Apri il menu principale

Henry Cejudo

artista marziale misto statunitense
Henry Cejudo
OCPA-2005-03-29-125957.jpg
Cejudo, in tuta blu, durante un incontro nel 2005
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 163 cm
Peso 57 kg
Arti marziali miste MMA pictogram.svg
Specialità Lotta
Categoria Pesi mosca
Squadra Stati Uniti Fight Ready
Carriera
Soprannome The Messenger
Combatte da Stati Uniti Phoenix, Stati Uniti
Vittorie 15
per knockout 7
per decisione 8
Sconfitte 2
 

Henry Carlos Cejudo (Los Angeles, 9 febbraio 1987) è un lottatore di arti marziali miste e lottatore statunitense di origini messicane.

Ha vinto la medaglia d'oro nella lotta libera alle Olimpiadi di Pechino quando aveva solo ventun'anni, divenendo il più giovane statunitense ad aver vinto una medaglia alle Olimpiadi.

Combatte nella divisione dei pesi mosca per l'organizzazione statunitense UFC, nella quale è il campione di categoria dal 2018 dopo aver interrotto il regno del precedente campione Demetrious Johnson che durava dal 2012. Nel 2019 vince anche il titolo dei pesi gallo, divenendo il quarto lottatore nella storia della federazione a detenere contemporaneamente due cinture.

Carriera nelle arti marziali misteModifica

IniziModifica

Il 30 gennaio 2013 Cejudo annunciò via Twitter di aver cominciato ad allenarsi per intraprendere una carriera nelle arti marziali miste. Nonostante nella lotta libera combatteva nella categoria dei 55 kg decise di debuttare nelle MMA nei 61 kg. Al primo incontro, a marzo, sconfisse Michael Poe per KO tecnico con una serie di pugni.

Dopo oltre un anno ottenne un record di 6-0 e, prima di firmare per la UFC, era considerato il numero uno dei pesi gallo secondo gli MMA Prospects Report 2013.

Ultimate Fighting ChampionshipModifica

A luglio 2014 Cejudo firmò per la UFC, divenendo il terzo oro olimpico ad aver firmato per questa federazione dopo Mark Schultz e Kevin Jackson. Al suo primo match avrebbe dovuto affrontare Scott Jorgensen all'evento UFC 177 tuttavia, a causa di problemi medici durante la verifica del peso, Cejudo dovette rinunciare all'incontro. Dopo questo avvenimento il presidente UFC Dana White chiese ad Henry di rinunciare a combattere nei pesi mosca e di salire di categoria.

A dicembre debuttò nei pesi gallo contro Dustin Kimura, vincendo il match per decisione unanime. A giugno 2015 sconfisse Chico Camus per decisione all'evento UFC 188, mentre a marzo decise di ritornare nei pesi mosca per fronteggiare Chris Cariaso; anche questa volta ottiene la vittoria per decisione unanime.

A settembre avrebbe dovuto affrontare Joseph Benavidez a UFC 191 ma l'incontro venne cancellato e Cejudo si ritrovò ad affrontare Jussier Formiga a novembre dello stesso anno; questa volta trionfò per decisione non unanime.

Il 23 aprile 2016 ottenne la possibilità di affrontare Demetrious Johnson per il titolo dei pesi mosca UFC: dopo soli 2 minuti e 49 secondi Cejudo venne colpito da una ginocchiata in pieno volto mentre si trovava in clinch e, rimanendo leggermente stordito, tentò di indietreggiare per evitare ulteriori danni, ma il campione lo colpì nuovamente con un diretto al volto e una ginocchiata allo stomaco che lo mandarono al tappeto e, da questa posizione sfavorevole, venne finalizzato per KO tecnico.

A maggio venne scelto come allenatore per la ventiquattresima stagione del reality show The Ultimate Fighter opposto al team guidato da Benavidez e i due si affrontarono il 3 dicembre in occasione della finale della stagione. Alla prima ripresa Cejudo venne penalizzato con la detrazione di un punto per aver colpito per due volte l'inguine di Benavidez mentre nelle due riprese successive entrambi gli atleti andarono a segno con svariate combinazioni di colpi. Alla fine Cejudo venne sconfitto per decisione non unanime, sfavorito anche dalla penalizzazione ricevuta al primo round.

Il 13 maggio avrebbe dovuto affrontare Sergio Pettis a UFC 211 ma tre giorni prima dell'evento si infortunò ad una mano e l'incontro venne cancellato. Il 9 settembre, a UFC 215, vinse per KO tecnico alla seconda ripresa contro Wilson Reis ottenendo anche il riconoscimento Performance of the Night. Il 2 dicembre, a UFC 218, affrontò Pettis vincendo per decisione unanime.

Campione dei pesi mosca UFCModifica

Il 4 agosto 2018, all'evento UFC 227, Cejudo affronta per la seconda volta in carriera il campione Demetrious Johson con in palio il titolo dei pesi mosca: grazie alla sua grande abilità nella lotta riuscì a portare più volte a terra il campione nonostante al primo round avesse accusato alcuni problemi alla caviglia sinistra e alla fine delle cinque riprese venne eletto per decisione non unanime nuovo campione. Entrambi gli atleti vennero premiati con il riconoscimento Fight of the Night.

