Apri il menu principale

Heinrich Müller (anatomista)

Heinrich Müller (Castell, 17 dicembre 1820Würzburg, 10 maggio 1864) è stato un anatomista tedesco.

BiografiaModifica

Fu studente in diverse università. Fu influenzato dagli insegnanti di Ignaz Döllinger (1770-1841) a Monaco, Friedrich Arnold (1803-1890) a Friburgo, Jakob Henle (1809-1895) a Heidelberg e Carl von Rokitansky (1804-1878) in Vienna. Nel 1847 conseguì la sua abilitazione a Würzburg, dove dal 1858 fu professore ordinario di anatomia topografica e comparata. Come insegnante, insegnò anatomia sistematica, istologia e microscopia.[1]

Nel 1851 Müller notò il colore rosso nelle cellule a bastoncello ora conosciute come rodopsina; tuttavia viene indicato come scopritore Franz Christian Boll (1849-1879) perché fu in grado di descrivere il suo "ciclo visivo".[2] Müller descrisse le fibre delle cellule neurogliali che costituiscono la struttura di supporto della retina.

NoteModifica

  1. ^ Deutsche Biographie Heinrich Müller
  2. ^ vol. 22, DOI:10.1016/0039-6257(78)90074-7, PMID 345511, https://oadoi.org/10.1016/0039-6257(78)90074-7.

BibliografiaModifica

  • Nachweis der negativen Schwankung des Muskelstroms am naturlich sich contrahirenden Muskel. Verhandlungen der Physikalisch-medizinische Gesellschaft in Würzburg, 1856, 6: 528-533. Di Rudolph Albert von Kölliker (1817-1905) e Heinrich Müller.
  • Zur Histologie der Netzhaut. Zeitschrift für Wissenschaftliche Zoologie, 1851, 3: 234-237.
Controllo di autoritàVIAF (EN77097345 · ISNI (EN0000 0000 1067 8158 · GND (DE117588725 · CERL cnp00539863 · WorldCat Identities (EN77097345