Apri il menu principale

Heinrich Gustav Hotho

filosofo e storico dell'arte tedesco

Heinrich Gustav Hotho (Berlino, 22 maggio 1802Berlino, 25 dicembre 1873) è stato un filosofo e storico dell'arte tedesco.

Nell'infanzia rimase colpito per due anni da cecità, in conseguenza di un attacco di morbillo. Riuscì a recuperare gli anni di studio perduti, tanto da ottenere la laurea in filosofia nell'Università di Berlino nel 1826. In un anno di viaggi, visitò Parigi, Londra e i Paesi Bassi, appassionandosi all'arte.

A Berlino, nel 1829, fu professore di estetica e di storia dell'arte; nel 1833 fu anche assistente nel museo berlinese.

In una lunga e operosa vita, divisa fra compiti letterari e ufficiali, la sua maggiore ambizione fu quella degli studi storici: sviluppando le teorie estetiche di Hegel - fu un autorevole esponente della Destra hegeliana - dal 1842 diede un importante contributo allo studio della pittura tedesca e fiamminga; dal 1853 al 1858 revisionò parte di quest'opera, pubblicando "La scuola di Hubert van Eyck e i suoi precursori e contemporanei tedeschi".

Rimase invece incompiuta una sua storia della pittura cristiana, mentre modesta rimane la sua conoscenza della pittura italiana.

BibliografiaModifica

  • Heinrich Gustav Hotho, De philosophia cartesiana, Berlino, 1826.
  • Heinrich Gustav Hotho, Vorstudien für Leben und Kunst, a cura di Bernadette Collenberg-Plotnikov, Stuttgart, 2002.
  • Heinrich Gustav Hotho, Vorlesungen über Ästhetik oder Philosophie des Schönen und der Kunst. Berlin 1833, a cura di Collenberg-Plotnikov, Stuttgart, 2004.
  • Georg Wilhelm Friedrich, Hegels Vorlesungen über die Aesthetik, a cura di Hotho, 3 vol., Berlino, 1835-1838.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN51769122 · ISNI (EN0000 0001 1026 7217 · LCCN (ENn86067517 · GND (DE119154951 · BNF (FRcb12373546t (data) · CERL cnp01432162 · NDL (ENJA00832604 · WorldCat Identities (ENn86-067517
  Portale Filosofia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di filosofia