Apri il menu principale

Henri-Osvald de La Tour d'Auvergne

cardinale e arcivescovo cattolico francese
Henri-Osvald de la Tour d'Auvergne
cardinale di Santa Romana Chiesa
Rigaud - Portrait du Cardinal de La Tour d'Auvergne.jpg
Ritratto ad olio del cardinale d'Auvergne, opera di Hyacinthe Rigaud
Armoiries de la Tour d'Auvergne-Turenne.svg
Deus mea turris
 
Incarichi ricoperti
 
Nato5 novembre 1671 a Barcy
Ordinato presbiteroin data sconosciuta
Nominato arcivescovo23 marzo 1722 da papa Innocenzo XIII
Consacrato arcivescovo10 maggio 1722 dal cardinale Armand-Gaston-Maximilien de Rohan de Soubise
Creato cardinale20 dicembre 1737 da papa Clemente XII
Deceduto23 aprile 1747 (75 anni) a Parigi
 

Henri-Osvald de La Tour d'Auvergne (Barcy, 5 novembre 1671Parigi, 23 aprile 1747) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico francese. Noto come Cardinal d'Auvergne. Nato da nobile famiglia, era figlio di Fréderic-Maurice de La Tour d'Auvergne e di Henriette-Françoise de Hohenzollern-Hechingen. Era anche nipote del Cardinale de Bouillon.

Indice

BiografiaModifica

Studiò alla Sorbona dove nel maggio del 1695 conseguì il dottorato in teologia.

Ebbe vari canonicati a Strasburgo e a Liegi e fu abate commendatario di Cluny e di varie altre abbazie.

Nel 1719 papa Clemente XI lo elesse arcivescovo di Tours, ma quando il 23 marzo 1722 fu trasferito all'arcidiocesi di Vienne, non aveva ancora ricevuto le bolle di nomina. Fu consacrato il 10 maggio di quello stesso anno, a Parigi, dal cardinale Armand-Gaston de Rohan, vescovo di Strasburgo, co-consacranti Louis de La Vergne de Tressan, vescovo di Nantes e Léonor Goyon de Matignon, vescovo di Coutances.

Nel 1723 fu deputato all'Assemblea del Clero di cui nel 1734 diverrà presidente; dal 1732 al 1742 fu primo elemosiniere del re di Francia.

Il 20 dicembre 1737 papa Clemente XII lo creò cardinale e il 16 settembre 1740 ricevette il titolo di San Callisto.

Nello stesso anno 1740 aveva partecipato al conclave che elesse papa Benedetto XIV.

Genealogia episcopaleModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN199927961 · ISNI (EN0000 0003 5773 2555 · BAV ADV12570690 · WorldCat Identities (EN199927961