comunica a tutti che Lord Voldemort è risorto. Moody cerca di farsi raccontare da Harry gli avvenimenti del cimitero, facendo insospettire Harry, poiché egli non aveva accennato al luogo dell'accaduto; Moody diventa sempre più nervoso e tenta di aggredire Harry, ma il preside Albus Silente e i professori Minerva McGranitt e Severus Piton riescono a smascherarlo: egli è infatti Barty Crouch Jr., figlio del responsabile del torneo, Barty Crouch Sr., e fedele servitore di Voldemort, il quale assumeva costantemente la Pozione Polisucco per prendere le sembianze di Alastor Moody. Era infatti stato lui a iscrivere Harry al torneo e ad aver stregato la Passaporta affinché trasportasse Harry da Voldemort. Viene infine celebrata nella Sala Grande una commemorazione funebre in onore di Cedric Diggory, prima vittima della nuova ascesa del Signore Oscuro. Il film si conclude con il ritorno a casa delle due scuole, Durmstrang e Beauxbatons, osservato da una terrazza da Harry, Ron e Hermione.

ProduzioneModifica

Il film è stato prodotto da David Heyman e sceneggiato da Steve Kloves. La pre-produzione del quarto film si è avviata nel dicembre 2003, mentre le riprese sono incominciate il 4 marzo 2004. Il film è stato girato principalmente negli Studio Leavesden, e le riprese sono terminate a novembre 2004; il budget del film è stato di circa 150000000 $.[1]

La band che suona durante il Ballo del Ceppo è composta da alcuni famosi musicisti come Jarvis Cocker dei Pulp, Philip Selway e Jonny Greenwood dei Radiohead. Inizialmente era prevista la partecipazione dei Franz Ferdinand, ma a causa di altri impegni la band britannica ha dovuto rinunciare.[2] La band nel libro viene chiamata "Sorelle Stravagarie" (Weird Sisters), ma per motivi di copyright nel film è rimasta senza nome.[3]

Colonna sonoraModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Harry Potter e il calice di fuoco (colonna sonora).

DistribuzioneModifica

Data di uscitaModifica

Il film è stato distribuito dalla Warner Bros. a partire dal 18 novembre 2005 nelle sale nel Regno Unito e negli Stati Uniti, e dal successivo 25 novembre in quelle italiane.

Edizioni home videoModifica

Il film è stato commercializzato come DVD in Italia il 22 marzo 2006. È stato distribuito in diverse edizioni, tra cui una in disco singolo e un'altra in disco doppio. Sono state commercializzate due versioni diverse: la prima (dal nome Harry Potter e il calice di fuoco: Special Edition) e la seconda (chiamata Harry Potter e il calice di fuoco: Deluxe Edition). La seconda di queste contiene più speciali negli extra. Nel 2007 è stata distribuita anche la versione del film in alta definizione sotto forma di BD e in HD DVD.

IncassiModifica

Il quarto film ha ottenuto un ottimo incasso internazionale di 897099794 $; negli Stati Uniti il film ha incassato 290013036 $,[1] mentre in Italia circa 20127756 .

AccoglienzaModifica

CriticaModifica

Il film viene accolto con recensioni positive. Sul sito Rotten Tomatoes ottiene l'88% delle recensioni professionali positive. Sul sito IMDb ottiene un voto di 7.7/10 e su Metacritic raggiunge un punteggio di 81/100.

