Hashemiti

dinastia araba, oggi regnante in Giordania

Con i termini hashemita, hascemita, ascemita e ascimita si indicarono dapprima i discendenti di Hāshim ibn ῾Abd Manāf, antenato (bisnonno) di Maometto, e i parenti di quest'ultimo.

Casato di Hashim
Stato Hegiaz
Bandiera della Giordania Giordania
Bandiera dell'Iraq Iraq
Siria
Casata di derivazioneBanu Hashim un ramo della tribù dei Quraysh
Titoli
FondatoreAl-Ḥusayn ibn ʿAlī Himmat, Sharīf della Mecca
Ultimo sovranoHijaz: Ali ibn al-Husayn
Iraq: Fayṣal II
Attuale capoGiordania: Re ʿAbd Allāh II
Iraq: Ra'ad bin Zeid
al-Ḥusayn ibn ʿAlī.

In età moderna con queste parole si designano i membri di una dinastia (dinastia ascemita) fondata nel 1916 dallo sceicco di La Mecca Al-Ḥusain ibn Ali, la quale dominò prima nell'Hegiaz in Arabia, poi in Iraq e Transgiordania, e da ultimo (con Abd Allah I, Hussein e, dal 1999, Abd Allah II), nel regno ascemita di Giordania[1].

Storia modifica

Origini modifica

In particolare, nel XX secolo, con il termine ascemita (e relative varianti) ci si riferì spesso alla discendenza dello sharīf di La Mecca al-Ḥusayn ibn ʿAlī, animatore nel corso della prima guerra mondiale della rivolta araba, la cui guida militare venne affidata al figlio Fayṣal (poi re di Siria e in seguito dell'Iraq), consigliato e sostenuto militarmente dal colonnello britannico Thomas Edward Lawrence (detto Lawrence d'Arabia) e dal Regno Unito.

Ascesa modifica

La Gran Bretagna aveva promesso agli ascemiti la creazione di uno Stato arabo indipendente, dalla Siria fino al Golfo Persico, in cambio del loro aiuto contro l'impero ottomano. Per la mancata osservanza di quanto pattuito nel carteggio intercorso tra lo sceicco di La Mecca e il plenipotenziario britannico, Henry McMahon, Londra indennizzò la famiglia ascemita consentendo che in Transgiordania diventasse emiro ʿAbd Allāh, mentre un terzo fratello, Alī, divenne per breve tempo re dell'Hegiaz, succedendo a suo padre, fino a quando contro il giovane regno si scagliarono nel 1925 le vittoriose truppe saudite di ʿAbd al-ʿAzīz Āl Saʿūd.

Epoca recente modifica

Di queste entità ascemite sopravvive solo quella giordana, mentre quella irachena soccombette nel 1958 al colpo di Stato militare condotto dal generale ʿAbd al-Karīm Qāsim (noto in Occidente come Kassem).