La prima difesa del titolo si tiene il 19 gennaio 2019, sebbene inizialmente fosse stata organizzata per il 26, contro il campione dei pesi gallo TJ Dillashaw: Cejudo si impone per KO tecnico dopo soli trentadue secondi ottenendo un altro riconoscimento Performance of the Night.

Campione dei pesi gallo UFCModifica

L'8 giugno 2019 affronta il brasiliano Marlon Moraes con in palio il vacante titolo dei pesi gallo (rilasciato da Dillashaw dopo essere risultato positivo all'antidoping dopo il suo incontro con Cejudo): l'oro olimpico riesce a imporsi per TKO al terzo round, divenendo il quarto doppio campione della UFC.

Risultati nelle arti marziali misteModifica

Risultato Record Avversario Metodo Evento Data Round Tempo Luogo Note
Vittoria 15–2   Marlon Moraes KO tecnico (gomitate e pugni) UFC 238: Cejudo vs. Moraes 8 giugno 2019 3 4:51   Chicago, Stati Uniti Vince il titolo dei pesi gallo UFC, Performance of the Night
Vittoria 14–2   TJ Dillashaw KO tecnico (pugni) UFC Fight Night: Cejudo vs. Dillashaw 19 gennaio 2019 1 0:32   New York, Stati Uniti Difende il titolo dei pesi mosca UFC, Performance of the Night
Vittoria 13–2   Demetrious Johnson Decisione (non unanime) UFC 227: Dillashaw vs. Garbrandt 2 4 agosto 2018 5 5:00   Los Angeles, Stati Uniti Vince il titolo dei pesi mosca UFC, Fight of the Night
Vittoria 12–2   Sergio Pettis Decisione (unanime) UFC 218: Holloway vs. Aldo 2 2 dicembre 2017 3 5:00   Detroit, Stati Uniti
Vittoria 11–2   Wilson Reis KO tecnico (pugni) UFC 215: Nunes vs. Shevchenko 2 9 settembre 2017 2 0:26   Edmonton, Canada Performance of the Night
Sconfitta 10–2   Joseph Benavidez Decisione (non unanime) The Ultimate Fighter: Tournament of Champions Finale 3 dicembre 2016 3 5:00   Las Vegas, Stati Uniti Cejudo subì la detrazione di un punto a causa di ripetuti colpi all'inguine
Sconfitta 10–1   Demetrious Johnson KO tecnico (ginocchiate al corpo) UFC 197: Jones vs. Saint Preux 23 aprile 2016 1 2:49   Las Vegas, Stati Uniti Per il titolo dei pesi mosca UFC
Vittoria 10–0   Jussier Formiga Decisione (non unanime) The Ultimate Fighter Latin America 2 Finale: Magny vs. Gastelum 21 novembre 2015 3 5:00   Monterrey, Messico
Vittoria 9–0   Chico Camus Decisione (unanime) UFC 188: Velasquez vs. Werdum 13 giugno 2015 3 5:00   Città del Messico, Messico
Vittoria 8–0   Chris Cariaso Decisione (unanime) UFC 185: Pettis vs. dos Anjos 14 marzo 2015 3 5:00   Dallas, Stati Uniti Ritorna ai pesi mosca
Vittoria 7–0   Dustin Kimura Decisione (unanime) UFC on Fox: dos Santos vs. Miocic 13 dicembre 2014 3 5:00   Phoenix, Stati Uniti Ritorna ai pesi gallo, debutto in UFC
Vittoria 6–0   Elias Garcia Decisione (unanime) Legacy FC 27 31 gennaio 2014 3 5:00   Houston, Stati Uniti Debutto nei pesi mosca, incontro catchweight (128.5 libbre)
Vittoria 5–0   Ryan Hollis Decisione (unanime) Legacy FC 24 11 ottobre 2013 3 5:00   Dallas, Stati Uniti Incontro catchweight (128 libbre)
Vittoria 4–0   Miguelito Marti KO Tecnico (pugni) Gladiator Challenge: American Dream 18 maggio 2013 1 1:43   Lincoln, Stati Uniti
Vittoria 3–0   Anthony Sessions KO Tecnico (pugni) WFF 10: Cejudo v Sessions 19 aprile 2013 1 4:23   Chandler, Stati Uniti Vince il titolo dei pesi gallo WFF
Vittoria 2–0   Sean Henry Barnett KO Tecnico (pugni) Gladiator Challenge: Battleground 24 marzo 2013 1 4:55   San Jacinto, Stati Uniti
Vittoria 1–0   Michael Poe KO Tecnico (pugni) WFF MMA: Pascua Yaqui Fights 4 2 marzo 2013 1 1:25   Tucson, Stati Uniti

NoteModifica


Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN316739172 · GND (DE1022698699 · WorldCat Identities (EN316739172