RiconoscimentiModifica

Differenze tra libro e filmModifica

  • Nel sogno di Harry che rappresenta l'incipit del romanzo, sono presenti solamente Voldemort, Codaliscia e il guardiano Frank. Barty Crouch Jr. non appare in quella scena, come invece accade nel film.
  • All'inizio del film Harry si trova già alla Tana in previsione della Coppa del Mondo di Quiddich. Nel libro è invece presente una sequenza ambientata a casa dei Dursley che vede i Weasley passare a prendere Harry.
  • Non viene menzionata la vicenda della sparizione di Bertha Jorkins, presente nel libro.
  • Nel film vediamo il Ministro della Magia Cornelius Caramell arbitrare e commentare la finale della Coppa del Mondo; quest'ultimo ruolo nei libri è rivestito da Ludo Bagman, personaggio assente nel film.
  • La partita di Quiddich, dettagliatamente descritta nel libro, non viene mostrata e il risultato viene esplicitato solo in seguito.
  • È stato rimosso il personaggio di Winky, l'elfa domestica di Barty Crouch, la quale si trova in tribuna durante la partita e viene in seguito ritrovata nei pressi del luogo dove è stato evocato il Marchio Nero.
  • Nel libro le delegazioni di Beauxbatons e Durmstrang giungono ad Hogwarts la sera di Halloween, mentre nel film fanno il loro arrivo ancora prima che Silente abbia modo di introdurre il Torneo Tremaghi. Inoltre, sempre nel libro, queste due scuole sono miste come Hogwarts; invece, nel film Beauxbatons sembra frequentata solo da femmine, e Durmastrang solo da maschi.
  • Il personaggio di Silente reagisce in modo concitato all'estrazione del nome di Harry dal Calice di Fuoco, mentre nel libro mantiene in ogni momento una certa pacatezza.
  • Nel film non avviene la cerimonia della pesa delle bacchette.
  • Quando Hagrid mostra segretamente ad Harry i draghi, nel libro è presente il personaggio di Charlie Weasley, omesso invece dai film.
  • La prima prova del Torneo Tremaghi non dovrebbe vedere la possibilità, per motivi di sicurezza, che il drago lasci l'arena come avviene nel film, essendo esso legato a una catena che gli permette di sollevarsi in volo solo fino a una certa altezza. L'inseguimento attorno ad Hogwarts tra Harry e l'Ungaro Spinato è quindi un'invenzione del film.
  • Nel film non viene menzionato il C.R.E.P.A. (Comitato di Riabilitazione per Elfi Poveri e Abbruttiti) fondato da Hermione.
  • Non essendo stato inserito il personaggio di Ludo Bagman, è anche assente la vicenda della scommessa non rispettata con i gemelli Weasley.
  • Il ruolo di Dobby è stato assimilato al personaggio di Neville Paciock: nei libri è infatti l'elfo domestico a consegnare l'Algabranchia a Harry dopo averla rubata dalle scorte di Piton.
  • Nel film vi è una consistente accelerazione dei tempi fra la seconda e la terza prova: infatti nel libro tra l'assassinio di Barty Crouch e l'episodio del Pensatoio trascorre diverso tempo, nel quale sono presenti, tra l'altro, una visita di Sirius a Hogsmeade e un secondo sogno premonitore di Harry che nel film non vengono mostrati.
  • L'intera sequenza della morte di Crouch è diversa rispetto al libro: qui, Harry s'imbatte in lui, delirante, (in realtà parzialmente libero dall'effetto della maledizione Imperius) mentre sta tornando al castello insieme a Viktor Krum poco dopo lo svolgimento della seconda prova, e lascia lo studente di Durmstrang a sorvegliarlo mentre lui si reca al castello per avvertire Silente. Al suo ritorno tuttavia trova Krum svenuto per uno Schiantesimo e Crouch sparito. In seguito verrà rivelata da Barty Crouch Jr. stesso l'uccisione del padre per sua mano, il corpo tra l'altro non verrà mai trovato poiche è stato trasfigurato in un osso, mentre nel film lo trova Harry stesso.
  • Nel libro Harry assiste a tre processi all'interno del Pensatoio: quello a Igor Karkaroff, quello a Ludo Bagman e quello a Barty Crouch Jr., Bellatrix, Rodolphus e Rabastan Lestrange. Nel film assiste solo al primo di questi, al termine dei quali è lo stesso Karkaroff ad accusare pubblicamente Crouch.
  • La terza prova nel libro consiste nell'affrontare una serie di mostri e tranelli posti all'interno del labirinto come Schiopodi Sparacoda, Mollicci e persino una Sfinge; nel film questi non compaiono e i quattro campioni devono più che altro misurarsi con l'angoscioso ambiente del labirinto, in particolare con le siepi incantate che sembrano ostacolare di proposito il loro cammino.
  • Nel film è assente il racconto di Voldemort su cosa gli sia accaduto nei tredici anni in cui di lui si sono perse le tracce.
  • Durante il Prior Incantatio nel film compaiono solo i fantasmi di Lily, James, Cedric e Frank Bryce, mentre nel libro è presente anche quello di Bertha Jorkins.
  • Manca il racconto di Barty Crouch Jr. che, nel libro, dopo essere stato smascherato, sotto l'effetto del Veritaserum rivela a Silente, sotto gli occhi di Harry, tutta la verità. Non viene fatta menzione neanche della sorte di quest'ultimo, nel libro sottoposto al Bacio del Dissennatore per colpa di una leggerezza commessa da Cornelius Caramel, fatto che causa le ire di Silente.
  • Nel libro Harry devolve tutta la vincita del Tremaghi a Fred e George Weasley, in modo che possano disporre dei fondi per aprire il loro negozio di scherzi magici. Nel film questo non accade.

SequelModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Harry Potter e l'Ordine della Fenice (film).

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Harry Potter e il calice di fuoco, su Box Office Mojo. URL consultato il 24 gennaio 2019.  
  2. ^ Harry Potter, fuori i Franz Ferdinand e dentro il chitarrista dei Radiohead, Rockol, 21 novembre 2004. URL consultato il 28 dicembre 2014.
  3. ^ Wyrd Sisters keep fighting the good fight, fan mail or not, Canada.com, 4 agosto 2007. URL consultato il 28 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 29 settembre 2015).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN227375274 · LCCN (ENno2006000014 · GND (DE7525582-0