Apri il menu principale
Ḥaydar Jawwād al-ʿAbādī
حيدر ﺟﻮﺍﺩ العبادي
Haider al-Abadi January 2015.jpg

Primo ministro dell'Iraq
Durata mandato 11 agosto 2014 –
25 ottobre 2018
Presidente Fu'ad Ma'sum
Barham Salih
Predecessore Nuri al-Maliki
Successore Adil Abdul-Mahdi

Ministro delle Comunicazioni dell'Iraq
Durata mandato 1º settembre 2003 –
1º giugno 2004
Predecessore Mohammed Saeed al-Sahhaf
Successore Mohammed Ali Hakim

Leader dell'Alleanza della Vittoria
In carica
Inizio mandato 14 dicembre 2017
Predecessore carica istituita

Vice-Leader del Partito Islamico Da'wa
Durata mandato 15 gennaio 2007 –
8 settembre 2014
Predecessore Nuri al-Maliki
Successore Baha Araji

Dati generali
Partito politico Partito Islamico Da'wa
Titolo di studio Università di Baghdad
Università di Manchester
Professione politico

Ḥaydar Jawwād al-ʿAbādī, anche conosciuto come al-ʿIbādī (in arabo: حيدر ﺟﻮﺍﺩ العبادي‎; Baghdad, 25 aprile 1952), è un politico iracheno. È stato il Primo ministro dell'Iraq dall'11 agosto 2014, quando venne nominato dal nuovo presidente Fuʾād Maʿṣūm in sostituzione dell'ex premier Nuri al-Maliki, al 25 ottobre 2018.

BiografiaModifica

Musulmano sciita come il suo predecessore, ha conseguito il dottorato di ingegneria elettronica all'Università di Manchester. Entrò nel partito Daʿwa mentre si trovava nel Regno Unito e i suoi tre fratelli furono arrestati nel 1980, 1981 e 1982 per il fatto di militare in quello stesso partito.[1]

Tornato in patria nel 2003, a seguito dell'intervento militare anglo-statunitense in Iraq e al rovesciamento del regime dittatoriale di Saddam Hussein, entrò tuttavia presto in polemica con le linee di condotta volute da Paul Bremer, il governatore civile imposto all'Iraq dal Presidente George W. Bush Jr., che intendeva smantellare l'apparato industriale di Stato per privatizzarlo.

È stato ministro delle Comunicazioni in Iraq, riuscendo in questa posizione a resistere alle pressioni di privatizzazione avanzate dall'occupante, riuscendo anche a svelare le trame di alcune manovre illecite, dietro le quali si celava l'opera del vice sottosegretario statunitense alla Difesa John A. Shaw, poi costretto a rassegnare le proprie dimissioni il 10 dicembre del 2004.[2][3][4].

Fu eletto al Parlamento iracheno nel dicembre del 2005 e presiedette la commissione parlamentare per l'Economia, Investimenti e Ricostruzione. Fu rieletto nel 2010 come rappresentante della capitale Baghdad.
Nel 2013 fu Presidente della commissione Finanze, partecipando in maniera attiva alla non facile discussione riguardante il bilancio dello Stato per il 2013.[5]

NoteModifica

  1. ^ Biografia di al-ʿAbādī su CNN in arabo (articolo in arabo)
  2. ^ T. Christian Miller, Pentagon Ousts Official Under FBI Investigation, Los Angeles Times, , December 11, 2004
  3. ^ WashingtonTimes.com
  4. ^ FT.com
  5. ^ Omar al-Shaher, Iraqi Parliament Struggles to Ratify Budget Amid Political Crisis, in Al-Monitor Iraq Pulse, 17 gennaio 2013. URL consultato l'11 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 3 febbraio 2019).

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN20147663015660551722 · GND (DE1116060396