Henri-Lucien Doucet

Carmen, 1884

Henri-Lucien Doucet (Parigi, 23 agosto 1856Parigi, 30 dicembre 1895) è stato un pittore francese.

Maestro anche nell'uso del pastello, si fece notare per i ritratti e, in particolare, per le scene di vita dell'ambiente elegante di Parigi.[1]

BiografiaModifica

Henri Lucien Doucet nacque a Parigi,[2] figlio di un ispettore delle ferrovie della Compagnia d'Orléans.[3] Studiò all'École nationale supérieure des beaux-arts, negli atelier di Jules Joseph Lefebvre e Gustave Boulanger. Nel 1880 vinse il prix de Rome.[4]
Le sue opere illustrano essenzialmente la vita mondana dell'ambiente elegante parigino, con un realismo inizialmente piuttosto audace, ma che col tempo divenne più moderato. Si distinse per i suoi ritratti eseguiti a pastello con particolare maestria. Il suo quadro Après le bal, del 1889, è un soggetto galante nel quale si può scorgere l'influenza dell’Olympia di Édouard Manet, dipinta più di 25 anni prima.

Fra i ritratti di Doucet vanno citati: la cantante Célestine Galli-Marié nel costume dell'opera Carmen (1884), (esposto al Museo di belle arti di Marsiglia), la Princesse Mathilde Bonaparte e Mes parents (1890), (presenti nel Museo di belle arti di Lione), Une Espagnole, (oggi nel Museo di Pontoise), e il ritratto di Betty, del cabaret "Chat Noir" (1889).

Il suo quadro A Skating Party, del 1893, fu esibito alla "Chicago World Fair" e alla "World's Columbian Exposition"

Ricevette una medaglia di prima classe al Salon del 1889 per un pastello, e nel 1891 fu decorato con la Légion d'honneur.
Dopo aver insegnato per qualche anno all'Académie Julian, fu nominato professore di disegno presso l'"École polytechnique".

Henri-Lucien Doucet morì a Parigi a soli 39 anni, nella sua casa in rue Lauriston.[5]

Opere principali conservate nei museiModifica

Elenco parziale.

AllieviModifica

Elenco parziale.

  • Victor Pierre Ménard
  • Jules Benoit-Lévy

Galleria d'immaginiModifica

Scene di vita parigina
Ritratti

NoteModifica

  1. ^ (EN) Benezit
  2. ^ Archivi di Parigi, stato civile ricostituito.
  3. ^ La Compagnia Orléans-Paris era proprietaria della linea ferroviaria che univa le due città.
  4. ^ Gallica, le Rappel
  5. ^ Archivi di Parigi, stato civile digitalizzato del 16° arrondissement, atto di morte n.1410 dell'anno 1895.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN228060621 · ISNI (EN0000 0003 6277 4258 · BNF (FRcb14973054c (data) · ULAN (EN500063144 · WorldCat Identities (EN228060621