Hawkhurst

Hawkhurst
Villaggio e Parrocchia civile
Hawkhurst – Veduta
Simbolo di Hawkhurst, High Street
Localizzazione
StatoRegno Unito Regno Unito
Regione/area/distrettoSud Est
ConteaKent
DistrettoTunbridge Wells
Territorio
Coordinate51°02′50″N 0°31′02″E / 51.047222°N 0.517222°E51.047222; 0.517222 (Hawkhurst)
Superficie26,33 km²
Abitanti4 360 (2001)
Densità165,59 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postaleTN18
Prefisso01580
Fuso orarioUTC+0
Cartografia
Mappa di localizzazione: Regno Unito
Hawkhurst
Hawkhurst

Hawkhurst è un villaggio e parrocchia civile inglese del Kent, nel borough di Tunbridge Wells.

La parrocchia si trova a sud-est di Tunbridge Wells. Hawkhurst stessa è costituita virtualmente da due villaggi. Uno, il più antico, consiste principalmente di cottage raggruppati intorno ad un'ampia area triangolare, nota come The Moor, mentre l'altro, più ancora a nord sulla strada principale è chiamato Highgate, che si trova su un incrocio di strade e ospita i negozi e gli alberghi.

Dal cambio dei confine con le elezioni generali del 2010, Hawkhurst fa parte del collegio elettorale di Tunbridge Wells.

Origini del nomeModifica

Il nome Hawkhurst deriva dall'inglese antico heafoc hyrst, che significa "collina boscosa frequentata da i falchi". Nei registri del Catasto monastico (Domesday Monacorum) dell'XI secolo, è nominata come Hawkashyrst ed appartenente all'Abbazia di Battle; nel 1254 il nome è registrato come Hauekehurst; nel 1278 è spesso citato come Haukhurst; dal 1610 è cambiato in Hawkherst, che si è evoluto nella denominazione attuale.[1][2]

StoriaModifica

Hawkhurst ha una storia documentata di oltre 1.000 anni. L'insediamento più antico è stato la residenza sassone di Congehurst, che fu incendiata dai danesi nell'893 (vi è ancora un vicolo con questo nome nella parte orientale del villaggio).

Il ferroModifica

Il villaggio si trova al centro di una zona di lavorazione del ferro del Weald fin dai tempi dei Romani.[3][4]

Il Weald produceva oltre un terzo di tutto il ferro prodotto in Inghilterra e sono stati trovati oltre 180 siti di lavorazione in quest'area. Il minerale di ferro veniva estratto da letti di argilla, quindi scaldato con carbone di legna, ottenuto dagli abbondanti boschi della zona. Esso venne utilizzato per ogni applicazione, dalle navi romane ai cannoni medievali e molte delle strade romane nella zona furono costruite per trasportare il ferro. William Penn, fondatore della Pennsylvania, era proprietario di fonderie e forge ad Hawkhurst.[5]

L'attività ebbe declinò durante il periodo della Rivoluzione industriale del XVIII secolo, quando il carbone divenne il combustibile preferito per le fonderie e non poteva essere ricavato sul posto.

Il luppoloModifica

 
Una caratteristica oast house, forno per l'essiccazione del luppolo

Nel XIV secolo Edoardo III, volendo rompere il monopolio fiammingo sulla tessitura, incoraggio operatori tessili fiamminghi a venire in Inghilterra. Molti di loro scelsero di stabilirsi nel Weald, poiché vi erano tutti gli elementi necessari a quest'industria: querce per costruire mulini, corsi d'acqua per alimentarli e argilla smectica per trattare i tessuti. Molti benestanti proprietari terrieri investirono nella coltivazione del luppolo. La Hawkhurst Brewery and Malthouse fu fondata nel 1850, ai margini di The Moor (oggi è una normale casa di civile abitazione).

La coltivazione del luppolo diede anche un profilo caratteristico alla zona, con i campi di luppolo e le oast houses, cioè i forni speciali per l'essiccazione di quest'ultimo. Oggi la maggior parte del luppolo è importata, ma al momento del maggior splendore di quest'attività esistevano in Inghilterra 140 km2 di terreno coltivato a luppolo, la maggior parte del quale si trovava nel Kent, compresa la gran parte intorno a Hawkhurst. Di quel periodo sono rimaste solo più le oast houses.

La banda di HowkhurstModifica

Verso la metà del XVIII lungo le coste del Kent e del Sussex era molto sviluppato il contrabbando. Nel clima di illegalità ad esso legata, si formò ad Hawkhurst una banda di criminali, detta Holkhourst Genge, che terrorizzò la zona intorno al villaggio dal 1735 and 1749. Era la banda più famosa fra quelle che si erano formate nel Kent e che spadroneggiavano nella zona costiera meridionale inglese. Queste, grazie agli alti dazi imposti sui beni di lusso, che avevano favorito lo sviluppo del contrabbando, trattavano fra l'altro brandy, seta e tabacco, provenienti da Rye e da Hastings, che venivano immagazzinati in cantine e luoghi nascosti, prima di venir rivendute in loco.

Infine, in una "battaglia" contro la milizia di Goudhurst, nel 1747, la banda venne decimata, i suoi capi, Arthur Gray e Thomas Kingsmill catturati e giustiziati, e il predominio criminale ebbe termine.

Ecco che cosa scrisse in proposito Rudyard Kipling, che visse a Bateman's vicino a Burwash, nel suo A Smuggler's Poem:

(EN)

«If you wake at midnight, and hear a horse's feet,
Don't go drawing back the blind, or looking in the street,
Them that ask no questions isn't told a lie.
Watch the wall my darling while the Gentlemen go by.»

(IT)

«Se ti svegli a mezzanotte ed odi lo scalpitio di cavalli,
non tirare le tendine, e non guardare la strada,
a coloro che non fanno domande non si dicono menzogne.
Guarda il muro mia cara mentre questi gentiluomini se ne vanno»

(Rudyard Kipling, A Smuggler's Poem)

NoteModifica

  1. ^ (EN) Judith Glover, The Place Names of Kent, ISBN 0-905270-61-4
  2. ^ (EN) P.H.Reaney, The Origin of English Place Names, ISBN 0-7100-2010-4
  3. ^ (EN) M.C. Delany, Mary Cecilia Delany, Internet Archive (TXT), in The historical geography of the Wealden iron industry, Benn Brothers Ltd, London, 1921, p. 25. URL consultato il 21 agosto 2009.
  4. ^ (EN) Open Plaques, in Hawkhurst, p. Note #1470. URL consultato il 21 agosto 2009 (archiviato dall'url originale il 25 luglio 2010).
  5. ^ (EN) The Gombach Group, Living Places, in Pennsylvania Forges and Furnaces, Julia Gombach, 1997–2007. URL consultato il 21 agosto 2009.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN157114596 · LCCN (ENn81048269 · J9U (ENHE987007561895405171 · WorldCat Identities (ENlccn-n81048269
  Portale Regno Unito: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Regno Unito