Genealogia modifica

 al-Ḥusayn ibn ʿAlī (1854-1931), Sceicco della Mecca e re del Ḥijāz
= ʿAbdiya b. ʿAbd Allah
│
├── Ali ibn al-Husayn (1879–1935), re dell'Hegiaz
│   = Nafīsa Khanūm
│   │
│   ├── Khadīja ʿAbdiya (1907-1958)
│   │
│   ├── ʿAliya (1911-1950)
│   │   = S.M. Ghāzī I re d'Iraq
│   │
│   ├── Abd al-Ilah ibn Ali al-Hashimi (1913-1958)
│   │   = Malik
│   │   = Fayza
│   │   = Hiyam
│   │
│   ├── Badiya (1920_...)
│   │   = S.A. lo sharīf al-Ḥusayn b. ʿAlī
│   │
│   └── Jalīla (1923-...)
│       = Sharīf Aḥmad Hāzim
│
├── ʿAbd Allah I di Giordania (1882-1951), Re di Transgiordania
│   = Musbah bint Nāṣer
│   │
│   ├── Haya bint ʿAbd Allāh (1907–1990)
│   │   = ʿAbd al-Karīm Jaʿfar Zayd Dhawī
│   │
│   ├── Ṭalāl I (1909-1972), re di Giordania
│   │   = Zayn al-Sharaf Ṭalāl
│   │   │
│   │   ├── al-Ḥusayn I (1935-1999), re di Giordania
│   │   │   = Sharīfa Dīnā bint ʿAbd al-Ḥamīd
│   │   │   │ 
│   │   │   └── ʿAlia bint al-Ḥusayn (1956-viv.)
│   │   │       = Sayyid Nāser Mīrzā
│   │   │       = Sayyid Muḥammad al-Ṣāleḥ
│   │   │
│   │   │   = Antoinette Avril Gardiner
│   │   │   │
│   │   │   ├── Abd Allah II di Giordania (1962-viv.), re di Giordania
│   │   │   │   = Rānia al-ʿAbd Allāh
│   │   │   │   │
│   │   │   │   ├── Husayb (1994-viv.)
│   │   │   │   │
│   │   │   │   ├── Īmān (1996-viv.)
│   │   │   │   │
│   │   │   │   ├── Salma (2000-viv.)
│   │   │   │   │
│   │   │   │   └── Hāshim (2005-viv.)
│   │   │   │
│   │   │   ├── Fayṣal b. al-Ḥusayn (1963-viv.)
│   │   │   │   = ʿAliya Tabbaʿ
│   │   │   │   │
│   │   │   │   ├── Ayah (1990-viv.)
│   │   │   │   │
│   │   │   │   ├── ʿUmar (1993-viv.)
│   │   │   │   │
│   │   │   │   ├── Sārā (1997-viv.)
│   │   │   │   │
│   │   │   │   └── ʿĀʾisha (1997-viv.)
│   │   │   │
│   │   │   ├── ʿĀʾisha bint al-Ḥusayn (1968-viv.)
│   │   │   │   = Sayyid Muḥammad al-Ṣāleḥ
│   │   │   │
│   │   │   └── Zayn bint al-Ḥusayn (1968-viv.)
│   │   │       = Sayyid Majdī al-Ṣāleḥ
│   │   │
│   │   │   = ʿAliya Bāhā al-Dīn Tūqān
│   │   │   │
│   │   │   ├── Haya (1974-viv.)
│   │   │   │   = Mohammed bin Rashid Al Maktūm, emiro di Dubai
│   │   │   │
│   │   │   └── ʿAlī ibn al-Ḥusayn
│   │   │       = Rym Brāhīmī
│   │   │       │
│   │   │       ├── Jalīla
│   │   │       │
│   │   │       └── ʿAbd Allāh
│   │   │
│   │   │   = Elisabeth Najīb Ḥalabī
│   │   │   │
│   │   │   ├── Ḥamza ibn al-Ḥusayn (1980-viv.)
│   │   │   │   = Nūr bint ʿAsem
│   │   │   │   │
│   │   │   │   └── Hayah
│   │   │   │
│   │   │   ├── Hāshim bin al-Ḥusayn (1981-viv.)
│   │   │   │   = Faḥda Muḥammad Abū Nayyān
│   │   │   │   │
│   │   │   │   ├── Hāla
│   │   │   │   │
│   │   │   │   └── Rayat al-Nūr
│   │   │   │
│   │   │   ├── Īmān bint al-Ḥusayn (1983-viv.)
│   │   │   │
│   │   │   └── Rayah bint al-Ḥusayn (1986-viv.)
│   │   │
│   │   ├── Asmāʾ (1937)
│   │   │
│   │   ├── Muḥammad bin Ṭalāl (1940-viv.)
│   │   │   = Firyāl Irshayd
│   │   │   │
│   │   │   ├── Ṭalāl ibn Muḥammad (1965-viv.)
│   │   │   │   = Ghīda Salām
│   │   │   │   │ 
│   │   │   │   ├── al-Ḥusayn (1999-viv.)
│   │   │   │   │ 
│   │   │   │   ├── Rajaʿ (2001-viv.)
│   │   │   │   │ 
│   │   │   │   └── Muḥammad (2001-viv.)
│   │   │   │ 
│   │   │   └── Ghāzī bin Muḥammad (1966-viv.)
│   │   │
│   │   ├── al-Ḥasan ibn Ṭalāl (1947-viv.)
│   │   │   = Sarwāth Ikrām Allāh
│   │   │   │
│   │   │   ├── Raḥma bint al-Ḥasan (1969-viv.)
│   │   │   │   = ʿAlāʾ Batayne
│   │   │   │
│   │   │   ├── Sumaya bint al-Ḥasan (1971-viv.)
│   │   │   │   = Nāṣer Judeh
│   │   │   │
│   │   │   ├── Bādiya bint al-Ḥasan (1974-viv.)
│   │   │   │   = Khāled Edward Blair
│   │   │   │
│   │   │   └── Rāshid ibn al-Ḥasan (1979-viv.)
│   │   │
│   │   ├── Muḥsin ibn Ṭalāl
│   │   │
│   │   └── Basma bint Ṭalal (1951-viv.)
│   │
│   └── Munīra bint ʿAbd Allāh (1915–1987)
│
│   = Suzdil Khanūm
│   │
│   ├── Nayef ibn ʿAbd Allāh (1914-1983)
│   │   = Mihrimâh Selcuk Sulṭān (1922-2000)
│   │   │
│   │   └── ʿĀsem ibn al-Natif (1948-viv.)
│   │      = Firouze Vokhshouri
│   │      │
│   │      ├── Yāsmīn bint ʿĀsem (1975-viv.)
│   │      │   = Mr Basel Yaghnam
│   │      │
│   │      ├── Sara bint ʿĀsem (1978-viv.)
│   │      │   = Alejandro Garrido
│   │      │
│   │      └── Nūr bint ʿĀsem (1982-viv.)
│   │          = Ḥamza ibn al-Ḥusayn
│   │ 
│   │      = Sana ʿĀsem
│   │      │
│   │      ├── Salha bint ʿĀsem (1987-viv.)
│   │      │
│   │      ├── Nejla bint ʿĀsem (1988-viv.)
│   │      │
│   │      └── Nāyef ibn ʿĀsem (1998-viv.)
│   │
│   └── Maqbūla bint ʿAbd Allāh (1921-2001)
│       = al-Ḥusayn ibn Nāṣer
│
├── Fāṭima
│
└── Fayṣal I, re d'Iraq
    = Huzayma bint Nāser
    │
    ├── ʿAzza bint Fayṣal
    │
    ├── Rajīha bint Fayṣal
    │
    ├── Rayfia bint Fayṣal
    │
    └── Ghazi I d'Iraq (1912-1939)
        = ʿAliya bint ʿAlī (1911-1950)
        │
        └── Faysal II d'Iraq (1935-1958)
= Madīha
│
└── Ṣāliḥa
= ʿĀdila Khānūm
│
├── Sārā
│
└── Zeid bin Hussein (1898-1970) pretendente alla corona d'Iraq
    = Fakhr al-nisāʾ Kabaağaç
     │
     └── Ra'ad bin ZeidRa (1936-...), pretendente alla corona d'Iraq
         = Margaretha Inga Elisabeth Lind
          │
          ├── Zeid Ra'ad Al Hussein (1964-...)
          │   = Sarah Butler
          │   │
          │   ├── Ra'ad bin Zeid (2001-...)
          │   │
          │   ├── Hala bin Zeid (2003-...)
          │   │
          │   └── Azizah
          │
          │
          ├── Mired Ra'ad Al Hussein (1965-...)
          │   = Dīnā Khalīfe
          │
          ├── Fīrās ibn Ra'ad (1969-...)
          │   = Dānā Tūqān
          │
          ├── Faysal ibn Ra'ad (1975-...)
          │   = Lara Sukhtian
          │
          └── Fakhr al-nisāʾ bint Ra'ad (1981-...)
              = Sharīf Ḥajjār

Note modifica

  1. ^ hashemita, su treccani.it. URL consultato l'11 gennaio 2016.

Bibliografia modifica

  • Thomas Edward Lawrence, Seven Pillars of Wisdom, Oxford University Press, 1922. Rist. New York City, Penguin Book, 2000 (ed. ital. I sette pilastri della saggezza, Milano, Bompiani, 1949 e succ. ristampe).
  • Clifford Edmund Bosworth, The New Islamic Dynasties, Edimburgo, Edinburgh University Press, 1996.
  • George Antonius, The Arab Awakening, New York City, Capricorn Books, 1946.

Voci correlate modifica

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN40181814 · GND (DE119140764 · J9U (ENHE987007550733605171 · WorldCat Identities (ENviaf-40181814